Ultime news

Cumulo Inps – Casse professionali

maggio 16, 2018maggio 16, 2018

Dopo mesi di confronto  tra Inps e Casse dei professionisti finalmente decollano le convenzioni operative per garantire la possibilità di cumulo gratuito, ieri l’Inps ha comunicato che sono stati sottoscritti dieci accordi da parte di altrettante Casse (sono 17 in totale). Si tratta di Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e odontoiatri), Inarcassa (ingegneri ed architetti liberi professionisti), Enpapi (professione infermieristica), Enpaf (farmacisti), Enpav (veterinari), Enpap (psicologi), Eppi (periti industriali e periti industriali laureati), Cipag (geometri), Inpgi (giornalisti), Cassa forense e Cnpr (ragionieri e periti commerciali). 

Nello stesso comunicato l'Inps afferma che questi accordi consentono di coprire oltre l’80% della platea potenzialmente interessata al cumulo gratuito dei contributi previdenziali con l’Inps.

Leggi il comunicato stampa dell'Inps

Rassegna stampa – nuove prospettive per un ritorno della pensione di anzianità?

maggio 16, 2018

Il punto di convergenza maggiore tra M5S e Lega è rimasto fino al termine dl confronto il superamento della Legge Fornero.
Si è parlato infatti del rispristino della pensione di anzianità con 41 anni e cinque mesi di contribuzione ed anche della cd. "Quota 100" con un'età minima di 64 anni.
Non verrebbero invece toccati altri pilastri della Legge Fornero: l'adeguamento dei requisiti dell'aspettativa di vita e l'innalzamento dell'età legale per la pensione di vecchiaia.

Parlare di abolizione , o anche di superamento della Legge Fornero, non è sicuramente semplice; pochi giorni fa Bankitalia, riferendosi alle ultime riforme pensionisriche le ha definite come uno dei punti di forza (da non smontare) della nostra finanza pubblica; l'Inps poi, per un ritorno della "pensione di anzianità", ha stimato una spesa aggiuntiva di 14-18 [...]

Riparte il confronto sul nuovo CCNL 2016-2018

maggio 7, 2018maggio 7, 2018

Riaprono i lavori sul nuovo contratto, al centro questa volta il rinnovo per i dirigenti pubblici, in particolare si riparte dai dirigenti appartenenti alle "Funzioni centrali" perché è il testo sui ministeriali a fare da apripista , da guida, per le materie comuni agli altri settori della PA.

Ape Volontaria – prima scadenza 18 aprile

aprile 13, 2018aprile 13, 2018

Scade il 18 aprile il primo termine per presentare la domanda di Ape Volontaria per chi, avendo i requisiti, voglia ottenere gli arretrati, è possibile infatti richiedere l'Ape Volontaria a partire dal 1^ maggio 2017.

Ad 8 mesi di distanza dall'emanazione del Dpcm 150/2017 attuativo della Legge però ancora non si è  perfezionata la convenzione con le singole banche che dovrebbero erogare i prestiti e dunque non si può partire con l'Ape.

 

Aggiornate le dispense Ape Social e Precoci

marzo 27, 2018marzo 27, 2018

Nei "bottoni" in evidenza troverete tutti gli aggiornamenti  su APE SOCIAL  e PRECOCI 

Ricordiamo che il 31.03.2018 avremo la prima scadenza per la presentazione delle domande per accedere all'Ape sociale!

 

CERTIFICAZIONE UNICA 2018

marzo 12, 2018marzo 12, 2018
  • MERCOLEDI’ 7 MARZO 2018Invio CU 2018 ordinaria: termine per l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate della CU 2018 ordinaria

  • LUNEDI’ 12 MARZO 2018: INVIO CORRETTIVO CU 2018 ORDINARIA: ultimo giorno utile in cui è possibile effettuare la trasmissione delle CU correttive, senza incorrere in sanzioni

  • SABATO 31 MARZO 2018: Consegna CU 2018 sintetica:  redditi di lavoro dipendente e assimilati, di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, relativi all’anno 2017

Firmata l’ipotesi di CCNL del comparto enti locali

febbraio 21, 2018febbraio 21, 2018

Nella notte è stata firmata dalle parti sociali l'"ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto funzioni locali triennio 2016-2018" .
Il testo porta, dopo quasi 10 anni, gli attesissimi adeguamenti contrattuali, e, insieme ad essi, significative modifiche ed aggiornamenti  in merito a numerosi aspetti del rapporto di lavoro.
Aggiornamenti nei prossimi giorni!

LEGGI IL TESTO 

NEWS FISCALI 2018: PA E COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE

gennaio 10, 2018gennaio 10, 2018

PROROGATO DI UN ANNO IL DIVIETO ALLE PA DI STIPULARE CONTRATTI DI COLLABORAZIONE ETERODIRETTI ED ETEROORGANIZZATI.

Con il comma 1148 dell’art. 1 è prorogato al 1/1/2019 il divieto di cui all'articolo 7, comma 5-bis, del decreto legislativo n. 165 del 2001 (Collaborazioni Coordinate e Continuative nella P.A.)

In particolare, a seguito della modifica l’articolo 22, comma 8, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75 è il seguente: “Il divieto di cui all'articolo 7, comma 5-bis, del decreto legislativo n. 165 del 2001, come introdotto dal presente decreto, si applica a decorrere dal 1° gennaio 2019”.

NEWS FISCALI 2018: FATTURA ELETTRONICA

gennaio 10, 2018

FATTURA ELETTRONICA TRA PRIVATI E PER TUTTA LA FILIERA NEL QUADRO DEI CONTRATTI D’APPALTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE STIPULATI CON UNA PA

Dal 1° gennaio 2019, per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti, stabiliti o identificati nel territorio dello Stato, e per le relative variazioni, sono emesse esclusivamente fatture elettroniche utilizzando il Sistema di Interscambio.

Dal 1° luglio 2018 obbligo di fattura elettronica anche per le:

  1. a) cessioni di benzina e gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori;
  2. b) prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi e forniture stipulato con una P.A. con indicazione del relativo codice CUP e CIG.

NEWS FISCALI 2018: STERILIZZAZIONE DEGLI AUMENTI DELLE ALIQUOTE IVA

gennaio 10, 2018

Sono sterilizzati gli aumenti delle aliquote IVA per il 2018.

Come varieranno nel futuro:

  1. a) l’aliquota del 10%: dal 1° gennaio 2019 all’ 11,5% e dal 1° gennaio 2020 al 13%;
  2. b) l’aliquota del 22%: dal 1° gennaio 2019, al 24,2%, dal 1° gennaio 2020 al 24,9% e dal 1° gennaio 2021 al 25%.

 

NEWS FISCALI 2018: IL NUOVO CALENDARIO FISCALE

gennaio 10, 2018
  • 30 SETTEMBRE
     Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute (spesometro) relativa al secondo trimestre (ovvero al primo semestre per chi sceglie la periodicità semestrale, facoltà riconosciuta dal “collegato fiscale”).

  •  31 OTTOBRE
    Presentazione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap, dei sostituti d’imposta modello 770 e per trasmettere in via telematica le Certificazioni uniche contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione precompilata.
  • 23 LUGLIO
    termine per presentare il modello 730 a un Caf-dipendenti.

NEWS FISCALI 2018: MANOVRA FINANZIARIA 2018 – LEGGE N. 205/2017

gennaio 10, 2018

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017 la Legge di Bilancio 2018, il cui articolo 1 è suddiviso in 1181 commi, che contiene numerose disposizioni fiscali tra le quali:

  1. il nuovo calendario fiscale;
  2. il nuovo limite reddituale per considerare i figli a carico;
  3. detrazione abbonamenti ai mezzi pubblici;
  4. sterilizzazione degli aumenti delle aliquote Iva;
  5. nuova soglia di accesso al “bonus 80 euro”;
  6. fattura elettronica tra privati;
  7. fattura elettronica per tutta la filiera nel quadro dei contratti d’appalto di lavori, servizi e forniture stipulati con una PA;
  8. abrogazione della scheda carburante;
  9. riduzione alla soglia di 5.000 euro oltre la quale le pubbliche amministrazioni devono verificare se il beneficiario ha debiti tributari;
  10. prorogato di un anno il divieto alle PA di stipulare contratti di collaborazione eterodiretti ed etero organizzati.

NEWS FISCALI 2018: tasso d’interesse legale fissato a 0,3%

gennaio 10, 2018

Decreto MEF 13 dicembre 2017 – tasso d’interesse legale fissato a 0,3%

Con decorrenza dal 1° gennaio 2018, il saggio degli interessi legali in ragione d’anno è pari allo 0,3%, come stabilito dal decreto 13 dicembre 2017 del Ministro dell’economia e delle finanze.

Pubblica Amministrazione: Rinnovo dei contratti

dicembre 28, 2017dicembre 28, 2017

Rinnovo dei contratti (co. 370-374)

Per quanto concerne il settore dell’amministrazione e del pubblico impiego, la  legge determina gli oneri complessivi a carico del bilancio dello Stato per la contrattazione collettiva nazionale per il pubblico impiego per il triennio 2016-2018, cui vengono destinate risorse pari a 300 milioni per il 2016, 900 milioni per il 2017 e 2.850 milioni dal 2018.
L'intesa siglata il 23 dicembre  relativa all'accordo  sul contratto nazionale  per gli  statali ed enti pubblici non economici, prevede un aumento di circa il 4,5% dello stipendio fisso, aumento che non tiene conto solo dell'inflazione, ma mira a recuperare,  almeno in parte,  gli otto anni di blocco contrattuale. 
Per quanto riguarda gli arretrati arriverà nella prima busta paga utile (probabilmente quella di marzo 2018) l'una [...]

Pagamenti delle pensioni ogni 1^ del mese

dicembre 28, 2017

Da gennaio 2018, si prevede che tutte le pensioni corrisposte dall’Inps, cosi come le rendite vitalizie Inail, vengano pagate ogni primo del mese. (comma 104 quater) 

Novità in merito alla RITA

dicembre 28, 2017

A regime la Rendita integrativa temporanea anticipata (RITA) ()
Si prevede per il 2018 la stabilizzazione e la semplificazione della Rendita integrativa temporanea anticipata c.d. RITA (co. 98 - 99).

In particolare, si prevede la possibilità che le prestazioni della previdenza complementare (ad esclusione di quelle a prestazione definita) siano erogate (totalmente o parzialmente) sotto forma di RITA ai lavoratori che

  • cessino l’attività lavorativa e maturino l’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i 5 anni successivi, nonché abbiano maturato alla data di presentazione della domanda di accesso alla RITA un requisito contributivo complessivo di almeno 20 anni nei regimi obbligatori di appartenenza;
  • risultino inoccupati per un periodo di tempo superiore a 24 mesi e che maturino l’età anagrafica per la pensione di [...]

Novità in materia di Ape Volontaria e Ape Social

dicembre 28, 2017

La finalità degli interventi in materia di APE (comma 162) è quella di estendere la possibilità di accesso a questi strumenti ad una platea più ampia di lavoratori

Per quanto riguarda l'APE volontaria 

  • viene disposta la proroga di un anno (dal 31 dicembre 2018 al 31 dicembre 2019) dell’istituto - che ricordiamo essere sperimentale 

Per quanto riguarda l'APE sociale:

  • si interviene sul requisito “stato di disoccupazione”  prevedendo che esso si configuri (oltre che nel caso di licenziamento, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, come già previsto) anche nel caso di "scadenza del termine del rapporto di lavoro a tempo determinato, a condizione che il soggetto abbia avuto, nei 36 mesi precedenti la cessazione del rapporto, periodi di lavoro dipendente per almeno 18 mesi";
  • si interviene sul periodo di [...]

Speranza di vita: modifica del meccanismo ed esclusione dei lavori usuranti dall’adeguamento

dicembre 28, 2017

In primo luogo si modifica il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita (co. 82)

  •  che si dovrà fare riferimento alla media dei valori registrati nei singoli anni del biennio (e non più triennio) di riferimento rispetto alla media dei valori registrati nei singoli anni del biennio precedente;
  • che gli adeguamenti (a decorrere da quello operante dal 2021) non possono essere superiori a 3 mesi (con recupero dell'eventuale misura eccedente in occasione dell'adeguamento o degli adeguamenti successivi);
  • che eventuali variazioni negative devono essere recuperate in occasione degli adeguamenti successivi (mediante compensazione con gli incrementi che deriverebbero da tali adeguamenti)

In secondo luogo (co 83) si dispone l’esclusione dall'adeguamento all'incremento della speranza di vita (pari a 5 mesi a decorrere dal 2019) per specifiche categorie di lavoratori (individuate dall’allegato B3) e per i lavoratori impegnati nelle cd. attività usuranti.

Principali Novità Legge di Bilancio 2018

dicembre 28, 2017

Il Senato ha approvato in via definitiva il 23 dicembre con il voto di fiducia (140 sono stati i voti favorevoli, 97 i contrari) la Legge di Bilancio 2018 (ex "legge di stabilità", prima ancora "legge finanziaria").

Tra le principali misure previste dal disegno di legge in materia preidenziale si segnalano:

  • Speranza di vita: modifica del meccanismo ed esclusione dei lavori usuranti dall'adeguamento  
  • Novità in materia di Ape Volontaria e Ape Social
  • Novità in merito alla RITA
  • Pagamenti delle pensioni ogni 1^ del mese

Ed in materia di Pubblica Amministrazione

  • Rinnovo dei contratti
  • Nuove assunzioni 

 

 

Rinnovo delle pensioni, delle prestazioni assistenziali e delle prestazioni di accompagnamento alla pensione per l’anno 2018

dicembre 28, 2017

L'Inps, con circolare 186 del 21/12/2017 ha aggiornato i valori delle pensioni e degli imponibili per l'anno 2018 dopo due anni di "non rinnovi".
La percentuale di variazione per il calcolo della perequazione delle prestazioni previdenziali e assistenziali per l'anno 2014 è stata determinata, dal 1° gennaio 2015, nella misura definitiva pari a +0,2%, a fronte della misura provvisoria dello 0,3%. Pertanto, in sede di conguaglio di perequazione effettuato per il successivo anno 2016, il differenziale è risultato pari a -0,1.
Nessun conguaglio è stato effettuato rispetto a quanto corrisposto nell’anno 2017. Il recupero del conguaglio era stato differito al 2018. L’articolo 2 del Decreto del 20 novembre 2017 stabilisce che la percentuale di variazione per il calcolo della [...]

Nuova Passweb e accredito figurativo: nuovi strumenti

dicembre 11, 2017dicembre 11, 2017

Con il Messaggio HERMES n. 004939 del 07.12.2017 l'Inps ha comunicato il rilascio di aggiornamenti nell'applicativo "Nuova Passweb".

Quali sono le novità?

  • La nuova versione consente la gestione nella posizione assicurativa dei dati relativi a “eventi con accredito figurativo” denunciati dai datori di lavoro nel flusso UniEmens con i quadri V1 causale 7 – motivo di utilizzo 8. Questi eventi sono elencati e descritti nella specifica tabella contenuta nella circolare 81 del 22 aprile 2015
  • Sono state rese disponibili nuove funzioni per l’alimentazione della posizione assicurativa con i dati relativi ai citati eventi per la gestione del c.d. ultimo miglio e per la messa a disposizione dei dati di posizione assicurativa alle prestazioni istituzionali.

Legge di Bilancio 2018: Previsione di un fondo per i cd. “caregiver”

novembre 29, 2017novembre 29, 2017

Chi sono i "caregiver"?
Con questo termine si indicano coloro i quali assistono e si prendono cura del coniuge, dell'unito civilmente, del convivente di fatto o di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, infermità o disabilità, non sia autosufficiente, sia riconosciuto invalido o titolare di indennità di accompagnamento

In attesa di un riconoscimento formale del ruolo del "caregiver"  il Governo vuole stanziare un fondo da 60 milioni di Euro da ripartirsi in tre anni. 

Lunedì la proposta di Legge è stata votata dalla Commissione bilancio dello Stato che sta esaminando la manovra. 
Le linee guida dovranno poi essere definite in uno specifico Disegno di Legge.  

Cinque mesi in più per andare in pensione

ottobre 30, 2017ottobre 30, 2017

Ieri l'Istat ha confermato il dato di cui già da tempo si vociferava: la speranza di vita a 65 anni è salita, nel 2016, a 20 anni e 7 mesi, cinque mesi in più rispetto alla stima del 2013. 

In base alla nuova speranza di vita sarà dunque riformulato l’adeguamento dei diversi requisiti di pensionamento che, a partire da gennaio 2019, porterano la vecchiaia a 67 anni sia per gli uomini sia per le donne, mentre per l’uscita anticipata si arriverà a 42 anni e tre mesi e un anno in più per gli uomini.

Rimangono dunque molto forti le spinte per sospendere il prossimo scatto fissato a gennaio 2019 da parte dei sindacati e di molti membri del parlamento. 

Leggi l'articolo sul Sole 24 Ore.

 

 

APE VOLONTARIA: pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto

ottobre 18, 2017ottobre 18, 2017

E' in vigore da oggi il decreto del presidente del Consiglio dei ministri 150 del 4 settembre 2017 di attuazione dell’Ape volontaria. 

Un ulteriore passo avanti che però non rende ancora operativa l'Ape volontaria.
All'appello mancano infatti una serie di adempimenti: dagli accordi quadro tra i ministeri dell’Economia e del Lavoro e Abi e Ania, alla circolare Inps di attuazione. 

Gli accordi quadro, che dovrebbero essere sottoscritti entro 30 giorni da oggi, riguarderanno prioritariamente le caratteristiche del finanziamento con rimborso ventennale e la polizza in caso di morte.Una volta sottoscritte le intese, dalle quali si capirà il reale costo dell’Ape, l’Inps dovrà dunque pubblicare la sua circolare e dare il via libera alla presentazione delle domande di certificazione del diritto. 

Ape sociale – sconto per le donne

ottobre 17, 2017ottobre 17, 2017

Nel disegno di Legge approvato in data 16 ottobre si prevede di ampliare l'accesso all'Ape Social da parte delle donne tramite uno sconto contributivo per le donne che hanno avuto figli.
Lo sconto previsto è pari a 6 mesi per ogni figlio, con la previsione di un tetto massimo pari a 2 anni.

 

Legge di Bilancio 2018: Le principali novità

ottobre 17, 2017

In data 16 ottobre il Consiglio dei Ministri ha adottato il disegno di Legge relativo al bilancio 2018 e a quello triennale 2018-2020.

Ecco le principali voci della manovra:

  • Stop aumenti Iva e accise nel 2018 
  • Incentivo contributivo per i datori di lavoro privati che assumono giovani con contratti a tutele crescenti
  • Rinnovo dei contratti per il pubblico impiego
  • Ape sociale - sconto per le donne (vedi news seguente)

Rispetto alle "promesse" del Governo in materia di pensioni  pochi gli interventi importanti.

La reazione dei Sindacati è stata molto dura. 
Ad esempio Roberto Ghiselli: "Un mese fa avevamo consegnato al Governo le nostre proposte in materia previdenziale ed eravamo in attesa di risposte. Invece, nell’incontro di ieri (16 ottobre, ndr) il ministro del Lavoro Poletti [...] ha ribadito la posizione dell’esecutivo che avevamo già giudicato del tutto insufficiente, e anzi, su alcuni punti [...] ci sono stati addirittura dei passi indietro”. 

Ape social e precoci a breve i risultati

ottobre 16, 2017ottobre 16, 2017

Si è concluso il monitoraggio Inps su Ape e precoci, a tutti coloro che hanno inviato correttamente le domande entro il 15 luglio sono state inviate le risposte definitive, il 25 ottobre verranno invece presentati al Governo i risultati sugli ammessi 2017.

Nei giorni scorsi molti richiedenti, la cui domanda è stata rigettata, hanno lamentato una interpretazione da parte di INPS "eccessivamente restrittiva" nella valutazione delle domande di Ape e precoci, provocando così un eccessivo numero di domande rigettate.

Con la nota ufficiale del 13/10/17  il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha espressamente richiesto ad Inps di procedere nella valutazione della domanda "senza applicare interpretazioni restrittive". 

Ad ogni modo, si capiranno a fine mese i numeri effettivi dell'operazione.   

 

Tassi cessione del quinto

ottobre 4, 2017ottobre 4, 2017

Con il messaggio 4 ottobre 2017, n. 3821 INPS riporta il valore dei tassi relativi alla cessione del quinto della pensione.
Si tratta del valore dei tassi da applicare nel periodo 1° ottobre - 31 dicembre 2017 e le conseguenti variazioni dei tassi soglia del Tasso Annuo Effettivo Globale.
Che cos'è la cessione del quinto della pensione
E' un prestito che il pensionato può ottenere da un istituto di credito e rimborsare attraverso un addebito automatico che l'INPS effettua sulla sua pensione.
Il prelievo non può superare il 20%  dell'importo mensile della pensione.

Cumulo dei periodi per i liberi professionisti

ottobre 2, 2017ottobre 2, 2017

Il Cumulo dei periodi assicurativi tra le gestioni Inps e le casse professionali si concretizza in un compromesso per la ripartizione dei costi.

La Circolare attuativa dell'Inps è ora al vaglio del Ministero del Lavoro; questa prevede che il cumulo sia limitato ai soli fini del diritto e non ai fini della misura del trattamento pensionistico.
La quota di competenza delle Casse sarebbe, infatti, liquidata solo al perfezionamento dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dal regolamento professionale.
Una garanzia richiesta dalle Casse per sbloccare il decollo della misura che è ormai da molti mesi bloccata.

Ape sociale, alcuni chiarimenti

ottobre 2, 2017

APE SOCIALE E PENSIONE DI VECCHIAIA

Il raggiungimento del requisito anagrafico previsto per l’accesso alla pensione di vecchiaia costituisce la scadenza naturale dell'Ape sociale; in questo caso il pagamento dell'indennità cesserà automaticamente e l'interessato dovrà produrre domanda di pensione di vecchiaia per non restare con un vuoto economico.
L'ape sociale sarà comunque erogata per coprire i successivi adeguamenti alla speranza di vita che dovrebbero scattare a partire dal 2019.

APE SOCIALE E PENSIONE ANTICIPATA

In questo caso non possiamo parlare di decadenza automatica, infatti, qualora vengano maturati i requisiti per la pensione anticipata, l'ape sociale continuerà ad essere erogata fino a quando il soggetto non abbia presentato la relativa domanda ed abbia conseguito il trattamento stesso.   

I requisiti dell’Ape volontaria

settembre 27, 2017settembre 27, 2017

Che requisiti occorronno per accedere ad Ape Volontaria?

  •  63 anni di età
  • 20 anni di contributi 
  • soddisfare un importo soglia della pensione pari a circa 700 euro al mese al netto della rata di ammortamento del prestito pensionistico (cioè almeno 1,4 volte il valore del trattamento minimo inps).
  • trovarsi a non più di 3 anni e 7 mesi dalla pensione di vecchiaia; è stato specificato che la durata del prestito potrà essere estesa in caso dei successivi scatti alla speranza di vita; se nel 2019 scatterà l'adeguamento il richiedente potrà accedere ad un finanziamento supplementare evitando di restare senza reddito sino alla maturazione della pensione. 

La vera incognita rimangono i costi, non sono ancora stati pubblicati i tassi di interesse da applicare nè il premio assicurativo in caso di premorienza.

Niente Ape volontaria per i cattivi pagatori

settembre 26, 2017settembre 26, 2017

Dal testo del DPCM, che dovrebbe uscire in Gazzetta ufficiale nei prossimi giorni, è evidenziato come non saranno accolte le richieste di coloro che, nonostante vantino un'anzianità contributiva almeno pari a 20 anni, che abbiano compiuto 63 anni e che maturino il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi, abbiano degli insoluti. 
E' specificato come, al momento della richiesta, il richiedente debba "dichiarare, sotto la sua responsabilità" di

  • non avere debiti scaduti o sconfinanti e non pagati da oltre 90 giorni
  • non essere registrato negli archivi della centrale dei rischi 
  • non aver avviato o essere oggetto di procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento ai sensi della legge 27 gennaio 2012, n. 3; 
  • non avere pignoramenti in corso o estinti senza integrale soddisfazione dei creditori;
  • non avere protesti a proprio [...]

Cumulo dei contributi, slitta l’interrogazione parlamentare

settembre 26, 2017

Ancora qualche giorno di attesa per la risposta del Governo circa la mancata attuazione del cumulo dei periodi per i soggetti che hanno contribuzione presso le casse professionali.
L'interrogazione era stata prevista per il 21 Settembre ma l'Ufficio di Presidenza l'ha spostata al prossimo 28 Settembre.

Proposta dei sindacati, arrivano le prime valutazioni sui costi

settembre 22, 2017settembre 22, 2017

I calcoli sulla portata finanziaria delle richieste sindacali sono ancora in corso. 
Le principali richieste dei sindacati riguardano il blocco dell'aumento della speranza di vita e lo sconto sulla contribuzione per le madri lavoratrici.
Le valutazioni «puntuali» arriveranno dopo il varo della Nadef e il G7 del Lavoro, il 29 e 30 settembre. Ma qualche indicazione comincia a circolare.

Riportiamo i dati del Sole 24 Ore:

...Sospendere temporaneamente l’adeguamento automatico dei requisiti di pensionamento all’aspettativa di vita, mantenendo il livello attuale di 66 anni e 7 mesi per la vecchiaia e a 42 anni e 10 mesi per l’anticipo (41 e 10 mesi per le donne) fino al 2021 potrebbe costare fino a 5 miliardi cumulati tra il 2019 e il 2020. Invece riconoscere un bonus di un anno per ogni figlio per consentire un ritiro più flessibile a tutte [...]

Cumulo dei contributi-bisogna partire

settembre 22, 2017

Il cumulo gratuito dei contributi previsto dalla Legge di Bilancio 2017 ad oggi è ancora in stallo per quanto riguarda il cumulo dei periodi non coincidenti per i professionisti.

A tal proposito, per stimolare una soluzione, sono partite le interrogazioni parlamentari al Ministro Poletti.
Si spera di poter giungere ad una soluzione in tempi rapidi. 

Fase 2 delle pensioni: proposta unitaria di CGIL, CISL e UIL

settembre 21, 2017settembre 21, 2017

CGIL CISL e UIL hanno redatto una proposta unificata in merito a diverse misure da attuare per dare seguito a quel famoso "verbale di sintesi" del 28/09/2016, dal quale sono nate Ape social, ape volontaria, cumulo dei contributi ecc., dal quale però non sono mai scaturite le norme di attuazione della cd "Fase 2".

Di seguito le esigenze principali individuate dai 3 sindacati:

  • blocco dell'adeguamento dei requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia previsto per l' 1/1/2019 e avviamento di una procedura negoziata per la revisione dell'attuale meccanismo.
  •  maggiorazione contributiva dei periodi di maternità
  • anticipo dell'età per l'accesso alla pensione (e all'ape social) oppure applicazione di coefficienti di trasformazione maggiorati per tutte le lavoratrici che abbiano avuto o adottato figli
  • per le pensioni dei giovani: riduzione [...]

Nuove proposte per il sostegno del welfare

settembre 19, 2017settembre 19, 2017

Ieri i segretari generali di UIL e Uila -Carmelo Barbagallo e Stefano Mantegazza- hanno depositato in Corte di Cassazione una richiesta per l´avvio di una raccolta firme per la presentazione di due proposte di legge di iniziativa popolare, l'obiettivo è quello di raggiungere le 100mila firme per la presentazione dei provvedimenti in Parlamento.

La prima proposta: si intende modificare la Naspi,  e si mira contestualmente ad estendere l'APE Sociale verso alcune categorie di soggetti rimasti esclusi dalla misura. 

La seconda proposta: riguarda il sostegno alla genitorialità, all´occupazione femminile e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per madri e padri. 

 

Ape volontaria, possibile partenza a inizio dicembre

settembre 18, 2017settembre 18, 2017

Il DPCM relativo all'Ape volontaria si trova, al momento, al vaglio della Corte dei Conti.
Da quando il provvedimento entrertà in vigore sono previsti 30 giorni per stipulare gli accordi con banche ed assicurazioni, a quel punto dovrà essere stipulato un accordo di servizio con l'INPS, il qualè infatti rappresenta l'interlocutore unico col cittadino che, una volta scelti società creditizia e assicurativa avrà rapporti solo con l'Inps.

Considerando tutte le incombenze che rimangono ancora da espletare in merito al decreto, una possibile data dalla quale far scattare l'operazione potrebbe essere inizio dicembre.

Contrasto alla povertà: via libera al Reddito di Inclusione

settembre 13, 2017settembre 13, 2017

La Legge 15 marzo 2017, n. 33,  delega il Governo ad emanare norme relative al contrasto della povertà e al riordino delle prestazioni assistenziali.
Nella riunione del 29/08/2017, il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della legge.
Il decreto introduce, a decorrere dal 1° gennaio 2018, il Reddito di Inclusione (ReI), quale misura di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. Il decreto riordina le prestazioni assistenziali finalizzate al contrasto alla povertà e rafforza il coordinamento degli interventi in materia di servizi sociali, per garantire i livelli essenziali delle prestazioni in tutto il territorio nazionale. Per maggiori informazioni continua la lettura...

 

Oggi incontro in tema di pensioni tra governo e sindacati

settembre 13, 2017

Al tavolo di oggi l'anticipo pensionistico per le donne; la proposto del governo prevede uno sconto di 6 mesi per ogni figlio per un massimo di due anni; i sindacati rilanciano affermando che (Maurizio Petriccioli-Cisl) "Se riconosciamo il valore sociale della maternità è difficile limitare l’anticipo pensionistico alle sole donne rientranti nell’Ape sociale, occorre estenderlo a tutte [...] Inoltre lo “sconto” deve essere maggiore».
I sindacati proporranno dunque un anticipo di un anno per ogni figlio per uno sconto massimo pari a tre anni.
Ulteriore richiesta dei sindacati è quella di «valorizzare il lavoro di cura prestato dalle donne riconoscendo un bonus [...] Per definire la platea, si può far riferimento a chi usufruisce della legge 104».

Per il presidente dell’Inps si tratta di una misura strutturalmente sbagliata, secondo Boeri infatti "bisogna affrontare il problema di fondo, la mancanza di potere contrattuale delle donne".   

Proposte per “aggiustare” l’ape social

settembre 12, 2017settembre 12, 2017

La necessità evidenziata da tempo, e confermata dal numero di richieste arrivate fino ad ora da parte delle donne (che non supera il 29%),  è quella di rendere più accessibile l'Ape social alle donne, le quali faticano a raggiungere il requisito contribuitivo di 30 e 36 anni.
La prima proposta del governo prevede uno sconto contributivo di sei mesi per ogni figlio, fino ad un massimo di 2 anni.
È stata questa la soluzione proposta in sede di incontro con i sindacati, i quali hanno ritenuto però questo intervento "troppo timido" e chiedono misure più robuste, che siano in grado di riconoscere in  maniera effettiva il lavoro di cura.
Cgil, Cisl e Uil presenteranno una loro controproposta nel prossimo incontro del 13 settembre che sarà valutata dal Governo.

 

Si avvicina al debutto la rendita integrativa temporanea anticipata-RITA

settembre 12, 2017

In che cosa consiste la RITA? 

Si tratta della possibilità, in caso di cassazione del rapporto di lavoro (per qualsiasi ragione), di ricevere in tutto o in parte il capitale che si è accumulato presso fondi di previdenza complementare, e di utilizzarlo per accompagnare il richiedente fino al conseguimento del requisito di accesso alla pensione (cioè sino ai 66 anni e 7 mesi di età).

Quali sono i requisiti richiesti?

I requisiti richiesti sono i medesimi dell'Ape volontaria- salvo l'ulteriore requisito della cessazione del rapporto di lavoro.

Come si può utilizzare?

Si può decidere di utilizzare la Rita a prescindere dall'adesione all'Ape volontaria, quindi si potrà optare solo per l'utilizzo di Rita oppure mixare questo strumento con l'ape volontaria.

Quali vantaggi e svantaggi rispetto all'ape volontaria?

La Rita non [...]

Ape volontaria: la domanda

settembre 12, 2017

Anche per l'accesso all'Ape volontaria avremo una doppia domanda ad Inps, di cui la prima è finalizzata all'accertamento dei requisiti mentre la seconda rappresenta la domanda vera e propria di accesso all'anticipo pensionistico.

Le tappe per ottenere l'Ape volontaria saranno quindi le seguenti:

  • Richiesta di certificazione all'Inps dei requisiti (esclusivamente con domanda telematica)
  • Risposta dell'Inps entro 60 giorni dall'invio della richiesta
  • In caso di accertamento positivo dei requisiti domanda di accesso all'Ape 
  • Contestuale domanda diretta ad ottenere la pensione di vecchiaia (da liquidarsi al raggiungimento dei requisiti anagrafici previsti dalla normativa vigente)
  • A seguito della ricezione della richiesta di prestito trasmissione da parte dell’Istituto finanziatore all’Inps del contratto di prestito o dell’eventuale comunicazione di rifiuto dello stesso [...]

APE VOLONTARIA:  ALCUNE NOTIZIE IN BREVE

settembre 5, 2017settembre 5, 2017

Requisiti

  • 63 anni di età e 20 anni di contributi
  •  Importo soglia della pensione al netto della rata  da restituire, almeno pari a 1,4 volte il trattamento minimo (per il 2017 € 702,65)
  • Diritto alla pensione di vecchiaia da maturarsi entro 3 anni e 7 mesi.

Importo dell’APE:

  • Minimo € 150,00
  • Massimo : tra il 75% e il 90% della pensione maturata, secondo la durata del periodo di percezione.
  • Sulla pensione di vecchiaia futura graveranno i costi dell’anticipo, degli interessi del finanziamento e quelli della polizza assicurativa in caso di morte.

Nel DPCM sono inoltre indicate una serie di cause di incompatibilità  che potranno determinare la mancata certificazione INPS del diritto  all’Ape volontaria (pignoramenti in corso, esposizioni creditizie scadute…)

A breve la newsletter su APE VOLONTARIA

APE VOLONTARIA : i tempi di attuazione 

settembre 5, 2017

Ieri il Premier Gentiloni   ha firmato  il decreto sull’APE VOLONTARIA.

La Corte dei Conti dovrà provvedere alla registrazione e quindi il DPCM sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Entro  un mese dalla pubblicazione sulla GU dovranno essere stipulati gli accordi quadro con ABI ( Associazione Bancaria Italiana) per definire  il tasso di interesse da corrispondere sul finanziamento, e con ANIA (Associazione Nazionale Imprese Assicurative) per definire il premio assicurativo del rischio di premorienza)

Conseguentemente l’INPS  pubblicherà la circolare operativa.

Di fatto il decreto non sarà quindi immediatamente operativo, ma si dovrà attendere presumibilmente  il mese di ottobre.

Gentiloni firma decreto su Ape volontaria

settembre 4, 2017settembre 4, 2017

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha firmato questa mattina il Dpcm sull'Ape volontaria.

Lo rende noto un comunicato della presidenza del Consiglio, pubblicato su Twitter con foto della firma.

Maggiori informazioni e approfondimenti a breve.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 LUGLIO 2017

luglio 31, 2017luglio 31, 2017

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 175 del 28 luglio 2017, è stato pubblicato il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 luglio 2017, che dispone la proroga per la presentazione telematica delle dichiarazioni dei redditi, dell’Irap e del modello 770 al 31 ottobre 2017.

NUOVA ALIQUOTA INPS GESTIONE SEPARATA

luglio 31, 2017

Con Circolare n. 115 del 19 luglio 2017 l’INPS ha disposto l’incremento con decorrenza dal 1° luglio 2017 dello 0,51% dell’aliquota contributiva alla Gestione Separata per i soli soggetti non iscritti ad altre forme pensionistiche.

Pertanto, a partire dal 1° luglio 2017, le aliquote contributive previste per collaboratori e autonomi occasionali sono:

24%

33,23%

 

per coloro che sono soggetti ad altre forme pensionistiche.

per coloro che non sono soggetti ad altre forme pensionistiche. L’aliquota fino al 30/6/2017 era fissata al 32,72%.

La ripartizione rimane quella precedentemente prevista: 1/3 a carico del collaboratore e 2/3 a carico committente .

NUOVI CODICI TRIBUTO DAL 14 LUGLIO 2017

luglio 31, 2017

MODELLO DI VERSAMENTO

NUOVI

CODICE TRIBUTO

F24EP

 

622E
IVA sugli acquisti modello INTRA 12 – art. 49 del DL n. 331/1993

F24

 6043
 IVA sugli acquisti modello INTRA 12 – art. 49 del DL n. 331/1993

I nuovi codici tributo sostituiscono i precedenti 6099 e 619E che restano comunque attivi per effettuare le altre tipologie di versamento per i quali sono attualmente utilizzati.
Con Risoluzione n. 91/E del 14 luglio 2017, infatti, l’Agenzia delle Entrate ha istituito due appositi codici tributo per il versamento dell’IVA dovuta sugli acquisti intracomunitari da parte degli enti pubblici e privati, compresi i consorzi, le associazioni o altre organizzazioni senza personalità giuridica e le società semplici che non svolgono attività commerciali (cd. “Enti non commerciali”), che hanno l’obbligo di presentare apposita [...]

SPLIT PAYMENT : DEFINITIVI GLI ELENCHI SUL MEF

luglio 31, 2017

Il MEF, in data 26 luglio 2017 ha pubblicato gli elenchi definitivi delle società controllate o quotate soggette alla disciplina dello Split payment.

Non è stato pubblicato l'elenco delle Pubbliche Amministrazioni soggette a Split payment, in quanto tali soggetti coincidono con le Pubbliche Amministrazioni destinatarie della fattura elettronica obbligatoria ai sensi dell'art. 1 comma 209 e ss. della L. 244/2007.

5 INCONTRI PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI INTERVENTI IN MATERIA PREVIDENZIALE

luglio 28, 2017luglio 28, 2017

Ieri, giovedì 27 luglio, si è riaperto il confronto tra Governo e sindacati in tema di pensioni.
Sul tavolo non solo la revisione degli interventi messi in atto fino ad oggi ma anche e soprattutto la trattazione di temi della c.d. Fase 2.

E’ innanzitutto importante sottolineare quanto l’urgenza di questi interventi sia significativa affinché queste misure possano essere inserite nella prossima Legge di Bilancio, ma anche in virtù della fine della legislatura.

Gli argomenti sul tavolo sono numerosi, ecco i più discussi...

  • tutela pensionistica delle donne: il primo importante argomento è la valorizzazione e il riconoscimento del lavoro di cura da parte delle donne ai fini previdenziali.
    La difficoltà delle donne a raggiungere soglie contributive alte è stata per l’ennesima volta dimostrata dallo scarso numero di domande [...]

LO SPLIT PAYMENT DOPO LA PUBBLICAZIONE DEL DM 13/7/2017

luglio 28, 2017

 

A decorrere dall’1/7/2017, l’ambito applicativo dello split payment è esteso includendo il meccanismo in esame ai lavoratori autonomi e ad altri soggetti (Pubbliche Amministrazioni e altre società).
Con il DM 13/7/2017 è stata modificata l’individuazione delle Pubbliche Amministrazioni tenute all’applicazione dello split payment disponendo che, a tal fine, va fatto riferimento ai soggetti per i quali è previsto l’obbligo di fatturazione elettronica.
Sul sito Internet del MEF sono disponibili gli elenchi aggiornati dei soggetti destinatari del meccanismo in esame, non ancora definitivi.

...continua a leggere

 

Legge Richetti tra entusiasmi e perplessità

luglio 27, 2017luglio 27, 2017

E' stata approvata alla camera la legge Richetti, legge con cui il trattamento pensionistico di deputati e senatori viene equiparato a quello dei dipendenti pubblici.

Ricordiamo che già nel 2012 erano stati aboliti i vitalizi, per cui i trattamenti pensionistici per i parlamentari in carica dall'attuale legislatura sono già calcolati con il conmtributivo, con l'entrata in vigore di questa legge tutti i parlamentari (anche passati) percepiranno le pensioni come tutti gli altri lavoratori a 66 anni e 7 mesi, secondo le norme della legge Fornero

Damiano ha esternato le sue perplessità in merito a questa legge, con particolare riferimento alla possibilità, da scongiurare, che la suddetta possa fungere da precedente per un ricalcolo non solo dei vitalizi degli ex parlamentari ma anche della pensione di coloro che hanno maturato la pensione con le norme pre-Fornero che prevedevano il calcolo retributivo. 

 

Nuove disposizioni in materia di adesione al fondo Perseo Sirio

luglio 24, 2017luglio 24, 2017

A partire dal 1° giugno molte novità previste da Covip per aderire al fondo pensione.
Nella circolare del Fondo il punto sulle principali novità. 
Al fine di recepire le novità che accompagnano la nuova complessiva disciplina in materia di raccolta delle
adesioni, è modificato anche lo schema di Modulo di adesione,  a partire dal 01.06.2017 non potranno essere accettati moduli che non siano quelli nuovi indicati dalla circolare, pena l’invalidità dell’adesione.

Possibili ritocchi all’Ape sociale nella prossima Legge di Bilancio

luglio 24, 2017

La prima serie di aggiustamenti all'Ape sociale potrebbe riguardare il versante donne: innanzitutto si discute sulla possibilità di ridurre il requisito contributivo (che è pari a 30 anni) di 3 anni, portandolo così, per le sole donne, a 27 anni.

In secondo luogo si cercano soluzioni per valorizzare i periodi che sono stati prestati (in particolar modo dalle donne) per la cura dei familiari

Il riscontro nei confronti di questa misura è stato estremamente positivo, complessivamente sono state presentate oltre 66mila istanze, entro la scadenza del 15 luglio, prevista per coloro che maturano i requisiti al 31 dicembre di quest’anno; questo successo ha portato all'idea di poter rendere l'Ape Sociale una misura strutturale, superando quindi il carattere sperimentale della misura. 

Prossimo incontro governo-sindacati, quali prospettive?

luglio 24, 2017

Giovedì prossimo, 27 luglio 2017, si terrà un incontro tra governo e sindacati in cui verrà ripresa la discussione sulla "Fase 2" della previdenza. 

I principali temi trattati saranno la pensione contributiva di garanzia per i giovani, il riconoscimento prevideniale dei periodi di cura prestati dalle donne e la revisione del meccanismo automatico di innalzamento della pensione.   

Dopo l'estate invece, partirà il lavoro sulle misure previste dalla Legge di Bilancio ossia Ape volontario, Ape aziendale e Rita.

 

Chiarimenti Inps sull’Ape Social

luglio 20, 2017luglio 20, 2017

Pubblicate sul sito dell'Inps le FAQ in materia di Ape Sociale che si riferiscono a quesiti di carattere generale quali:

  • mantenimento della residenza in Italia;
  • requisito contributivo nell’ipotesi di pluralità di gestioni assicurative e contributive;
  • decorrenza della prestazione;
  • cessazione, annullamento, revoca del beneficio;
  • cause di incompatibilità;
  • caratteristiche per condizioni soggettive (assistenza a soggetto con handicap grave, stato di disoccupazione)
  • presentazione, all’istruttoria e al monitoraggio delle domande.

Qui il collegamento

Proposte di estensione dell’Ape Sociale per i disoccupati

luglio 20, 2017

Per il Presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, la possibilità di accedere all'Ape Sociale dovrebbe essere garantita anche ai disoccupati che non hanno fruito degli ammortizzatori sociali, per mancanza dei requisiti richiesti o per non aver prodotto la domanda di disoccupazione nei tempi previsti dalla legge e ai disoccupati a seguito della scadenza dei contratti a termine.

Più in generale la proposta di Damiano è di garantire l'Ape a più persone possibile, da qui la proposta di aprire un tavolo di confronto per ampliare il perimetro di accesso agli anticipi ai lavoratori attualmente esclusi. 

Quali le possibilità in campo per rendere più graduale il prossimo adeguamento alla speranza di vita

luglio 20, 2017

Punto centrale nella politica di Cesare Damiano, l'abbattimento del meccanismo automatico dell'aumento della speranza di vita sarà uno dei punti centrali della ripresa del confronto sulla fase due della riforma della previdenza.

Le ipotesi che ad oggi si profilano escludono uno stop generalizzato per tutti i lavoratori, così come chiede la parte sindacale.

La questione diventa ancor più gravosa per le donne, considerando anche la chiusura dell'opzione donna e la difficoltà delle stesse di conseguire l'APE sociale dai 63 anni, a causa dell'alto contributivo richiesto (30 anni); un requisito che la fragile e discontinua attività lavorativa delle donne rende difficoltoso raggiungere.
La prossima fase di confronto sembra sarà quindi incentrata sull'elaborare meccanismi che agevolino l'uscita soprattutto [...]

Riscatto ai fini pensionistici del servizio civile universale

luglio 13, 2017luglio 13, 2017

Con Dlgs 40 del 6 marzo 2017  sono state emanate le norme relative alla revisione del servizio  civile nazionale e alla istituzione del servizio civile universale, individuando i settori di intervento, l’organizzazione e le attività, il ruolo degli enti ed operatori, il finanziamento e il  controllo sulle attività svolte .

Possono presentare domanda  i cittadini che  abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e non superato il ventottesimo anno. Si può accedere al servizio tramite bando pubblico di selezione.
Il servizio può svolgersi in Italia o all’estero, ha una durata non inferiore a otto mesi e non superiore a 12.

Il contratto instaurato non è assimilabile ad alcuna forma di rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato.
Gli importi  corrisposti durante il servizio  sono esenti da imposte e non sono imponibili ai fini [...]

Precisazioni Inps su Ape Social e precoci

luglio 13, 2017

Con Messaggio INPS n. 2884  sono state fornite alcune precisazioni e chiarimenti in ordine alla presentazione on line delle domande di accesso all’APE SOCIAL e alla pensione con i requisiti  ridotti per i c.d. PRECOCI 

Viene indicato ad esempio, che la documentazione richiesta obbligatoriamente dai DPCM può essere presentata anche in un momento successivo all'invio della domanda, con una integrazione alla stessa, senza pertanto modificare il protocollo e l’ora di ricezione della domanda di accesso ai benefici.

Speranza di vita  e aumento dell’età pensionabile: La proposta di Damiano e di Sacconi

luglio 12, 2017luglio 12, 2017

Dal  1/1/2019 dovrebbe scattare un ulteriore incremento della speranza di vita (4 mesi secondo la Relazione Tecnica allegata al DL 201/2011, 5 mesi secondo le più attuali previsioni) che allungherebbe del corrispondente periodo la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata.

Gli adeguamenti  dovrebbero scattare dunque a partire dal 01.01.2019 e poi ogni due anni, mentre fino ad ora gli incrementi sono stati triennali.

Tutto il mondo della politica ha avvertito la necessità di rallentare, se non di bloccare, questo meccanismo automatico, da Damiano a Sacconi il fronte è comune.

L'ipotesi di un blocco nel breve periodo è altamente improbabile; fra le diverse proposte di revisione del meccanismo in questione c’è quella di  allungare l’adeguamento (ad esempio cinque anni) oppure quella di evitare lo scatto del 2019.

Età pensionabile e Speranza di vita, un meccanismo da ripensare

luglio 3, 2017luglio 3, 2017

La questione è al centro dei dibattitti da alcune settimane, con i sindacati e una parte di maggiornaza (in particolare Cesare Damiano) che chiedono la cancellazione di questo meccanismo automatico.
L'ipotesi della cancellazione sembra, ad oggi, ancora lontana, mentre si  pensano delle alternative per ammorbidire il meccanismo, ad esempio aumentando l'età in maniera più moderata oppure prevedendo uno scatto ogni tre anni anziché ogni due. 
Ad ogni modo la decisione andrà formalizzata a fine anno, e da qui ad allora le ipotesi sul banco non mancheranno.  

Cumulo nel sistema contributivo, Inps aggiorna la disciplina

giugno 27, 2017giugno 27, 2017

E' uscita la Circolare n. 103/2017 con la quale INPS dà via libera al cumulo per i lavoratori appartenenti al sistema contributivo puro oppure optanti per la liquidazione della pensione con tale sistema, parliamo quindi del cumulo previsto dal Dlgs 184/1997 - da non confondere con il cumulo introdotto dalla 228/2018 e ampliato dall'ultima legge di bilancio.  

A seguire newsletter

Sindacati all’attacco per la riaperturta del confronto sulla “flessibilità”

giugno 27, 2017

Cgil, Cisl e Uil hanno inviato una lettera alla presidenza del Consiglio per riaprire il confronto sulla cd. Fase 2 della previdenza  in vista della Legge di Bilancio 2018. In particolare i temi da trattare sono quelli dell'aspettiva di vita, delle future pensioni dei giovani e il rilancio della previdenza complementare. 

Stop all’assegno divorzile se l’ex va in pensione

giugno 27, 2017

Così ha deciso la Corte di Cassazione, che chiarisce i criteri da seguire per decidere sull'assegno di divorzio; non più tenore di vita e divario economico , ma vale l'autosufficienza. 
La Corte ha revocato così l'assegno di divorzio all'ex moglie diventata autosufficiente grazie alla pensione. 

Statali, si riapre il confronto

giugno 27, 2017

Oggi la ripresa del confronto sui nuovi contratti per i pubblici dipendenti, si tratta di una convocazione confederale, che non rappresenta quindi l'avvio del tavolo operativo ma è comunque un un primo passo di ripresa dopo una lunga fase di stallo.
L'obiettivo da raggiungere è quello indicato nell'intesa del 30 novembre ossia l'aumento medio di 85 € a regime, ricordando però le difficoltà connesse al raggiungimento di tale obiettivo, in special modo il rischio di perdere, con l'aumento contrattuale, il bonus di 80 €.

 

Ape e precoci – pubblicazione decreti entro la fine della settimana

giugno 14, 2017giugno 14, 2017

La pubblicazione del decreto su Ape Social  dovrebbe avvenire in Gazzetta ufficiale giovedì - o al massimo venerdì, subito dopo è attesa la Circolare dell'Inps che, a quanto dice l'Istituto stesso, è già pronta per essere pubblicata.
Solo a quel punto gli "stimati 60mila" potranno fare domanda.

...Aggiornamenti a  breve...  

Isopensione, possibile estensione?

giugno 14, 2017

L'onorevole Maria Luisa Gnecchi (Pd), con una interrogazione parlamentare, chiede la possibilità di estendere l'isopensione all'opzione donna, alla totalizzazione e al cumulo.

L'isopensione permette alle aziende con più di 15 dipendenti di stipulare accordi con le organizzazioni sindacali dei lavoratori e collocare anticipatamente in quiescenza i lavoratori a cui mancano non più di 4 anni dal raggiungimento della pensione di vecchiaia o della pensione anticipata al fine di incentivare l'esodo dei lavoratori più prossimi al trattamento di pensione.
La proposta parlamentare chiede l'estensione di questo istituto anche alle lavoratrici che utilizzano l'opzione donna, la totalizzazione nazionale e il cumulo dei periodi assicurativi.

 

 

Aumenti contrattuali, oggi l’incontro

giugno 8, 2017giugno 8, 2017

Oggi pomeriggio si terrà l’incontro per la presentazione ufficiale della Direttiva Madia sui contratti statali e sullo sblocco degli aumenti contrattuali per  i dipendenti pubblici della PA, dopo otto anni di congelamento.
La questione più spinosa rimane sicuramente l'armonizzazione del "bonus Renzi con l'aumento degli "85 € medi", aumento che potrebbe far perdere ad una platea ampia di lavoratori il bonus, renendo sterile l'aumento contrattuale. La soluzione tecnica individuata sarebbe quella di prevedere nello stipendio un "elemento retributivo distinto dallo stipendio", una sorta di indennizzo da perdita del bonus.
Il testo della direttiva (vedi la bozza della direttiva) dovrà rivedere anche capitoli importanti della parte normativa: dai permessi orari al welfare aziendale, all'adeguamento alle previsioni del Jobs Act...

Pubblicati i decreti sul pubblico impiego

giugno 8, 2017

Pubblicati ieri in Gazzetta Ufficiale, entreranno in vigore il 22 giugno 2017 i due decreti in materia di pubblico impiego:

  • il primo, dlgs n. 74/2017, che modifica il dlgs 150/2009, si pone come obiettivo quello di incrementare la produttività e potenziare l'efficienza e la trasparenza nel settore pubblico
  • il secondo, dlgs 75/2017che modifica il dlgs 165/2001, si occupa di integrare la normativa per il pubblico impiego in materia di codice disciplinare, licenziamenti, regime delle visite fiscali ecc...

Totalizzazione dei periodi assicurativi croati

giugno 8, 2017

La repubblica di Croazia è diventata Stato membro dell’Unione europea dal 1° luglio 2013; con la Decisione del Consiglio dell’Unione europea dell’8 novembre 2016, dal 1° gennaio 2017 è stata estesa alla Croazia l'applicazione ell'Accordo sulla libera circolazione delle persone (Accordo CH-UE) e dell’Accordo SEE.
In riferimento alla totalizzazione  dei periodi assicurativi (circolare n. 109/2013, punto 7) questa è possibile oltre che per i rapporti tra la Svizzera e i 27 Stati dell’Unione europea, anche per quelli tra la Svizzera e la Croazia. Le persone che rientrano nell’ambito di applicazione dell’Accordo CH–UE possono avvalersi delle norme comunitarie di sicurezza sociale, perché richiamate dall’Accordo, e possono, pertanto, totalizzare i periodi fatti valere in uno o più degli Stati membri e in Svizzera.

Inoltre, per effetto dell’applicazione [...]

LAVORA CON NOI!

giugno 5, 2017giugno 5, 2017

Siamo alla ricerca di personale da inserire nel nostro organico.

Cerchiamo in particolare diplomati in ragioneria o laureati/laureandi in economia, giurisprudenza/consulente del lavoro.

Se sei interessato inviaci il tuo curruculum all’indirizzo studio@studionaldi.com

Prescrizione dei contributi Inps-gestione dipendenti pubblici

giugno 2, 2017giugno 2, 2017

Da diverso tempo si vociferava di una possibile circolare "al vaglio di INPS"sulla prescrizione, mercoledì 31 maggio 2017 è uscita.
La circolare INPS n. 94 ha una tale portata innovativa per la contribuzione pensionistica dovuta alla gestione pubblica che "le disposizioni fornite nella circolare si applicano a far data dal 1 gennaio 2018".
Per quanto riguarda il contenuto della stessa (così ampio e complesso) si rimanda a successiva newsletter

Leggi la circolare

Firmati i decreti su Ape e Precoci

maggio 23, 2017maggio 23, 2017

Ieri il Presidente del Consiglio Gentiloni ha apposto la propria firma sui Dpcm che disciplinano Ape Social e l'anticipo per i lavoratori precoci, decreti che saranno operativi il giorno dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Le novità apportate dai decreti rispetto alle norme della Legge di Bilancio sono minime.
In particolare segnaliamo i termini:

  • Chi matura i requisiti per l’Ape social nel 2017 potrà presentare domanda entro il 15 luglio di quest’anno
  • Chi li matura nel 2018 avrà la possibilità di inoltrare la richiesta entro il 31 marzo 2018

Entro queste date i richiedenti dovranno avere soltanto alcuni dei requisiti previsti , mentre gli altri (in buona sostanza l'età anagrafica e contributiva) possono essere maturati entro la fine dell'anno.

Un aspetto che potrebbe creare difficoltà è la previsione di una doppia domanda da parte del cittadino [...]

Nuovi corsi in arrivo!

maggio 17, 2017maggio 17, 2017

Ecco i prossimi corsi organizzati da Training in collaborazione con Studio naldi

20 giugno 2017
LA DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D’IMPOSTA E LE ALTRE NOVITÀ FISCALI INTRODOTTE DAL DL N. 50/2017
Il percorso formativo, con taglio prevalentemente pratico-operativo, analizza il Modello 770, che da quest’anno è unico: i modelli, semplificato e ordinario, si sono fusi in un’unica dichiarazione.
Il corso esamina i quadri del Modello 770 utilizzati dagli enti pubblici e le novità introdotte dal DL. N. 50/2017, con particolare riferimento all’allargamento dello Split Payment.

metà giugno ( data da fissare non appena escono i decreti)
PREVIDENZA: NOVITA' LEGGE DI BILANCIO 2017
Il corso in esame analizza le novità previste dalla Legge di Bilancio 2017 e dai decreti attuativi.
Partendo dall’analisi dell’anticipo pensionistico, si analizzeremo approfonditamente le possibilità di [...]

AREA FISCALE: nuovissimi materiali sul sito

maggio 16, 2017maggio 16, 2017

E' stata caricata sul sito una dispensa sulla cd. "Manovra correttiva 2017", ossia un'analisi del Dl 50/2017.
Per visualizzare la dispensa nell'area riservata clicca qui.
Si ricorda che si tratta di un testo provvisorio, non appena uscirà il il decreto attuativo  o quando il DL 50/2017 sarà convertito in legge saranno forniti ulteriori aggiornamenti.

Dpcm oggi al vaglio della Corte dei Conti?

maggio 11, 2017

Ieri il ministro Poletti, nel corso di question time alla Camera, ha affermato che i decreti attuativi sarebbero stati inviati "prevedibilmente" il giorno successivo (cioè oggi) al vaglio della Corte dei Conti.
Il Ministro ha assicurato inoltre che l'erogazione del beneficio sarà retrodatato al 1 maggio a prescindere dalla data delle domande presentate, il lavoratore avrà dunque diritto ai ratei pensionistici maturati tra la data di riconoscimento del beneficio che sarà comunicata in via definitiva dall'Inps nel mese di Ottobre e quella in cui ha maturato i requisiti per l'accesso ai predetti strumenti.
Stando alle dichiarazioni di Poletti anche il Dpcm sull'ape volontaria dovrebbe essere trasmesso nei prossimi giorni al Consiglio di Stato per l'acquisizione del relativo parere.

 

 

Richiesta nuovi correttivi e ritardi del Governo

maggio 8, 2017

Il riesame da parte del Parlamento della manovra bis, riapre la possibilità di apportare nuovi correttivi sui decreti in arrivo.
In tal senso si evidenzia la richiesta dei sindacati di ampliare ulteriormente la possibilità di accesso all’Ape agevolata e al pensionamento anticipato con 41 anni per chi abbia svolto lavori gravosi, la richiesta è quella di ampliare la franchigia da 12 a 24 mesi di non lavoro negli ultimi 7 anni, cioè il requisito richiesto diventerebbe quello di aver svolto mansioni gravose per 5 anni negli ultimi 7 di lavoro.

C'è la possibilita di ulteriori emendamenti da parte del governo anche a seguito dei rilievi da parte del Consiglio di Stato.
Inoltre ricordiamo che il governo non è in ritardo solamente sulla questione anticipo pensionistico, ma di fatto, allo stato attuale, manca anche un provvedimento che consenta il cumulo [...]

Maggiorazioni – modalità di compilazione ListaPosPA

maggio 4, 2017maggio 4, 2017

Con il messaggio 1836 del 03/05/2017 Inps ha definito le modalità di compilazione della sezione ListaPosPA del flusso Uniemens in caso di maggiorazioni.
Come noto gli Enti datori di lavoro possono indicare anche le maggiorazioni connesse ad un determinato status del dipendente (vittima del terrorismo, di invalido, di lavoratore esposto all’amianto etc).
Si ricorda che le maggiorazioni, spettanti in relazione allo stato soggettivo dell’iscritto, non si configurano come un accreditamento di contributi sulla posizione assicurativa ma determinano una maggiorazione di anzianità rilevante solo all’atto della liquidazione del trattamento pensionistico, le stesse non dovranno più essere indicate in sede di denuncia e pertanto sarà inibito l’utilizzo da parte dell’ente datore di lavoro del codice relativo a quel tipo di maggiorazione.

In particolare, i codici [...]

Al via le domande per il bonus mamme

maggio 4, 2017

E' arrivato il via libero definito per la presentazione delle domande all'Inps per ricevere il cd. "bonus mamme".
La richiesta potrà essere fatta dalle mamme di bambini nati, adottati (purchè si sia in possesso di una sentenza definitiva) o affidati (affidamento preadottivo disposto con ordinanza) nell'anno 2017; ma anche dalle future mamme che nel 2017 hanno compito il settimo mese di gravidanza e sono entrate nell'ottavo. 

Per le istruzioni operative su compilazione, termini della domanda e di pagamento del premio vedi la circolare INPS n. 78 del 28/04/2017

Obbligo delle parti di comunicare la riduzione del periodo di malattia

maggio 3, 2017maggio 3, 2017

Con la cirolare n. 79 del 2/05/2017 Inps detta le regole di comportamento del lavoratore e del datore di lavoro in caso di riduzione del periodo di prognosi con conseguente ripresa anticipata dell'attività lavorativa.
Nel caso di guarigione anticipata, l’interessato è tenuto a richiedere una rettifica del certificato in corso. Inps comunica che "Poiché ciò non costituisce a tutt’oggi una prassi seguita dalla generalità dei lavoratori, si forniscono, di seguito, alcune indicazioni sulla base della normativa vigente" .
Il dipendente assente per malattia che intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi originaria potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica, affinché questa venga considerata tempestiva non è sufficiente che essa sia effettuata prima del termine della [...]

Ape volontaria al vaglio del consiglio di Stato

maggio 2, 2017maggio 2, 2017

Dopo il Dpcm sull'Ape sociale è stato messo a punto dal governo il decreto relativo all'Ape volontaria, che è stato inviato ed è ora al vaglio del Consiglio di Stato.
Dopo che il decreto sarà stato approvato in via definitiva e registrato presso la Corte dei Conti, affinchè ne possa essere data attuazione, dovranno essere formalizzati gli accordi quadro con le banche e assicurazioni. 
La strada è ancora lunga.

OPZIONE DONNA, POSSIBILE PROROGA?

maggio 2, 2017

Sono state sollevate, praticamente da tutti i partiti, quattro interrogazioni parlamentari relative ad un possibile prosecuzione del regime sperimentale donna sino al 2018, così da consentire il pensionamento anticipato anche a lavoratrici nate dopo il 1958.
Le prime notizie arriveranno il 4 maggio, data in cui il Governo si troverà a rispondere in Commissione Lavoro presso il Senato.

Confermata la franchigia di 12 mesi per attività gravose

aprile 26, 2017aprile 26, 2017

Con il D.L. 50 del 24 aprile 2017, pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale, è stata confermata la previsione di una franchigia di 12 mesi che permette di allargare la platea di lavoratori impegnati in attività gravose che possono usufruire dell’uscita anticipata.

La legge di Bilancio 2017 aveva previsto la possibilità di usufruire dell'Ape sociale ai lavoratori dipendenti che svolgano una o più attività gravose da almeno 6 anni in via continuativa e un'anzianità contributiva di almeno 36 anni.
Con la modifica apportata dall'art 53 l'attività si considera continuativa "quando nei sei anni precedenti...non hanno subito interruzioni per un periodo complessivamente superiore a 12 mesi e a condizione che...siano state svolte nel settimo anno precedente per un periodo corrispondente a quello complessivo di interruzione".

L'art 53, al comma 1, [...]

Firmato il decreto per l’Ape sociale

aprile 19, 2017aprile 19, 2017

Ora al vaglio del consiglio di Stato il decreto firmato ieri dal premier Gentiloni recante norme sull'Ape social, primo fra i tre dpcm previsti per dare attuazione all'anticipo pensionistico.
Come sappiamo si tratta di un'indennità-ponte per coloro che si trovano in condizione di difficoltà e ai quali mancano massimo 3 anni e 7 mesi alla data di pensione.
L'Ape social sarà operativa in via sperimentale dal 1^ maggio 2017 al 31 dicembre 2018.
Per quanto riguarda i due decreti mancanti  - nonostante i tecnici parlino di tempi brevi - entreranno in vigore con un sicuro slittamento rispetto alle tempistiche previste per l'entrata in vigore inizialmente fissata al 1 maggio 2017. 

Voucher, istruzioni operative

aprile 18, 2017aprile 18, 2017

E' uscito il messaggio n. 1652 del 14.04.2017 in materia di lavoro accessorio.

Come noto l'articolo 1 del decreto legge 25/2017 ha disposto la soppressione della disciplina del lavoro accessorio (attraverso l'abrogazione degli articoli da 48 a 50 del D.Lgs. 81/2015 ), prevedendo un regime transitorio per i buoni lavoro:

Chi ha acquistato buoni lavoro entro il 17 marzo 2017 (data di entrata in vigore del decreto) potrà procedere all’utilizzo e alla comunicazione delle prestazioni lavorative, che dovranno essere svolte non oltre il termine ultimo del 31 dicembre 2017.
Non sarà possibile, invece, utilizzare voucher acquistati dopo il 17 marzo 2017, saranno rimborsati i versamenti effettuati con bollettino postale, bonifico, F24 e portale dei pagamenti per l'acquisto di voucher telematici effettuati dopo tale data (con successivo messaggio verranno fornite indicazioni per [...]

Attivo il servizio @e.bollo: la marca si paga su internet

aprile 18, 2017

E' stato avviato , in alcuni comuni lombardi e veneti, lo sblocco di quello che rappresenta uno dei maggiori ostacoli alla dematerializzazione di documenti e procedure: la marca da bollo, che diventa digitale per i documenti rilasciati dalle Pa. 
Inizialmente l’acquisto della marca sarà possibile solo dai siti delle Pa che offrono servizi per il rilascio di documenti elettronici aderenti a pagoPA, successivamente saranno attivate anche le procedure di pagamento presso gli intermediari abilitati.
La novità è stata comunicata ieri dall’agenzia delle Entrate insieme all’Agenzia per l’Italia digitale e InfoCamere.

Chiusura Studio Naldi

aprile 14, 2017aprile 14, 2017

Nell'augurarvi buone feste,  vi ricordiamo che il nostro studio rimarrà chiuso nelle seguenti giornate:
Lunedì 17 aprile e lunedì 24 aprile.
Buone feste 

Studio Naldi

Pensione retributiva e assegno di disoccupazione

aprile 14, 2017

Con la sentenza 82/2017 la Corte Costituzionale analizza il caso di un lavoratore che ha già maturato i requisiti  contributivi per la pensione e sta aspettando quindi il solo requisito anagrafico, ma percepisce contributi di disoccupazione negli ultimi 5 anni antecedenti la decorrenza della pensione; la Corte stabilisce l'illegittimità dell'art 3 co 8 l. 297/82 nella parte in cui non prevede per i soggetti di cui sopra la possibilità di avere una pensione non inferiore a quella che si otterrebbe scorporando il periodo non lavorato.
I suddetti periodi di disoccupazione possono essere quindi  esclusi dalla base di calcolo della pensione qualora la loro inclusione ne riduca l'importo.

Il principio sotteso risulta oramai consolidato in giurisprudenza, si è ribadito più volte come ogni tipo di contribuzione sopravvenuta al maturare dell'anzianità [...]

Cumulo dei periodi prestati presso organizzazioni internazionali

aprile 12, 2017aprile 12, 2017

E' uscita la Circolare INPS n. 71 dell' 11/04/2017, avente ad oggetto disposizioni in materia di cumulo di periodi assicurativi maturati presso organizzazioni internazionali prestati nel territorio dell'Unione Europea e della Svizzera. 
La circolare precisa che questi periodi possono essere cumulati con quelli maturarti in Italia al fine di conseguire la pensione di vecchiaia a condizione che si possano far valere in Italia almeno 52 settimane. 
E' preclusa la possibilità di cumulo a coloro che, alla data della domanda, risultino già titolari di un trattamento pensionistico di qualunque tipo a carico di una delle gestioni previdenziali o di una delle organizzazioni internazionali.
La pensione italiana sarà calcolata sui soli periodi assicurativi maturati in Italia.
La domanda, da presentare al pensionamento, va inoltrata all’ente dove risulta da ultimo iscritto il lavoratore.

 

Ape – la banca può dire no alla domanda

aprile 12, 2017

Nel caso in cui manchino una serie di garanzie e condizioni minime, la banca che garantisce l'anticipo finanziario potrà rigettare la domanda, facendo così decadere automaticamente la domanda di pensione già certificata. 
Sembra che questo sia il contenuto di uno degli articoli del prossimo Dpcm che regolerà l'anticipo finanziario, Dpcm che dovrebbe essere inviato a breve al consiglio di Stato per l'istruttoria di rito.

Rita, al via il 1^ maggio?

aprile 12, 2017

Se per l'ape si è già parlato di un probabile differimento dell'entrata in vigore, pare che per la Rita non siano previsti ritardi; la Legge di Bilancio 2017 non ha infatti presvisto l'emanazione di alcun dpcm attuativo. Vero è però che la sussistenza dei requisiti e il conseguente accesso a Rita devono essere certificati da Inps e, a questo riguardo, resta da chiarire se vi sia necessità di emanare una circolare ministeriale prima di iniziare la suddetta certificazione.

Def approvato a Palazzo Chigi

aprile 12, 2017

Il consiglio dei Ministri ha dato il via al "Def" - documento di economia e finanza- che indica gli obiettivi economici dei prossimi anni.
e' stata approvata anche la cd. "manovrina"; ora entrambi i provedimenti saranno al vaglio del parlamento.

Per maggiori informazioni sui contenuti del Def vedi IL SOLE 24 ORE  

Slitta l’ape volontaria

aprile 11, 2017aprile 11, 2017

Si parla di un possibile slittamento della pensione anticipata di due settimane .
Le ultime dichiarazioni di Marco Leonardi, cosigliere economico della presidenza del consiglio dei ministri, rivelano che "l'ape volontaria avrà tempi più lunghi a causa dei tempi dell'iter burocratico e da quelli che richiederà una piattaforma elettronica dove fare la richiesta".

Le ultime novità riguardano la pensione al netto della rata da restituire, che non potrà essere inferiore a 1,4 volte l'assegno previdenziale minimo, e la rata dell'ape o di eventuali altri prestiti che non dovrà superare il 30% della pensione.
Il limite massimo è stato inoltre articolato in 4 fasce :

  • il 75% della pensione netta se l'anticipo sarà di non meno di 36 mesi
  • l' 80% per un periodo compreso da 24 a meno di 36 mesi
  • l' 85% per un periodo compreso da 12 a meno di 24 mesi
  • il 90% per meno di 12 mesi

 Sembra tutto confermato invece per l'ape sociale.

Leggi il Sole 24 Ore sull'argomento

Ape social

aprile 7, 2017aprile 7, 2017

LA PLATEA

  • Disoccupati a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, anche collettivo, oppure lavoratori che hanno rassegnato le dimissioni per giusta causa nonché coloro che hanno raggiunto una risoluzione consensuale e che hanno completato integralmente la prestazione spettante per lo stato di disoccupazione da almeno tre mesi
  • Coloro che, al momento della richiesta assistono da almeno 6 mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave
  • invalidi civili (almeno 74%)
  • dipendenti che svolgono da 6 anni un lavoro difficoltoso o rischioso

I REQUISITI

  • almeno 63 anni di età
  • almeno 30 anni di anzianità contributiva (36 per i lavoratori che svolgono attività difficoltose o rischiose)
  • maturare il diritto alla pensione di vecchiaia entro 3 anni e 7 mesi
  • non essere titolari di pensione diretta

LE RISORSE

  • 2017: 300 milioni
  • 2018: [...]

Uscita anticipata, incertezze sui tempi

aprile 7, 2017

Si è svolto ieri l'incontro tra il ministro Poletti e le delegazioni sindacali, al centro dell'incontro la cd fase due: in particolare la controversa questione delle pensioni future dei giovani; sempre in quest'ottica pare sia sul tavolo di lavoro una possibile revisione del meccanismo della speranza di vita e dei coefficienti di trasformazione delle pensioni contributive. 

Oltre allo sviluppo della "fase due", si è colta l'occasione per fare il punto sui tanto attesi decreti, che sono ora al vaglio del Consiglio di Stato.
Nonostante le preoccupazioni dei sindacati, il ministro Poletti conferma la partenza dell'Ape il 1^ maggio.

Prossimo incontro previsto per il 4 maggio. 

Franchigia di 12 mesi per lavori gravosi

aprile 7, 2017

Già da tempo i sindacati avevano richiesto di allargare la platea di lavoratori impegnati in attività gravose che potessero usufruire dell'uscita anticipata.
Il requisito stabilito per l'accesso era quello di aver svolto attività gravose in modo continuativo per gli ultimi 6 anni sui 36 svolti, requisito piuttosto penalizzante , soprattutto per gli edili, che sono spesso costretti a periodi di disoccupazione.
Il compromesso a cui si è giunti ieri durante l'incontro tra esecutivo e sindacati, e che dovrà essere previsto da un decreto (probabilmente quello riguardante gli enti locali), è l'inserimento della franchigia: il diritto all'Ape sociale scatterà anche per coloro che abbiano svolto le attività gravose per sei anni sugli ultimi sette.

 

Ultime novità prima del varo dei decreti sull’Ape 

aprile 6, 2017aprile 6, 2017

Le ultimissime novità in materia di Ape sono la possibilità da parte dell'interessato di poter, una volta fatta la richiesta di accesso all'ape, rinunciare entro due settimane; inoltre,  sarà aperto il simulatore Inps che servirà a calcolare la convenienza o meno dell’Ape volontaria , consentirà inoltre ai lavoratori di verificare che il costo dell’anticipo non sfondi il tetto del 30% della loro pensione futura.

I tempi per varare i decreti e garantire l'uscita degli istituti a maggio sono ormai strettissimi, ieri si è svolto un nuovo incontro in vista delle convenzioni che conterranno il valore di costo complessivo del finanziamento. Bisogna considerare infatti che, oltre al decreto sull'Ape volontaria, dovranno essere varati anche quelli sull'Ape social e sui precoci social.

Prosegue inoltre il confronto con i sindacati sulla “fase due” :  è previsto [...]

Ape: graduatoria d’accesso

marzo 28, 2017marzo 28, 2017

Sembra confermata la già vociferata ipotesi di una graduatoria in base all'età per l'accesso all'Ape.
Il suddetto criterio di selezione si renderà necessario qualora si dovrà far fronte ad un eccesso di richieste con conseguente esaurimento dei fondi.
Già con la legge di bilancio si era stabilito che, in caso di domande in eccesso, la decorrenza dell’Ape sarebbe stata differita, con criteri di priorità da individuare con i decreti attuativi, che non dovrebbero tardare ad arrivare.

Possibile decontribuzione per i giovani

marzo 28, 2017

L’istruttoria tecnica sul dossier “riduzione costo del lavoro” va avanti, le ipotesi al vaglio sono diverse ma ad essere monitorata con una maggior attenzione è la previsione di una decontribuzione  a favore del primo impiego, e, per gli under35, una formazione per agevolare nuovi inserimenti occupazionali nei casi di carriere discontinue.
Lo sgravio potrebbe durare tre anni ma la reale durata dipenderà dalle risorse effetivamente disponibili.
Un'ipotesi alternativa potrebbe essere quella di un taglio del cuneo su tutti i lavoratori, nuovi ma anche vecchi assunti.
Delle notizie sicure si avranno solo a ridosso della presentazione del Def di aprile; l'orientamento, che è stato ribadito più volte dal premier Gentiloni, è quello di mettere in campo un quadro di politiche economiche «che ci consenta di mantenere gli equilibri di bilancio e di razionalizzazione della spesa, e contemporaneamente accompagni e sostenga la crescita».


Ape sociale e Ape volontaria: a breve i decreti

marzo 27, 2017marzo 27, 2017

Due i decreti in arrivo: uno riguarda l'Ape volontaria e l'altro l'Ape sociale. 

Il governo stringe dunque i tempi sui due tanto attesi decreti , il ministro del lavoro Poletti ha assicurato che il meccanismo dell'ape decollerà come previsto il 1^ maggio 2017.

Permangono ancora diversi punti da chiarire: come la definizione del Tan che dovrebbe essere pari al 2,75% mentre, il costo del premio assicurativo potrebbe superare il 29%; inoltre i tecnici stanno chiudendo la questione modulistica online alla quale si accederà tramite Spid personale, modulistica che servirà per richiedere la certificazione dei requisiti di accesso all'ape, la sottoscrizione del finanziamento assicurato, e la sigla sulla commissione di accesso al fondo di garanzia Mef -Inps. 

Le domande per l'accesso dovranno essere presentate tra il 1^ maggio e il 30 giugno, a partire da questa [...]

Rita – istruzioni operative

marzo 27, 2017

La commissione di Vigilanza sui fondi pensione-COVIP, ha emanato una circolare avente ad oggetto indicazioni operative relative alla RITA - Renditra integrativa temporanea:
attraverso questo strumento, i lavoratori potranno ricevere dal fondo pensione di appartenenza, esclusi quelli a prestazione definita, l’erogazione di una rendita temporanea decorrente dal momento dell’accettazione della richiesta fino al raggiungimento dei requisiti per l’accesso alle prestazioni dall’Inps. La Rita potrà essere erogata nei confronti dei lavoratori che maturano gli stessi requisiti richiesti per ricevere l’Ape. La prestazione consisterà nell’erogazione frazionata del montante accumulato, che potrà essere riscosso dal lavoratore in tutto o in parte a seconda delle decisioni intraprese.

Ape – domande da presentare tra il 1maggio e il 30giugno

marzo 21, 2017marzo 21, 2017

I lavoratori precoci che quest’anno vogliono approfittare dell’uscita anticipata e i dipendenti o gli autonomi che vogliono accedere all’Ape sociale dovranno presentare la loro domanda all’Inps tra il 1° maggio e il 30 giugno. È quanto è emerso ieri dall'incontro tra i sindacati e i tecnici governativi.
Per il 2018 le domande dovranno essere presentare invece entro la fine del mese di marzo.

Il prossimo tavolo di confronto è fissato per giovedì 23 oltre che di Ape, saranno trattati anche i temi della “fase 2” .

 

 

Nuovi Materiali nell’area riservata

marzo 20, 2017marzo 20, 2017

E' stata aggiornata la sezione "Novità in materia fiscale" , troverai nuove dispense in materia fiscale: dalla modifica di alcune scadenze rilevanti per la Pa , alla reintroduzione del modello intra-2 (che è stato ripristinato) che deve essere trasmesso entro il 27.03.2017.
Tantissime anche le novità relative al Modello 770 per il 2017.

Consulta la nostra Area Riservata e se non sei ancora iscritto contattaci! 

Opzione donne

marzo 20, 2017

E' uscito il messaggio INPS n. 1182 del 15.03.2017  in tema di "opzione donne", la suddetta circolare riafferma e ricalca le disposizioni previste dall'art 1 comma 222 l. 232/2016 (legge di bilancio), in altri termini, prevede che possano  esercitare l'opzione donna le lavoratrici che entro il 31 dicembre 2015 non abbiano maturato il requisito anagrafico previsto dall'art 1 comma 222 l. 208/2015 ( 57 anni e 3 mesi per le dipendenti e 58 anni e 3 mesi per le autonome) solo per effetto degli incrementi della speranza di vita 

Ne consegue che possono esercitare la facoltà in argomento le lavoratrici che entro il 31 dicembre 2015 abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni (per le gestioni esclusive dell’AGO 34 anni, 11 mesi e 16 giorni) e un’età anagrafica pari a 57 anni per le dipendenti e 58 anni per le autonome.

 

Cumulo, le prime istruzioni applicative

marzo 20, 2017

E' uscita la Circolare INPS n. 60 del 16 marzo 2017 ; la circolare in esame fornisce le prime istruzioni applicative dei casi di cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti da parte degli iscritti a due o più forme di assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti dei lavoratori dipendenti, autonomi, alla gestione separata di cui all'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335 ed alle forme sostitutive ed esclusive della medesima.

Viene rinviata la questione dei liberi professionisti; "con successiva circolare verranno diramate le istruzioni applicative delle disposizioni in argomento con riferimento ai casi di cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti anche presso le Casse professionali", le domande che sono già state presentate non saranno respinte ma tenute in apposita evidenza in attesa delle relative istruzioni.

A breve seguirà newsletter.

FIRMATO IL DECRETO PER IL RINNOVO DEI CONTRATTI DEGLI STATALI

marzo 9, 2017marzo 9, 2017

E' stato firmato ieri dal ministro Madia il Dpcm che sblocca i fondi per il rinnovo del contratto per gli statali.
Dopo l'ok dei ministri Madia e Padoan e del premier Gentiloni, manca ora la decisione finale della Corte dei Conti. Il provvedimento mette a disposizione la prima tranche di soldi che servono al rinnovo dei contratti, le risorse che ancora mancano per garantire aumenti medi di 85 euro lordi al mese saranno reperite con le prossime manovre finanziarie.
"Continuiamo nella tabella di marcia - ha detto Madia - rispettando tutti gli impegni presi con il sindacato fin dall'accordo del 30 novembre". 

 

 

Proroga del congedo obbligatorio per padri lavoratori dipendenti

marzo 8, 2017

La legge di bilancio 2017 ha previsto la proroga dei congedi obbligatori per i padri lavoratori dipendenti per le nascite/adozioni e affidamenti avvenuti nel 2017.
Il congedo consiste nella possibilità di usufruire di due giorni, anche non continuativi, entro i cinque mesi di vita/di ingresso in famiglia o in Italia.
La disciplina applicabile è quella prevista dal decreto 22/12/2012 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
Per le modalità di presentazione della domanda si richiama la Circolare Inps 40/2013.
I datori di lavoro devono comunicare le giornate di congedo attraverso il flusso Uniemens, secondo le indicazioni del messaggio Hermes n. 6499/2013

Il congedo facoltativo non è stato invece prorogato per l'anno 2017.

Fonte: Messaggio Inps n. 828/2017

Pin unico, crescita a rilento

marzo 8, 2017

Il numero di cosiddetti Spid (il pin unico che permette di accedere ai servizi della pubblica amministrazione) assegnati, da quando tutto è iniziato, circa un anno fa, corrisponde pressappoco alla metà rispetto a quelli previsti.
E' oramai quasi del tutto archiviata la possibilità di conversione  delle vecchie credenziali (es pin Inps) in Spid, e questo non farà altro che frenare ulteriormente la -già scarsa- crescita.  

LAVORI USURANTI – comunicazione dei datori di lavoro

marzo 6, 2017marzo 6, 2017

Il decreto legislativo 67/2011 ha previsto per gli addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti di usufruire dell’accesso anticipato al pensionamento, il datore di lavoro è tenuto annualmente alla comunicazione.
Il termine per comunicare il monitoraggio dei lavori usuranti relativi al 2016 rimane fissato al 31 marzo.
Tra i lavori particolarmente usuranti:
- lavori in galleria e i lavori in cassoni ad aria compressa;
- lavori notturni; 
- lavorazioni svolte da addetti alla cosiddetta “linea catena” di cui all’articolo 1, del Dlgs 67/2011;
- conducenti di veicoli, da almeno 9 posti, adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo.

Il datore di lavoro (o l’intermediario abilitato ex lege 12/1979) deve compilare on line il modello Lav_Us sul sito del ministero del Lavoro.

Ape, conferma debutto al 1^ maggio

marzo 2, 2017marzo 2, 2017

Si è svolto ieri al ministero del Lavoro il tavolo tecnico sulla previdenza al quale hanno partecipato diversi economisti, incontro che ha visto come protagonisti il via libera al cumulo gratuito, la franchigia per i lavoratori impegnati in attività gravose e il ritiro anticipato dei precoci.

Ieri scadeva il termine di 60 giorni per varare i Decreti attuativi ma, nonostante non sia stato presentato alcun decreto, i tecnici non si sono mostrati preoccupati e hanno confermato l’obiettivo del debutto dell’Ape al 1° maggio.

Il prossimo incontro in materia previdenziale si terrà il 13 marzo, mentre il 9 si parlerà di lavoro e voucher.
In questi giorni proseguono anche i confronti tecnici al ministero dell’Economia cui partecipano anche esponenti dell’Inps.

 

 

Damiano: la pensione di cittaddinanza

marzo 1, 2017marzo 1, 2017

Il presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano rilancia il tema delle pensioni dei giovani e soprattutto l'urgenza di un'intervento a favore dei lavoratori (che hanno cominciato a lavorare dopo il 1996) che hanno carriere discontinue fatte di contratti a termine e voucher poiché coloro risentiranno pesantemente del passaggio al calcolo pienamente contributivo.

Damiano parla di pensione di cittadinanza affermando: “È prevista nella proposta di legge 2100 Gnecchi-Damiano: prevede che per tutti i lavoratori andati in pensione dal ’96 con il contributivo si assicuri un assegno base pari a quello sociale, circa 500 euro. Poi ciascun lavoratore aggiungerà i suoi contributi: ma questo assegno base è finanziato dalla fiscalità generale e in parte dalla stessa previdenza. È una misura di civiltà, si evita che ci sia un esercito di nuovi poveri, [...]

Premio natalità 2017

marzo 1, 2017

La Legge di bilancio 2017 ha previsto un premio nell'importo di 800 € riconosciuto alla nascita o alla adozione di un minore.
Il premio è corrisposto su domanda della futura madre al compimento del 7^ mese di gravidanza o all'atto di adozione.
Leggi la circolare n. 39 del 27/02/2017 per ulteriori specifiche.
 

Ape social e attività pesanti

marzo 1, 2017

E' previsto per oggi pomeriggio un tavolo tecnico di confronto con i sindacati sull’attuazione del “pacchetto previdenza”;  si partirà da uno degli argomenti più caldi, l'Ape sociale, ed in particolare la previsione di una procedura semplificata i lavoratori impegnati in attività pesanti che vorranno accedere all’Ape social per anticipare il ritiro.
Questa semplificazione consiste in primo luogo in una dichiarazione del datore sulla tipologia del contratto e la mansione svolta, una sorta di certificazione che verrà poi confrontata con le banche dati Inps, Inail e ministero del Lavoro.
Come sappiamo questi lavoratori per raggiungere il requisito devono aver svolto un'attività pesante in via continuativa per almeno 6 anni, vengono  previste delle "franchigie" per coloro che hanno cambiato ruolo solo per qualche mese negli ultimi anni di lavoro così da non perdere il [...]

Home care Premium

marzo 1, 2017

E' stato presentato ieri  il Bando Pubblico Progetto Home Care Premium Assistenza Domiciliare per i dipendenti e pensionati pubblici che contribuiscono alla gestione con lo 0,35% sulle retribuzioni dei lavoratori in servizio e con lo 0,15% versato su base volontaria dei pensionati oltre che dagli interessi su prestiti e mutui concessi agli iscritti.
Il progetto prevede l'assistenza domiciliare per le persone disabili e non autosufficienti, attraverso un contributo economico, graduato in funzione del bisogno del disabile, finalizzato all'attivazione di un rapporto di lavoro domestico con un assistente familiare (badante); questo contributo varia da un minimo mensile di 550 euro ad un massimo di 1.050 euro nei casi in cui il beneficiario abbia un gravissimo grado di invalidità. 
Oltre al contributo economico per l'assistenza familiare il programma riconosce anche alcune prestazioni [...]

CU 2017 – news Inps

febbraio 28, 2017febbraio 28, 2017

Riportiamo la news pubblicata in data 27/02/2017 in materia di CU2017

E’ da oggi disponibile, per tutti i cittadini che hanno come sostituto di imposta Inps, la Certificazione Unica 2017, relativa ai redditi percepiti nel 2016. Il modello è necessario per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per ottenere la Certificazione Unica basta accedere con le proprie credenziali (SPID o codice fiscale e PIN o CNS) al servizio online Certificazione Unica 2017, accessibile dal Menu Servizi on line del portale web o tramite smarphone e tablet scaricando gratuitamente l’app Inps-Servizi Mobile.

Tramite il servizio è possibile visualizzare, scaricare e stampare il modello della Certificazione Unica 2017. Per i pensionati la Certificazione Unica 2017 è accessibile anche tramite il servizio Cedolino pensione e servizi collegati. Le certificazioni relative agli anni precedenti possono essere [...]

Permessi e congedi per gli uniti civilmente e conviventi

febbraio 28, 2017

E' uscita la Circolare n. 38  del 27/02/2017 su Unioni Civili e convivenze di fatto.
La circolare analizza gli effetti sulla concessione dei permessi della legge 104/92 e del congedo straordinario ex art 42 dlgs 151/2001. 
Vengono esaminate inoltre le modalità di presentazione della domanda.

Seguirà a breve newsletteres

CU 2017

febbraio 24, 2017febbraio 24, 2017

Ricordando che la Certificazione Unica “CU 2017”, sarà da trasmettere all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo 2017  comunichiamo che sul nostro sito, nell'area riservata troverete tutti i materiali completi e aggiornati !

Lavori usuranti: presentazione delle domande

febbraio 24, 2017

E' uscito il messaggio INPS n. 794 del 23-02-2017 avente ad oggetto: "Presentazione delle domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1° marzo ed il 1°maggio 2017 per i lavoratori che maturano i requisiti agevolati per l’accesso al trattamento pensionistico rispettivamente entro il 31 dicembre 2017 e dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018. "

Il messaggio indica le specifiche tecniche per la presentazione delle domande  

Riapre il cantiere pensioni

febbraio 22, 2017febbraio 22, 2017

Riaperto ieri il confronto sul "pacchetto pensioni", l'obiettivo è chiaro, da una parte l'implementazione e la attuazione delle nuove flessibilità pensionistiche ma dall'altra anche la definizione delle nuove misure da adottare nella "fase 2"  (previdenza integrativa, copertura dei giovani, carriere discontinue ecc...),e da inserire nella legge di Bilancio 2018.
I sindacati si ritengono molto soddisfatti dell'incontro tenutosi ieri, sia per i contenuti, sia per le tempistiche che appaiono estremamente serrate; si parla infatti di tre prossimi incontri fissati per l'1, il 9 e il 23 marzo, inoltre il ministro del Lavoro ha garantito che i provvedimenti attuativi saranno varati non oltre il 1° marzo e  che il 1° maggio l’Anticipo pensionistico sarà utilizzabile.
I testi dei provvedimenti sono sostanzialmente pronti anche se rimangono ancora insoluti  la definizione del primo [...]

Bocciato dal Civ il bilancio Inps 2017

febbraio 22, 2017

Ieri il Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps ha bocciato il bilancio preventivo per il 2017, la previsione è quella di chiudere il 2017 con un patrimonio netto negativo per 7,8 miliardi; il Civ ha motivato la propria decisione adducendo una «carenze di risposte da parte dell’Istituto» su punti rilevanti come «i crediti contributivi e il patrimonio immobiliare, già oggetto di osservazione del Collegio del sindaci e del ministero del Lavoro».
A seguito di questa bocciatura è scattata la procedura di valutazione dei due ministeri vigilanti, Lavoro e Economia, che ora hanno sessanta giorni per esaminare tutti i documenti ed approvare il bilancio.

Confermato lo stop al recupero dello 0,1%

febbraio 20, 2017febbraio 20, 2017

E' stato approvato il provvedimento del Ministero del Lavoro che annulla di fatto la trattenuta dello 0,1% sugli importi di pensione (0,1% che sarebbe dovuto essere trattenuto in base alla differenza tra inflazione prevista ed effettiva del 2014). Sarà quindi, per la seconda volta, ritardata di un anno, a inizio 2018.

Tfr o fondi pensione?

febbraio 20, 2017

Nel 2007 quasi l’80% dei lavoratori dipendenti non ha optato per la previdenza complementare per non lasciare il vecchio Tfr.
A distanza di dieci anni il test di convenienza operato da Il Sole 24 Ore e Consultique, mostra che, chi ha mantenuto il Tfr in azienda ha ottenuto performance inferiori rispetto a chi ha aderito alla previdenza complementare.
Dieci anni non sono sufficienti a determinare l’arco temporale della vita lavorativa di un individuo, tuttavia, prendendo a riferimento il suddetto periodo, i fondi categoria hanno ottenuto un +44%, anche grazie ai contributi aggiuntivi del datore e del lavoratore.

Fonte: il Sole 24 Ore

Cumulo e casse professionali

febbraio 20, 2017

Sul cumulo previdenziale gratuito per i professionisti è ancora tutto da chiarire, i primi passi sono stati fatti con un incontro tra il ministero del Lavoro e l’Adepp (l’associazione che rappresenta le Casse di previdenza dei professionisti) e dalla Cassa forense che, con la circolare 1, fornisce le prime, parziali, indicazioni.

RICONGIUNZIONI
E' stato chiarito che per i soggetti che hanno periodi di ricongiunzione  (legge 45/1990) in corso e che stanno pagando le relative rate, la restituzione di quanto versato non è possibile, non c’è quindi la possibilità di recesso. La mancata prosecuzione del pagamento delle somme derivanti dai provvedimenti di ricongiunzione in corso comporterà la decadenza della domanda.

 

 

 

Oneri di ricongiunzione senza maggiorazioni per il 2017

febbraio 13, 2017febbraio 13, 2017

Con la Circolare n. 30 del 07/02/2017 Inps comunica che, tenuto conto della variazione negativa dei prezzi al consumo per il 2016, gli oneri di ricongiunzione possono essere versati ratealmente senza applicazione di interessi.

Si ricorda che, in base all’art.2 co. 3 legge 45/1990, il pagamento dell’onere di ricongiunzione, per i liberi professionisti,  può essere effettuato ratealmente con la maggiorazione di un interesse annuo calcolato in base all'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati. 
Ogni anno INPS fornisce i coefficienti da utilizzare per i piani di ammortamento degli oneri di ricongiunzione relativi alle domande presentate nel corso dell’anno medesimo.

Tenuto conto che il tasso di variazione medio annuo dell'indice dei prezzi al consumo accertato dall'ISTAT per il 2016 risulta pari a -0,1%, non può essere [...]

Nessuna restituzione sulle pensioni

febbraio 13, 2017

Non ci sarà nessuna restituzione dello 0,1% sulle pensioni incassate nel 2015 in virtù del differenziale tra inflazione programmata ed effettiva per quell’anno .
Il governo ha così mantenuto la promessa fatta dal Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, il quale ha depositato in commissione Affari costituzionali al Senato l’emendamento al Dl Milleproroghe per cancellare il prelievo sugli assegni che sarebbe scattato in marzo. 
La norma previdenziale era rimasta in sospeso per problemi di copertura, lo stop verrà messo in votazione martedì pomeriggio a Palazzo Madama.

Riforma Pensioni – riapre il confronto

febbraio 13, 2017

Confermata la ripresa del confronto con i sindacati dopo l'approvazione della legge di bilancio in vista dell'attuazione dei provvedimenti varati.
Il primo appuntamento in programma tra il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil è stato fissato per il prossimo 21 febbraio . La riunione - si legge in una nota del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali -  "è finalizzata a riprendere il confronto sui temi previdenziali e a fare il punto sull'attuazione dei provvedimenti avviati con l'ultima legge di Bilancio".

VII salvaguardia – dai sindacati richiesta proroga per la presentazione della domanda

febbraio 13, 2017

«Cgil, Cisl e Uil chiedono una proroga della data limite per la presentazione della domanda di accesso all’ottava salvaguardia per gli esodati»
É quanto si legge in una lettera inviata dai segretari confederali di Cgil, Cisl, Uil, al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali  Poletti e al Presidente dell´INPS Boeri in occasione della conclusione dei lavori parlamentari sul Dl Milleproroghe.
I tre dirigenti sindacali  spiegano come la procedura necessaria per il corretto invio delle domande sia stata resa pienamente operativa dal 1° febbraio, riducendo il tempo utile per la presentazione della domanda. 
«Tale proroga si rende necessaria per poter garantire l'accesso alla misura di salvaguardia in considerazione del fatto che oltre il termine del 1° marzo (2 marzo)  il diritto decadrà»

 

 

Cumulo e revoca delle ricongiunzioni

febbraio 7, 2017febbraio 7, 2017

Il nuovo cumulo previsto dalla Legge di Bilancio 2017 potrebbe rappresentare una scelta vantaggiosa per un lavoratore che avesse invece già optato per la totalizzazione o si fosse avvalso di una ricongiunzione (onerosa).
E' stata così prevista la possibilità di fare marcia indietro e dare la possibilità al lavoratore di richiedere il recesso della ricongiunzione e il riconoscimento del rimborso di quanto versato, ma solo nel caso in cui non sia stato effettuato il pagamento integrale.
La richiesta deve avvenire entro il 2017, mentre la restituzione viene effettuata a decorrere dal dodicesimo mese successivo alla richiesta di rimborso, in quattro rate annuali senza interessi.
La richiesta non è in ogni caso possibile qualora l'interessato abbia già ottenuto la liquidazione della pensione.
Per la totalizzazione la richiesta potrà essere fatta sempre a patto che il procedimento non si sia già concluso.

Fonte: Corriere economia 

 

Allattamento-Direttiva alle pubbliche amministrazioni

febbraio 3, 2017febbraio 3, 2017

La ministra Marianna Madia ha emanato la direttiva n. 1/2017, con cui si richiama l’attenzione delle pubbliche amministrazioni e dei singoli dipendenti nella propria attività di erogazione dei servizi alla collettività, sulla necessità di assumere azioni positive, comportamenti collaborativi o comunque di non adottare atti che ostacolino le esigenze di allattamento.

 

Operazioni di conguaglio previdenziale 2016 – termini e altri chiarimenti

febbraio 2, 2017febbraio 2, 2017

Con la Circolare n. 20 del 31/01/2017 Inps fornisce chiarimenti e precisazioni sulle operazioni di conguaglio previdenziale 2016 per i datori di lavoro iscritti alla gestione dipendenti pubblici.

Nella circolare in oggetto vengono specificati i termini per le operazioni di conguaglio:

  • Per le aziende e le amministrazioni iscritte alla Gestione Dipendenti Pubblici le operazioni di conguaglio devono essere effettuate entro il mese di febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento dei redditi oggetto del conguaglio. Ne consegue che per i redditi liquidati nel 2016, le operazioni di conguaglio devono essere effettuate entro il mese di febbraio 2017.
  • Le denunce relative alle operazioni di conguaglio annuo, V1, causale 7, codice motivo utilizzo 1 e 2, devono pervenire entro il mese successivo a quello in cui sono effettuate [...]

La corte ritiene legittimo l’attuale coefficiente di trasformazione

febbraio 2, 2017

Il coefficiente di trasformazione delle pensioni ai superstiti di lavoratori deceduti con età inferiore a quella per accedere a pensione è oggi quello relativo all’età di 57 anni.

Il tribunale di Udine ha sollevato questione di legittimità davanti alla Corte Costituzionale per violazione dei principi di ragionevolezza e adeguatezza, «nella parte in cui non prevede, per il calcolo della pensione ai superstiti di assicurati deceduti anteriormente ai 57 anni d’età, l’attualizzazione del coefficiente di trasformazione ai nuovi limiti d’età pensionabile in vigore».
I 57 anni rappresentavano infatti il limite minimo per il pensionamento nel 1995, mentre ora tale livello è stato innalzato. Il giudice rimettente ha ritenuto quindi che il il coefficiente risultasse penalizzante; e che, per riequilibrare la situazione si dovrebbe utilizzare quello previsto per l’attuale [...]

Cumulo e casse dei professionisti

febbraio 2, 2017

Come sappiamo, la Legge di bilancio ha dato la possibilità ai lavoratori di cumulare gratuitamente anche gli spezzoni contributivi relativi alle casse dei professionisti.
Ora, però, le casse iniziano a fare i conti sulla sostenibilità di questo cumulo, la legge di bilancio non ha infatti considerato l’impatto sui bilanci delle Casse private, che potrebbero essere chiamate a pagare assegni pensionistici in anticipo rispetto ai regolamenti interni o ad applicare criteri di calcolo più vantaggiosi per il pensionato.
L'impatto finanziario non è facile da prevedere e dipenderà da tanti fattori, quali ad esempio il numero degli interessati e dalle regole seguite da ogni Cassa; senza tener conto che ci sono ancora diversi dubbi interpretativi generati dalla lettura della norma.

Ottava salvaguardia

gennaio 27, 2017gennaio 27, 2017

E' uscita la Circolare n. 11 del 26/01/2017 recante "Nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. ottava salvaguardia)".
Ulteriori indicazioni tecniche nel Messaggio 289 del 20/01/2017
Ricordiamo che i lavoratori interessati devono, a pena di decadenza, presentare istanza di accesso al beneficio entro il 2 marzo 2017.

 

Circolare 10 INPS – nuovi criteri per l’accertamento dell’anzianità contributiva

gennaio 24, 2017gennaio 24, 2017

E' uscita la Circolare n. 10 del 24/01/2017 titolata "Nuovi criteri per l’accertamento dell’anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 e del conseguente sistema pensionistico da adottare per la liquidazione delle pensioni della Gestione esclusiva e del Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo e del Fondo Pensione Sportivi Professionisti  (FPLS e FPSP) " per far valere periodi assicurativi maturati presso altre forme assicurative obbligatorie.
A breve seguirà newsletter

LA «BUSTA ARANCIONE» si arricchisce

gennaio 24, 2017

Che cos'è la busta arancione?
E' uno strumento che consente di avere un quadro della propria situazione contributiva aggiornata e una previsione della futura pensione.
La busta punta a formare nel cittadino una forte consapevolezza sui temi previdenziali.

Per chi ha potrà accedere all’Ape, la busta conterrà anche le specifiche sull’anticipo, e l’invito a richiedere le credenziali per accedere ai servizi online dell’Inps.
Per chi ha invece le credenziali Spid verrà inviata una email con l’invito ad accedere al sito.
A partire da febbraio 150mila “buste arancioni” e 135mila email verranno spedite dall’Inps alla platea dei potenziali utilizzatori dell’anticipo pensionistico (Ape). 

Secondo Boeri ci sarà una forte richiesta di accesso all'Ape, «dopo anni in cui i requisiti (per il pensionamento) erano stati inaspriti e al termine di una crisi molto profonda per [...]

Attacco di Boeri alla riforma pensionistica

gennaio 24, 2017

«La manovra pensionistica contenuta nella legge di bilancio 2017 scarica gli oneri sulle generazioni future. E se si dice che il debito implicito è qualcosa che non ha valore allora si sta implicitamente dicendo che in futuro si taglieranno le pensioni».
Il presidente dell'Inps ha criticato fortemente la riforma pensionistica prevista dalla Legge di Bilancio, sia sul fronte politico che su quello sindacale.
I punti evidenziati da Boeri sono in particolare due; il primo sarebbe la mancanza di equità, la riforma non eliminerebbe infatti, a detta del Presidente di Inps le «differenze di trattamento macroscopiche anche nell’ambito di una stessa generazione».
L'altro punto sui cui insiste Tito Boeri è la mancanza di una corretta valutazione sul debito implicito, «quella fatta  è stata una valutazione sull'impatto della spesa pensionistica nel breve e medio [...]

Risultati del “Conto annuale”

gennaio 24, 2017

La ragioneria generale dello Stato ha censito, come ogni anno, l'universo della Pubblica Amministrazione.
I dati (aggiornati al 2015 ma relativamente ad alcuni comparti c'è anche un'anticipazione sulla tendenza del 2106) ci dicono che:
- il numero complessivo dei dipendenti pubblici continua a calare
- l'età media continua a crescere sfiorando i 50 anni
- le retribuzioni medie dal 2007 al 2015 sono cresciute del 7,8 % mentre l'inflazione che si è cumulata negli stessi anni è pari al 13,5%

A seguito di questi dati è stata dura la reazione dei sindacati che hanno chiesto in particolar modo lo sblocco dei turn-over

Rinvio del pacchetto pensioni?

gennaio 24, 2017

Si pensa alla possibilità di rinviare l'attivazione del pacchetto pensioni di sei mesi (dalla data prevista di fine maggio a fine anno).
Gli occhi sono maggiormente puntati sulla cd "quattordicesima"; il bonus dovrebbe partire da luglio e costare 800.000.000 € allo Stato.
Ricordiamo che la misura è per tutti  e non tiene conto dell'isee, questo aspetto è stato molto dibattuto e ora, oltre all'ipotesi rinvio tout court, si pensa di rimodulare l'aumento per fasce , trasformandolo in mensile. 

Prestazioni sociali ed assistenziali

gennaio 18, 2017gennaio 18, 2017

A causa dell'andamento nullo dell'inflazione certificato lo scorso novembre dal decreto del ministero dell'Economia e delle Finanze, rimangono sostanzialmente invariati l'importo ed i limiti di reddito per conseguire le prestazioni sociali, stessa cosa per l'assegno mensile e per la pensione di inabilità civile. Anche i limiti di reddito per il diritto alle pensioni in favore dei mutilati, invalidi civili, ciechi civili e sordomuti, sono rimasti invariati. 

Stop al contributo di solidarietà sugli assegni d’oro

gennaio 18, 2017

Tra le novità di quest'anno INPS ricorda che viene meno il contributo di solidarietà (ex articolo 1, commi 486 e 487, della legge 27 dicembre 2013 n.147) imposto ai cd "assegni d'oro", ossia quei trattamenti complessivamente superiori a quattordici volte il trattamento minimo .
Ai fini del prelievo del contributo viene preso a riferimento il trattamento pensionistico complessivo lordo per l'anno considerato. 
Il contributo è stato applicato dal 1/01/2014 al 31/12/2016, sui trattamenti pensionistici corrisposti esclusivamente da enti gestori di forme di previdenza obbligatorie  .


Recupero del conguaglio di perequazione del 2015?

gennaio 18, 2017

L'INPS, con Circolare n. 8 del 17/01/2017, titolata "Rinnovo delle pensioni e delle prestazioni assistenziali per l'anno 2017",  ha fissato il recupero del conguaglio di perequazione dell'anno 2015.

Ricordiamo la questione in breve:

Nel 2014 è stato adottato un indice di rivalutazione provvisorio dello 0,3%, quello definitivo è risultato però pari allo 0,2% . Il 1° gennaio 2016 sarebbe dovuto scattare quindi il recupero pari allo 0,1%, ma  l’articolo 1, co. 288 della legge 208/2015 ha stabilito il rinvio di un anno del conguaglio negativo, che si sarebbe dovuto applicare ad inizio del 2016, in vista di un recupero dell’inflazione nel 2017 pari allo 0,1% , recupero che però non c’è stato.
L'inflazione previsionale 2017, rispetto al 2016 è pari a zero. 
Dato che il Decreto Milleproroghe non ha provveduto a sospendere il recupero del differenziale [...]

Nuova modulistica per le CU disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate

gennaio 17, 2017gennaio 17, 2017

L'agenzia delle Entrate ha pubblicato nel proprio sito le certificazioni uniche ordinaria e sintetica, nonché il modello 770/17 che i sostituti di imposta dovranno utilizzare quest'anno. La nuova modulistica è disponibile in formato definitivo.
Ricordiamo che il termine per la consegna ai lavoratori della CU è il 31 marzo mentre la trasmissione telematica resta fissata al 7 marzo. 

Pensioni: ipotesi “ritocchi” alla Legge di Bilancio

gennaio 17, 2017

Il Governo sta pensando da diversi giorni all'ipotesi di emanare un provvedimento volto a modificare e migliorare alcune novità introdotte dalla recente Legge di Bilancio; uno dei capitoli coinvolti è quello delle pensioni.
In particolare le ipotesi in esame riguardano la possibilità di introdurre correttivi che consentano di allargare l’accesso all’Ape social.
Sempre in materia di Ape Social ci sarebbe un'ipotesi di inclusione dei lavoratori in esubero dell’impianto Ilva di Taranto. 
Sul cumulo gratuito l’intenzione sarebbe quella di estenderne l’utilizzo anche per conseguire i requisiti di accesso a “opzione donna”.
Quale sarà l'esito di queste proposte lo scopriremo a breve, in quanto il Governo dovrà emanare i decreti attuativi (in particolare quelli riguardanti l'Ape) nel brevissimo tempo.

Fonte: il Sole 24 Ore

 

 

Calo aliquota contributiva per i professionisti iscritti alla gestione separata

gennaio 16, 2017gennaio 16, 2017

 Legge di Bilancio 2017, all'articolo 1. co. 165 , fissa, per i professionisti con partita iva iscritti in via esclusiva alla gestione separata , l'aliquota contributiva in misura pari al 25%.
In questo modo non solo si è deciso di congelare l'aumento che sarebbe dovuto scattare da quest'anno, passando da un'aliquota del 27% ad una pari al 29%;  ma si è fatta scendere la percentuale dell'aliquotadi due punti percentuali attenuando così gli oneri contributivi dei professionisti iscritti alla gestione separata.

 

Bonus alternanza scuola lavoro

gennaio 16, 2017

La Legge di Bilancio 2017, al fine di favorire l’occupazione giovanile, ha introdotto un bonus contributivo legato all’alternanza scuola-lavoro.

DESTINATARI
E' previsto l’esonero contributivo a favore dei datori di lavoro privati che assumono, ( dal 1/01/2017 al 31/12/2018) a tempo indeterminato, studenti che abbiano svolto attività di alternanza scuola-lavoro o, in alternativa, periodi di apprendistato presso l’azienda stessa (esclusi i contratti di lavoro domestico e quelli degli operai in agricoltura).

L'INCENTIVO
Il bonus consiste nell’esonero dal versamento dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro (ferma restando l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche e con esclusione dei premi e contributi Inail) nel limite massimo di 3.250 euro su base annua, per un massimo di 36 mesi.


E.C.I. – accessi con Spid o Pin

gennaio 14, 2017gennaio 14, 2017

Dopo l’ampliamento dei contribuenti che potranno verificare attraverso un documento unico la propria posizione previdenziale - con la circolare 4/17 dell’11 gennaio -  l’Inps ha fornito nuove indicazioni relative all'Estratto conto integrato e alla sua consultazione da parte del cittadino.

Cos'è l'E.C.I? 
L’estratto conto integrato (E.C.I.) ha l'obiettivo di informare i cittadini sulla loro storia previdenziale attraverso un documento che riassume la posizione contributiva e tutti i periodi previdenziali riconosciuti dagli enti e dalle gestioni presso cui sono stati iscritti.

Nella circolare 4/17 l’Inps ricorda che l’estratto conto integrato ha valore informativo e non certificativo e, definendo le modalità di consultazione dello stesso, chiarisce che l’accesso è consentito ai cittadini in possesso di credenziali Spid o di Pin dispositivo rilasciato dall’Istituto, [...]

Report Inps: requisiti più severi, meno pensioni

gennaio 13, 2017gennaio 13, 2017

Il monitoraggio effettuato da Inps sui flussi di pensionamento ha mostrato come, nel 2016, siano entrate in pagamento oltre 126 mila pensioni in meno rispetto all'anno precedente. Le nuove pensioni liquidate da Inps sono diminuite del 22,19% rispetto al 2015. A causare il netto calo dei flussi di pensionamento l’adeguamento dell'aspettativa di vita (4 mesi nel 2016) e l’aumento dei requisiti per la vecchiaia delle lavoratrici (18 mesi per le dipendenti e 12 per le autonome).

A causa di queste "nuove regole" si è determinato l’aumento di quasi un anno dell’età media alla decorrenza della nuova pensione, passando ai 66,5 anni, contro i 65,8 dell’anno prima. 

Passweb – novità

gennaio 12, 2017gennaio 12, 2017

La  Circolare n. 5 dell' 11/01/17 ha ad oggetto: "Consolidamento della banca dati delle posizioni assicurative dei dipendenti pubblici – Attività propedeutiche al passaggio in SIN2 delle posizioni degli iscritti del comparto scuola".
Con la suddetta circolare Inps comunica che i prossimi Lotti di lavorazione comprenderanno le posizioni degli iscritti alla Cassa Stato e fornisce indicazioni circa le attività da intraprendere in previsione del prossimo passaggio sul nuovo sistema in particolare dei dipendenti del settore Scuola del Ministero Istruzione, Università e Ricerca.
Inps definisce inoltre un Calendario delle lavorazioni:
Per quanto riguarda il Lotto3, ai fini dei piani di attività, le lavorazioni verranno considerate chiuse al 31/12/2016.
Il prossimo Lotto4 di posizioni da lavorare sarà reso disponibile a gennaio 2017.
Per quanto riguarda il termine del 31/12/2016 indicato in Circolare [...]

Bocciato referendum sull’art. 18, ok a voucher e appalti

gennaio 12, 2017

La Corte Costituzionale ha bocciato il quesito referendario, proposto dalla Cgil, sull’articolo 18; l'obiettivo era quello di modificare le norme sui licenziamenti previsti dal Jobs act e di ripristinare quindi  la reintegrazione nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo estendendo la suddetta tutela ai dipendenti di aziende con più di 5 addetti (precedentemente previsto per le aziende con più di 15 dipendenti).

Sono stati ritenuti ammissibili, invece, gli altri due quesiti; il primo sulla responsabilità solidale di committente e appaltatore e il secondo sulla cancellazione dei voucher buoni lavoro,  la Cgil vorrebbe abrogarli, cancellando quindi tutte le regole in vigore sul lavoro accessorio. L'esecutivo ha manifestato invece l’intenzione di revisionare lo strumento, l'obiettivo sarebbe quello di ricondurre i voucher alla loro [...]

Legge di bilancio, primissimi chiarimenti

gennaio 11, 2017gennaio 11, 2017

 

Rimanendo in attesa dell’emanazione dei decreti attuativi e delle circolari, ieri, sul sito Inps, l'Istituto ha riepilogato le principali novità della legge di bilancio 2017 in tema previdenziale.

Per quanto riguarda l’Ape volontaria, viene precisato che il prestito ottenuto quale anticipo rispetto alla data di effettivo pensionamento, sarà restituito in 260 rate in un periodo di 20 anni mediante una trattenuta su ciascun rateo pensionistico, inclusa quindi la tredicesima .

In materia di Ape sociale viene precisato che l’accesso al beneficio è comunque subordinato alla cessazione di qualunque attività lavorativa anche autonoma.
L’indennità viene corrisposta per 12 rate annuali fino al raggiungimento del primo diritto a pensione. La prestazione è compatibile con lo svolgimento di attività lavorativa dipendente o parasubordinata soltanto nel caso in cui i relativi [...]

Riforma delle pensioni: ora i decreti attuativi

gennaio 9, 2017gennaio 9, 2017

Entro il 2 marzo è atteso il primo decreto della presidenza del consiglio dei ministri contenente l'attuazione dell'ape volontario; sono attesi ben 6 decreti attuativi del pacchetto pensioni entro la primavera, e, nel frattempo, l'esecutivo dovrà dare avvio alla "Fase2"   del confronto sulle pensioni, tra gli argomenti in previsione una riforma del sistema di calcolo contributivo ed interventi sulla previdenza complementare.

Riapertura delle trattative governo – sindacati

gennaio 9, 2017

La negoziazione tra governo e sindacati riparte martedì 10 gennaio, quando Aran e sindacati si troveranno faccia a faccia.
Gli argomenti da affrontare saranno numerosi, in primis l'aumento medio degli 85 € ( il governo si è per ora impegnato a fare in modo che gli aumenti non vadano ad influire sul "bonus Renzi"); la revisione della legge Brunetta sul pubblico impiego, l'obiettivo principale è quello di affidare più spazio alla contrattazione e meno alla legge e infine la ricerca di un'intesa sulle prerogative sindacali, ricerca da calibrare sul nuovo assetto della Pa, divisa ora in 4 comparti anziché gli 11 tradizionali.   

Rivalutazione pensioni 2017: sindacati contro la restituzione della rivalutazione

gennaio 4, 2017gennaio 4, 2017

Una nota del Sindacato dei pensionati dalla Cgil chiede a Palazzo Chigi di intervenire  per congelare il conguaglio negativo una tantum sugli assegni nel 2017.

La questione in breve:
Nel 2014 è stato adottato un indice di rivalutazione provvisorio dello 0,3%, quello definitivo è risultato però pari allo 0,2% . Il 1° gennaio 2016 sarebbe dovuto scattare quindi il recupero pari allo 0,1%, ma  l'articolo 1, co. 288 della legge 208/2015 ha stabilito il rinvio di un anno del conguaglio negativo, che si sarebbe dovuto applicare ad inizio del 2016, in vista di un recupero dell'inflazione nel 2017 , recupero che però non c'è stato; pertanto, salvo interventi normativi di rinvio, i pensionati dovranno restituire con un prelievo una tantum tra i 16 e 20 euro (per pensioni lorde mensili tra i 1.400 e i 3.000 euro).

I sindacati chiedono quindi un intervento da parte del governo per evitare la penalizzazione delle pensioni.

Decreto Milleproroghe pubblicato in Gazzetta Ufficiale

gennaio 4, 2017

Il decreto di fine anno: Dl 244/2016 è stato pubblicato in GU e prevede almeno 103 proroghe.

Tra le norme in materia di lavoro e previdenza ricordiamo la conferma, anche per il 2017, del pagamento di pensioni, indennità di accompagnamento e vitalizi al primo giorno di ciascun mese o quello successivo se festivo o non "bancabile" (solo il mese di gennaio fa eccezione, con la possibilità per il cittadino di incassare l'assegno dal 3 gennaio).
Inoltre, in deroga al Jobs Act , è confermata la proroga di un anno dei contratti in essere per 40000 lavoratori precari della Pubblica Amministrazione.

 

Ottava salvaguardia – termini per l’istanza di accesso

gennaio 4, 2017

E' stata pubblicata la Circolare del Ministero del Lavoro numero 41 del 29/12/2016 per la presentazione delle istanze di accesso per i lavoratori interessati all'ottava salvaguardia.
Da oggi i lavoratori che intendono fruire dei benefici recati dai commi 212 e ss. della legge 232/2016 possono presentare istanza di accesso alle Direzioni Territoriali del Ministero del Lavoro per verificare il rispetto dei requisiti richiesti.


I lavoratori che si riconoscono nei profili di tutela individuati dalla circolare in questione in questione avranno 60 giorni di tempo a partire da oggi per presentare istanza di accesso: cioè sino al 2 marzo 2017. A pena di decadenza.

I lavoratori ricompresi profili di tutela non regolati dalla predetta Circolare dovranno invece presentare istanza di accesso direttamente all'Inps. 

A breve una newsletter con tutte le novità sull'ottava salvaguardia!

Vittime del dovere: esenzione IRPEF per la pensione

gennaio 3, 2017gennaio 3, 2017

La Legge di Bilancio prevede da quest'anno l’esenzione IRPEF completa per le pensioni dirette, indirette e di reversibilità erogate nei confronti delle vittime del dovere (ex articolo 1, co. 563 della legge 266/2005) e loro superstiti.

L'articolo appena citato recita, infatti, che a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge, ai trattamenti pensionistici spettanti alle vittime del dovere e ai loro familiari superstiti, [...] si applicano i benefìci fiscali di cui all’articolo 2, commi 5 e 6, della legge 23 novembre 1998, n. 407, e dell’articolo 3, comma 2, della legge 3 agosto 2004, n. 206, in materia di esenzione dall’imposta sui redditi.

Si rimane in attesa di ulteriori indicazioni da parte dell'Inps.

 

Riparte la trattativa sui contratti

gennaio 2, 2017gennaio 2, 2017

A inizio anno il nuovo governo dovrà rendere esecutivo l'accordo del 30 novembre siglato da governo Renzi e sindacati, e, in particolare, dovrà sciogliere il nodo degli aumenti in busta paga; tra i principali problemi legati a questo tema  troviamo sicuramente la questione del bonus Renzi.
Il calendario delle trattative si aprirà il prossimo 10 gennaio.

Fonte. il Messaggero

Riscatto di periodi contributivi: nuove modalità di presentazione della domanda

dicembre 30, 2016dicembre 30, 2016

Con la Circolare 228 del 29 dicembre 2016 Inps disciplina l’applicazione del regime telematico  per la presentazione delle domande di riscatto di periodi contributivi nelle gestioni dei dipendenti privati.
Fino al 31.03.2017 le domande potranno essere presentate con la modalità telematica oppure con le modalità consuete. La modalità telematica di presentazione della domanda diventerà invece esclusiva a partire dal 1^ aprile 2017

 

 

Buone feste!

dicembre 23, 2016dicembre 23, 2016

Nell'augurarvi un buon natale e un felice anno nuovo vi ricordiamo che il nostro studio rimarrà aperto per tutto il periodo natalizio.

Buone Feste!

Studio Naldi

Pagamento pensioni gennaio 2017

dicembre 23, 2016

Nel mese di gennaio 2017, i pagamenti di trattamenti pensionistici, di assegni, pensioni e indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, nonché delle rendite vitalizie dell'INAIL, saranno effettuati il secondo giorno bancabile, la rata sarà quindi erogata da Poste e banche il 3 gennaio 2017.

 

Unioni civili

dicembre 23, 2016

Messaggio INPS 5171 del 21.12.2016

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 118 del 21 maggio 2016 è stata pubblicata la legge n. 76 del 20 maggio 2016 , entrata in vigore il 5 giugno 2016, recante disposizioni in materia di Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”.


 A decorrere dal 5 giugno 2016, ai fini del riconoscimento del diritto alle prestazioni pensionistiche e previdenziali (es. pensione ai superstiti, integrazione al trattamento minimo, maggiorazione sociale, successione iure proprio, successione legittima, etc.) e dell’applicazione delle disposizioni che le disciplinano, il componente dell’unione civile è equiparato al coniuge.


INPS – Nuove modalità per richiedere il PIN dispositivo

novembre 23, 2016novembre 23, 2016

E' stata aggiornata la modulistica relativa alla richiesta del PIN dispositivo per il cittadino - Modulo MV35, contenute nel messaggio 4590 del 16 novembre 2016.
Non è più ammessa la presentazione della richiesta di PIN da parte di un delegato del richiedente.
In caso di impossibilità a recarsi in sede per richiedere il PIN devono essere utilizzate la procedura online o quella del Contact center.
Il messaggio contiene specifiche disposizioni per i casi di richiesta PIN da parte del tutore o amministratore di sostegno di persona in tutto o in parte incapace e del genitore di un minore.

INPS: venerdì 25 possibili rallentamenti

novembre 23, 2016

L'INPS avverte che venerdì 25 novembre potrebbero verificarsi rallentamenti nell'erogazione dei servizi INPS a causa di uno sciopero generale nazionale di tutte le categorie.

Part-time verticale e impiego privato

novembre 11, 2016novembre 11, 2016

La Corte di cassazione con sent. 22936/2016 ha affrontato il caso di un lavoratore privato a part-time verticale al quale l'INPS aveva riconosciuto utili ai fini pensionistici solo i periodi effettivamente lavorati.
L’Inps, con una circolare del 1986, aveva definito che fosse necessario un minimale settimanale  ai fini dell'accredito contributivo, requisito che diviene impossibile raggiungere  non lavorati in caso di part time ciclico.
La Corte ha ribadito che ai  fini dell’anzianità contributiva un anno di lavoro part-time verticale vale come quello full-time.
La motivazione si basa sull'applicazione del principio di non discriminazione secondo cui il dipendente part-time non deve ricevere un trattamento meno favorevole rispetto ai dipendenti a tempo pieno.
Se non si riconosce l'intero periodo a livello contributivo si crea un gap che svantaggia il lavoratore, sia rispetto ai dipendenti full-time, sia nei confronti dei part-time “orizzontali”.

Finanziaria 2017 al vaglio della Commissione Europea

ottobre 18, 2016ottobre 18, 2016

Il testo della Finanziaria è stato inviato alla Commissione europea ieri in serata. 
Ora la Commissione dovrà valutare il suddetto testo, qualora questo si discostasse troppo dagli obiettivi e dagli impegni europei, la commissione lo respingerà d'emblée entro due settimane e prenderà contatto con il governo italiano; in caso contrario formulerà una valutazione più compiuta intorno a metà novembre.  

Approvazione del disegno di legge di bilancio dello Stato per il 2017 e per il triennio 2017-2019

ottobre 17, 2016ottobre 17, 2016

Sabato 15 ottobre 2016, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, si è riunito il Consiglio dei Ministri.
Lo stesso ha approvato il disegno di legge di bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2017 e per il triennio 2017-2019.
La manovra comprende il disegno di legge suddetto e un decreto legge che contiene misure di particolare urgenza (tra cui l’avvio del processo di chiusura di Equitalia).

Leggi il Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 136 del 15 ottobre 2016

 

 

Ape social: i “quattro canali”

ottobre 12, 2016ottobre 12, 2016

Che cos'è l' "Ape Social"? E' uno strumento di natura assistenziale (e non previdenziale) con cui si intende garantire un prestito ponte fino alla pensione ad una serie di soggetti che presentano determinati requisiti, si tratta quindi di un anticipo a costo zero per il lavoratore.
Tre delle categorie ammesse al prestito-ponte agevolato fino a 3 anni e sette mesi per raggiungere la pensione sono state fissate nel verbale del 28 settembre:  disoccupati senza più ammortizzatore sociale, lavoratori invalidi e lavoratori con carichi familiari pesanti.
Rimane ancora da definire, prima dell’incontro con i sindacati di venerdì, il quarto canale, quello dei lavoratori esposti ad attività “gravose”
Restano fermi i requisiti di età e contribuzione previsti per le altre tipologie di anticipo pensionistico. 

Il confronto per definire l’elenco dei lavori gravosi che saranno ammessi al [...]

Comune di Torino: permessi per la Legge 104/92 agli uniti civilmente

ottobre 11, 2016ottobre 11, 2016

Con Circolare emanata dalla Direzione Organizzazione, il Comune di Torino riconosce ai suoi dipendenti conviventi o in unione civile il diritto ai permessi retribuiti e ai benefici previsti dalla legge 104/92 (fino ad oggi garantiti ai soli coniugi e ai parenti o affini fino al secondo grado).
Ricordiamo che, con la Sentenza 213/2016, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità dell'art 33 comma 3 della Legge 104/1992 nella parte in cui non include il convivente more uxorio ai soggetti legittimati a fruire del permesso mensile retribuito per l’assistenza alla persona con handicap in situazione di gravità: coniuge, parente o affine entro il secondo grado (leggi la newsletter per tutti gli approfondimenti).
La ratio seguita dal Comune è stata quella di applicare quanto previsto dalla suddetta sentenza non solo ai conviventi ma [...]

BONUS ALLE IMPRESE CHE FINANZIANO L’APE

ottobre 11, 2016

Attesa sabato la Legge di Bilancio: prevista una detrazione fiscale per le aziende che finanzieranno la flessibilità pensionistica dei dipendenti più anziani attraverso l’Ape.
L’ipotesi è quella di prevedere una facilitazione fiscale per l’anticipo, in modo da abbassare i costi per lavoratori e aziende.
Secondo Poletti dovrebbe essere proprio il fattore costo a rendere più appetibile il turnover attraverso l’Ape piuttosto che attraverso l’articolo 4 della legge Fornero.

Leggi l'articolo del Sole24Ore

Pacchetto previdenza, prossimo incontro governo-sindacati a breve

ottobre 10, 2016ottobre 10, 2016

Con le nuove misure sulla flessibilità in uscita il Governo punta, nel primo anno, a circa centomila pensionamenti anticipati, o uscite anticipate dal mercato del lavoro grazie all’Ape; e al riconoscimento della 14esima mensilità a una platea di 1,2 milioni di pensionati .
Il “pacchetto previdenza” della legge di Bilancio 2017 verrà chiuso a breve, un nuovo incontro tra governo e sindacati si terrà probabilmente giovedì, incontro in cui si discuterà di tutti quei dettagli tecnico-operativi che ancora devono essere puntualizzati, ma si parlerà soprattutto della quantificazione delle risorse che la Ragioneria generale dello Stato metterà a disposizione.
Il nuovo insieme di misure si affiancherà a quanto via via previsto dalle riforme precedenti.

Fonte: Il Sole24Ore

Licenziamento illegittimo: per le PA previsione della sola reintegra

ottobre 7, 2016ottobre 7, 2016

Secondo la Corte di cassazione (sentenza 20056/2016) la normativa applicabile ai casi di licenziamento, di cui sia stata dichiarata l’illegittimità nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico, è l’articolo 18 della legge 300/1970 nella sua formulazione anteriore alle modifiche introdotte dalla legge 92/2012, articolo che prevedeva la sanzione reintegratoria come unico strumento di rimedio a fronte di un licenziamento illegittimo.
Secondo la Corte (che in questa materia si è espressa in maniera altalenante) non è applicabile quindi l'art 18 così come novellato dall’articolo 1 della legge 92/2012, in forza del quale la tutela reintegratoria, a seconda che il giudice abbia accertato la sussistenza o la insussistenza del fatto alla base del licenziamento, può risultare alternativa alla tutela risarcitoria in ipotesi di recesso datoriale [...]

Dimissioni online temporaneamente sospese

ottobre 7, 2016

Temporaneamente sospesa, per un problema tecnico, la procedura di dimissioni online.
Fino al ripristino della stessa, questa è la procedura da seguire:

Compilare il modello disponibile sul sito www.cliclavoro.gov.it e trasmetterlo scegliendo una delle seguenti modalità operative:

  • recandosi presso la direzione territoriale del Lavoro competente;
  • recandosi presso i soggetti abilitati indicati dall’articolo 26, comma 4, del Dlgs 151/2015;
  • compilando il modello in autonomia e trasmettendolo, dalla propria casella di posta elettronica, al seguente indirizzo: sdv@lavoro.gov.it, in tal caso sarà necessario allegare al modello in formato .pdf anche la copia del proprio documento di riconoscimento.

Inabilità assoluta e licenziamento nel pubblico impiego

ottobre 6, 2016ottobre 6, 2016

La Corte di Cassazione, con la sentenza-n-19774-del-2016, ha affermato che la risoluzione del rapporto di lavoro, a seguito di accertamento medico per inabilità assoluta e permanente al proficuo lavoro, costituisce licenziamento per giustificato motivo oggettivo.
La forma di recesso del datore di lavoro anche nell'ambito della pubblica amministrazione è costituita dall'atto di licenziamento. 

Per saperne di più leggi la nostra newsletter

 

 

 

Esodati, possibile l’ottava salvaguardia?

settembre 30, 2016settembre 30, 2016

Possibile apertura di un'ottava salvaguardia per i cd. esodati.
Ricordiamo che gli esodati sono lavoratori che avevano raggiunto accordi con l’azienda per lasciare il posto di lavoro in anticipo, ma che, per l'improvviso innalzamento dei requisiti pensionistici stabilito dalla riforma Forneno, rischiavano di trovarsi senza pensione, stipendio, o senza ammortizzatori sociali.
Le sette salvaguardie precedenti hanno consentito a 128mila esodati di accedere alla pensione secondo le regole "pre-Fornero".
Questa ottava salvaguardia sarebbe voluta sia dai sindacati che dal parlamento, in commissione Lavoro alla Camera è infatti depositato un Ddl a firma Damiano-Gnecchi che riguarderebbe i lavoratori in mobilità con accordi precedenti al 31 dicembre 2011, che maturino i requisiti previdenziali ante-Fornero entro 36 mesi, ed una platea di lavoratori (prosecutori volontari [...]

Pensioni: firmato il verbale di accordo tra governo e sindacati

settembre 29, 2016settembre 29, 2016

Governo e sindacati hanno firmato un verbale condiviso sugli interventi da attuare nel sistema pensionistico.
Verbale che prevede una divisione dei lavori in due fasi:

Fase 1: riguarda le misure su cui c'è stata convergenza e verranno adottate con Legge di Bilancio:

  • Ape sperimentale per due anni
  • no tax area per i pensionati a 8125 €
  • quattordicesima per altri 1,2 milioni di lavoratori e aumento medio del 30% del bonus per i 2,1 milioni di soggetti che già ne beneficiano
  • Ricongiunzioni gratuite
  • accesso agevolato alla pensione per “precoci” e “usuranti”
  • Rita

Fase 2: riguarda temi sui quali governo e sindacati si impegnano a proseguire il confronto e che verranno definiti nel corso del prossimo anno:

  • misure di riforma per rendere più equo e flessibile il sistema di calcolo contributivo
  • misure per affrontare il tema [...]

Permessi per la Legge 104/1992 ai conviventi more uxorio

settembre 26, 2016settembre 26, 2016

Con la Sentenza 213/2016 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità dell'art 33 comma 3 della Legge 104/1992 nella parte in cui non include il convivente ai soggetti legittimati a fruire del permesso mensile retribuito per l’assistenza alla persona con handicap in situazione di gravità (coniuge, parente o affine entro il secondo grado).

Leggi la newsletter sul nostro sito per tutti gli approfondimenti

Domani incontro decisivo governo-sindacati

settembre 26, 2016

Domani il faccia a faccia tra il ministro Giuliano Poletti, il sottosegretario a palazzo Chigi, Tommaso Nannicini, e i tre numeri uno sindacali, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo; i quattro punti principali su cui i leader di Cgil, Cisl e Uil attendono una risposta da parte del governo in vista della presentazione della legge di Bilancio sono: l'indicazione esatta delle risorse a disposizione; maglie più ampie per l’uscita anticipata “a costo zero”, una soluzione per i lavoratori precoci e tempi certi per l’avvio delle politiche attive.

 

Cumulo pensione con redditi da lavoro autonomo: dichiarazione entro il 30 settembre

settembre 23, 2016settembre 23, 2016

L'articolo 10 del dl 503/1992 introduce il divieto di cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo e dispone che i titolari di pensione sono tenuti a produrre all'ente erogatore della pensione la dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo riferiti all'anno precedente.
In applicazione della suddetta disposizione i titolari di pensione con decorrenza compresa entro l'anno 2015, soggetti al divieto di cumulo parziale della pensione con i redditi da lavoro autonomo, per detto anno sono tenuti a dichiarare entro il 30 settembre 2016 i redditi da lavoro autonomo conseguiti nell'anno 2015.
Il messaggio Inps 3817/2016 fornisce chiarimenti in ordine all'individuazione dei pensionati tenuti alla comunicazione, alle modalità di presentazione della dichiarazione e al regime sanzionatorio.

Quinto della pensione: esteso il servizio mobile ai pensionati della Gestione pubblica per il calcolo della quota cedibile

settembre 23, 2016

Da oggi anche i pensionati già iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici possono utilizzare il servizio mobile per calcolare la quota massima cedibile della propria pensione (si tratta della possibilità da parte del pensionato di ottenere un prestito da un istituto di credito, prestito rimborsabile attraverso un addebito automatico che l'Inps effettua sulla sua pensione e che non può superare un quinto dell'importo mensile della pensione).
La quota viene calcolata in base all’imponibile pensionistico e può mutare a seguito delle variazioni mensili di quest’ultimo. Ai fini del calcolo l’imponibile pensionistico va considerato al netto delle trattenute fiscali e previdenziali nonché delle altre trattenute aventi natura prioritaria, tenuto inoltre conto della salvaguardia del limite [...]

Pensione al coniuge superstite

settembre 22, 2016settembre 22, 2016

Con sentenza n. 174 del 15 giugno 2016, pubblicata il 20 luglio 2016, la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’ articolo 18, comma 5, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito dalla legge del 15 luglio 2011, n. 111 secondo il quale “Con effetto sulle pensioni decorrenti dal 1° gennaio 2012 l'aliquota percentuale della pensione a favore dei superstiti di assicurato e pensionato nell'ambito del regime dell'assicurazione generale obbligatoria e delle forme esclusive o sostitutive di detto regime, nonché della gestione separata di cui all'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, è ridotta, nei casi in cui il matrimonio con il dante causa sia stato contratto ad età del medesimo superiori a settanta anni e la differenza di età tra i coniugi sia superiore a venti anni, del 10 per cento in ragione di ogni anno di matrimonio [...]

Anticipo pensionistico: opzioni

settembre 21, 2016settembre 21, 2016

APE VOLONTARIA

  • Questa soluzione consente un anticipo pensionistico fino a 3 anni e 7 mesi sui requisiti di vecchiaia standard con prestito bancario assicurato e rimborso ventennale che scatta con la pensione ordinaria
  • L'intervento riguarda chi abbia fino a tre anni in meno rispetto all'età legale di pensionamento
  • Vale per tutti i lavoratori dipendenti del settore privato e pubblico e per gli autonomi
  • L'onere dell'operazione è tutta a carico del lavoratore 

APE AZIENDALE

  • L’accesso all'anticipo per lavoratori coinvolti in casi di ristrutturazioni verrà finanziata (in tutto o in parte) dal datore di lavoro
  • Le forme e la portata di questa copertura saranno definite in sede di accordi sindacali
  • Per questa copertura le aziende potrebbero utilizzare il contributo oggi destinato all'indennità di mobilità che uscirà di scena a fine anno 

APE SOCIAL

Rinviato il confronto governo – sindacati

settembre 21, 2016

Il tavolo di confronto sulle pensioni, che era originariamente in programma per oggi alle 11 e avrebbe dovuto concludere il lungo confronto iniziato il 24 maggio tra governo e sindacati, slitta al 27 settembre.
Questo slittamento serve a definire e ad approfondire gli ultimi temi da parte del governo soprattutto in merito alle risorse disponibili, anche perché oramai c'è convergenza sulla maggioranza dei temi, l'accordo sembra davvero vicino con Cisl e Uil (la Cgil ha sospeso il giudizio), Cisl e Uil inoltre premono perché si arrivi a un accordo da firmare, affinché il governo sia vincolato dagli impegni presi al tavolo.
Le risposte che devono arrivare da parte del governo riguardano principalmente due temi: l’uscita anticipata per i lavoratori precoci under 18 anni e la cosiddetta l’Ape “social”. 

 
Fonte: il Sole24Ore

Pensione maggiorata ed eventuale restituzione dell’indebito

settembre 20, 2016settembre 20, 2016

Dopo una lunga e controversa giurisprudenza in materia di errori nel calcolo della pensione da parte dell’Inps, e del datore di lavoro, la Cassazione, con la pronuncia 17417/2016, si è espressa in tema di pensione maggiorata per errore del datore di lavoro nella trasmissione dei dati all’Inps, e sulla conseguente responsabilità dell’Istituto e sull’eventuale possibilità di richiedere indietro quanto erroneamente versato.
La soluzione della Corte di Cassazione consiste nel ritenere non sussistente in capo all’Inps l’onere di vigilanza e controllo dei dati trasmessi dal datore di lavoro.

In conclusione:

  • nel caso di pensione maggiorata a causa della trasmissione da parte del datore di lavoro di dati non corretti, le somme indebitamente percepite dall’ex lavoratore dovranno essere restituite con gli interessi, per mancanza di una delle [...]

Bonus ai precoci under 16

settembre 20, 2016

A disposizione dei "bonus" per i pensionati ci sarà complessivamente un miliardo di euro.
Da fonti tecniche sarebbe trapelata la notizia che verrà riconosciuto un bonus contributivo ai lavoratori che hanno iniziato a versare contributi prima dei 16 anni.
Non è ancora chiaro quanti siano i mesi necessari (probabilmente 3) al riconoscimento del bonus che consentirebbe di raggiungere i 41 anni e 10 mesi di contribuzione totale dal 2017, in modo tale da garantire l’anticipo con un anno di sconto sugli altri lavoratori.
Non sono da escludere ulteriori novità al tavolo di domani.
Componeneti come la Uil e la Cisl vedrebbero di buon grado un’intesa sottoscritta come un protocollo così da “proteggere" i contenuti da eventuali modifiche parlamentari.

Fonte: il Sole24Ore

Collocamento a riposo del dipendente pubblico e motivazione

settembre 19, 2016settembre 19, 2016

La Sentenza n. 18099/2016 della Cassazione ribadisce che la facoltà di cui all’art. 72 del Dl 112/2008 e successive modificazioni - facoltà che permette all'amministrazione di risolvere il rapporto di lavoro con il dipendente che ha maturato l’anzianità contributiva necessaria per il diritto alla pensione anticipata (nel 2016 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini ) - non può tenere conto solo dei requisiti soggettivi ed oggettivi. Per la risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro è necessaria anche una idonea motivazione che tenga conto delle complessive ed effettive esigenze dell’amministrazione, considerando la struttura e le dimensioni, applicando i principi di buona fede, correttezza, imparzialità e buon andamento. 

Il Dl 90/2014, all’art. 1 comma 5 ha previsto che la facoltà di risolvere il rapporto con il [...]

Meno stipendio fisso e più premi per i dirigenti

settembre 19, 2016

La riforma dei dirigenti, approvata il 25 agosto in prima lettura e ora in attesa dei pareri (non vincolanti) di conferenza unificata, consiglio di Stato e parlamento, lancia un nuovo tentativo di rivoluzionare la busta paga dei dirigenti (una “rivoluzione”, che se sarà portata avanti, promette comunque di congelare per molti anni le parti fisse dello stipendio).
Il punto chiave sta nell'articolo 8, comma 2 del decreto, che fissa due principi: le voci variabili devono rappresentare almeno la metà dello stipendio complessivo, al netto di anzianità ed eventuali incarichi aggiuntivi, e il 30% va collegato ai «risultati». Nel caso dei dirigenti generali, cioè quelli che si trovano nelle caselle più alte della gerarchia pubblica, la quota variabile deve salire fino al 60% del totale, e quella legata ai risultati non può fermarsi sotto il 40 per cento. 

Fonte: ilSole24Ore

Unione Europea e Pensione anticipata

settembre 19, 2016

Facendo un viaggio virtuale tra i regimi degli stati dell'Unione europea vediamo che sono 23 i Paesi (inclusa l’Italia) che attualmente consentono l’anticipo della pensione.
In Danimarca, Svezia, Irlanda, Olanda e Gran Bretagna invece al momento non esiste alcuna formula di questo tipo. 

Con l’invecchiamento della popolazione, che minaccia la sostenibilità dei conti pubblici, la tendenza generale dei Paesi è però piuttosto quella di allungare la durata della vita lavorativa con una conseguente stretta dei requisiti per accedere alla pensione anticipata e, secondo le elaborazioni della Commissione Ue, queste tendenze sono destinate ad intensificarsi ancora, di pari passo con l’aumento dell’età pensionabile. 

In 14 Paesi europei è prevista per chi si ritira prima dal lavoro una certa flessibilità, con una penalizzazione dell’assegno che subisce una decurtazione.
In 12 di essi, inoltre, è previsto contemporaneamente un bonus per restare al lavoro più a lungo.

Fonte: IlSole24Ore

Ipotesi mini-bonus ai precoci

settembre 15, 2016settembre 15, 2016

Viene in luce l'ipotesi di riconoscere un mini-bonus ai lavoratori precoci (coloro che hanno iniziato ad avere una contribuzione continuativa prima dei 18 anni) affinché superino la soglia dei 41 anni necessaria per l’anticipo pensionistico (ne servono 42 e 10 mesi per gli uomini e 41 e 10 mesi per le donne fino al 2018).

Si tratterebbe di una contribuzione figurativa a carico dello Stato per ogni anno di lavoro pieno in minore età, e verrebbe garantito solo ad alcune tipologie di addetti, per esempio a chi ha svolto lavori ordinari “quasi-usuranti”. Molto probabilmente verrà ulteriormente ristretta la platea di beneficiari introducendo un secondo filtro legato all'età anagrafica, questo  perché vi sono costi troppo elevati per garantire a tutti un’uscita. 
Giuliano Poletti ha infatti affermato che il tema in questione «è molto difficile da affrontare perché ha un livello [...]

Invio telematico del 770: termine giovedì 15 settembre

settembre 14, 2016settembre 14, 2016

Il termine per trasmettere telematicamente il modello 770/16 relativo al reddito 2015 è previsto per giovedì 15 settembre .
Entro la stessa data sarà possibile procedere all’invio, senza sanzione, di quelle certificazioni uniche (Cu) di lavoratori autonomi non interessati dal 730 precompilato non ancora trasmesse.
In data posteriore al 15 settembre la dichiarazione potrà essere legittimamente trasmessa, avvalendosi del ravvedimento operoso (ex articolo 13 del Dlgs 472/97).
Se trasmesso entro il 14 dicembre (cioè trasmesso entro 90 giorni dalla prorogata scadenza del 15 luglio) il 770 non sarà considerato omesso.
Anche quest’anno sarà possibile spezzare in due l’invio del 770, uno per le ritenute di lavoro dipendente e assimilato e l’altro per quelle di lavoro autonomo.
Da quest’anno il 770 semplificato contiene solo i dati sulle ritenute versate [...]

accordo governo-sindacati vicino

settembre 14, 2016

Il sottosegretario alla presidenza del consiglio Tommaso Nannicini: «Non ci sarà alcun aumento della spesa pensionistica a carico delle future generazioni - ha detto - l’obiettivo è la sostenibilità dei conti».
«La valutazione è positiva - sostiene Maurizio Petriccioli (Cisl) - c’è convergenza con il governo su un intervento di tipo previdenziale a sostegno delle pensioni basse e sull’Ape, resta da sciogliere il nodo dei lavoratori precoci, ma confido che si possa trovare una soluzione».
I sindacati chiedono che chi ha iniziato a lavorare tra i 14 e i 18 anni, possa avere un bonus contributivo per uscire con 41 anni di contributi. 
Anche Domenico Proietti (Uil) esprime un «giudizio positivo» sull’andamento del tavolo: «Stiamo facendo un ultimo sforzo per sciogliere i due ultimi nodi»
Sospende il giudizio Vera Lamonica (Cgil), la confederazione di Corso d’Italia in un [...]

Ultimo round tecnico per il dossier pensioni

settembre 14, 2016

Ieri nuove conferme sul “pacchetto previdenziale” che entrerà nella legge di Bilancio.

La prima conferma riguarda l'Ape, che sarà per tutti i lavoratori, compresi gli autonomi, con i requisiti contributivi per la vecchiaia e almeno 63 anni di età dal 2017.
Per il prossimo biennio la misura avrà natura sperimentale. Il finanziamento privato dell’Ape sarà bancario con assicurazione in caso di pre-morienza, ma chi ha una posizione pensionistica complementare potrà accedere a una Rendita integrativa temporanea anticipata (Rita) per finanziare in tutto o in parte l’anticipo. 

Ulteriore conferma riguarda le 14esime: verranno aumentate quelle già in pagamento e, con un’estensione della soglia minima da 750 a 1.000 euro, verrà estesa di 1,2 milioni la platea dei beneficiari. 

Sul fronte parlamentare sembra rafforzarsi l’ipotesi di un’ottava salvaguardia per gli [...]

Nuove forme di flessibilità: “Rita”

settembre 8, 2016settembre 8, 2016

Con il pacchetto pensioni che il governo sta preparando per la prossima legge di Bilancio arriverà una nuova forma di flessibilità: la Rendita integrativa temporanea anticipata (Rita) consentirà di percepire una rendita in anticipo rispetto alla pensione obbligatoria a lavoratori senza contratto con 63 anni di età e almeno 20 di contributi contando su una tassazione sostitutiva più leggera per coloro che hanno un’iscrizione di più lungo corso a un fondo pensione integrativo. In particolare l’ipotesi è di uno sgravio dello 0,3% per ogni anno di iscrizione a un fondo superiore a 15 anni, con una tassazione sostitutiva che può scendere fino al 9%

Pensioni: ampliamento della platea per la quattordicesima

settembre 6, 2016settembre 6, 2016

«Per incrementare il Cantiere sociale, nella prossima legge di Stabilità - ha detto  Matteo Renzi - provvederemo ad una misura di equità sulle pensioni minime e metteremo nuove risorse sul contrasto alla povertà»
L’ipotesi che continua ad essere indicata come più probabile è quella di un’estensione della platea di pensionati che attualmente prende la “quattordicesima” Inps (somma aggiuntiva).
L’operazione potrebbe consistere nell’aumento a 2 volte il minimo del limite di reddito per incassare l’assegno extra, in questo modo otterrebbero il beneficio altri 1,15 milioni di pensionati.
Nel complesso le risorse da stanziare per le misure previdenziali dovrebbero aggirarsi sui 2 miliardi, con 5-600 milioni destinati al finanziamento dell’Ape.

Fondi pensione in crescita: +3,9% le adesioni a giugno

agosto 23, 2016agosto 23, 2016

Crescono le adesioni alla previdenza complementare. Nei primi sei mesi dell’anno gli iscritti hanno sfondato la soglia dei 7,5 milioni di lavoratori, facendo segnare un incremento del +3,9%. 
A dare la spinta alle adesioni ai fondi negoziali è stato il Fondo Prevedi, dei lavoratori edili dell’industria e dell’artigianato; ma anche il Fondo Perseo Sirio, cui aderiscono i lavoratori pubblici e del comparto Sanità, "ha registrato un incremento significativo delle adesioni" fa sapere la Covip.

Legge di Stabilità 2017: Nuove forme di flessibilità

agosto 23, 2016

Queste le proposte che dovrebbero essere inserite nella nuova Legge di Stabilità

RICONGIUNZIONI
Oggi chi ha versato i contributi previdenziali in più gestioni può ricongiungerli con una operazione che comporta oneri anche ingenti per il lavoratore, i governo sta valutando la possibilità di rendere gratuita questa operazione, sia per il trattamento di vecchiaia che per quello anticipato. 

PRECOCI
La cancellazione della pensione di anzianità e l’adeguamento dei minimi contributivi e anagrafici introdotti nel 2012 hanno penalizzato i lavoratori precoci, ciè coloro che hanno iniziato
l’attività lavorativa prima dei 18 anni. L’intervento allo studio prevede il riconoscimento di un bonus sui contributi di 3 o 4 mesi per ogni anno di lavoro svolto da minorenni. 

NO TAX AREA
Per aumentare le risorse a vantaggio dei pensionati meno abbienti potrebbe essere [...]

FLESSIBILITA’ PENSIONISTICA E COSTI: trovare un equilibrio

agosto 23, 2016

Sul tavolo : Anticipo pensionistico, semplificazioni per lavoratori impegnati in attività usuranti e per quelli che hanno iniziato prima dei diciotto anni, nuove regole per valorizzare senza costo i contributi accumulati in gestioni differenti ; tutte queste le riforme a cui sta lavorando il governo e che dovrebbero approdare nella prossima legge di Stabilità per rendere più flessibile il sistema previdenziale dopo la riforma del 2011. Si tratta però di trovare un difficile equilibrio tra allentamento dei requisiti e relativi costi  cercando di effettuare una stima attendibile delle persone che utilizzeranno queste vie d’uscita per determinare gli oneri complessivi dell’operazione.

OPERAZIONE ESTRATTI CONTO DIPENDENTI PUBBLICI : Invio delle comunicazioni per ulteriori 170.000 iscritti.

agosto 4, 2016

Con Messaggio n. 3284 del 3/8/2016, l’INPS comunica che invierà agli Enti Datori di Lavoro il file excel con l’elenco degli ulteriori dipendenti per i quali è disponibile l’estratto conto contributivo, nonché la lettera esplicativa dell’operazione, con la richiesta di inoltrare ai dipendenti interessati la comunicazione della disponibilità on line dell’estratto contributivo.

Leggi il Messaggio INPS n. 3284 del 3/8/2016

Modifica del calcolo ISEE per famiglie con disabili

luglio 29, 2016luglio 29, 2016

A seguito delle sentenze del Consiglio di Stato nn. 838, 841 e 842 del 2016, è stato modificato, con l’articolo 2 sexies del decreto legge in oggetto, il calcolo dell’ISEE dei nuclei familiari con componenti con disabilità. In particolare:
1) sono stati esclusi dal reddito ISEE i trattamenti assistenziali, previdenziali ed indennitari percepiti da amministrazioni pubbliche in ragione della condizione di disabilità;
2) sono state sostituite le spese (articolo 4, comma 4 lettere b), c) e d) del DPCM n. 159 del 2013) e le franchigie per i componenti disabili con una maggiorazione della scala di equivalenza dello 0,5 per ogni componente con disabilità media, grave o non autosufficiente.

Leggi la Circolare INPS n. 137 del 25/07/2016 

Pensioni, ricongiunzioni gratis per tutti, bonus ai «precoci» e piano per le 14esime

luglio 21, 2016luglio 21, 2016

Ricongiunzioni gratuite per tutti anche per andare in pensione anticipata. Riconoscimento di un bonus contributivo di 4 o 6 mesi l’anno per i lavoratori “precoci”. Cancellazione delle “finestre” e degli altri vincoli normativi che ostacolano l’accesso al pensionamento anticipato ai lavoratori usuranti.

Sono queste le misure previdenziali che accompagneranno il debutto dell’Ape (anticipo pensionistico), ovvero la nuova flessibilità generalizzata per il pensionamento basata su un prestito-ponte bancario da rimborsare anche con il beneficio di una detrazione.

Leggi l'articolo su IlSole24Ore

SPECIALE PENSIONI: I progetti di legge

luglio 20, 2016

Presentato il disegno di legge per l’ottava salvaguardia”
Si legge nella presentazione del disegno di legge: “…Questa salvaguardia deve essere la definitiva: le prime sette hanno sempre posto come limite per il diritto la decorrenza del trattamento pensionistico, procedendo di anno in anno. La presente proposta di legge dà priorità al momento in cui si è realizzata la condizione che costituisce il diritto alla salvaguardia: tutto deve fare riferimento al 2011, la verifica delle situazioni deve essere quindi legata all’evento...”

I requisiti pensionistici dovranno essere maturati entro il 31.12.2019, ancorché la decorrenza del trattamento pensionistico sia successivo a tale data.

Vedi il Disegno di legge 3893 del 10 giugno 2016

 

Misure di contrasto alla povertà: Avvio del Sia (Sostegno per l’inclusione attiva)

luglio 20, 2016

Sulla base di un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa che vede coinvolti i servizi sociali dei Comuni, Centri per l’impiego, scuole, servizi sanitari, viene prevista l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni disagiate nelle quali sono presenti minorenni, figli disabili e donne in stato di gravidanza.

Il Comune riceve le domande dei cittadini ed effettua le verifiche anagrafiche e il rispetto dei progetti

L’INPS riceve le domande dai Comuni i ed effettua le verifiche sulla situazione socio economica.

Il Gestore dei Servizi assicura la distribuzione delle carte prepagate.

Leggi il decreto Ministeriale del 26/5/2016
Leggi la circolare INPS n. 133 del 19/7/2016

 

Corte Costituzionale: Contributo di solidarietà sulle “pensioni d’oro” – Sentenza n.173/2016

luglio 19, 2016luglio 19, 2016

Depositata il 13 luglio 2016 la sentenza n. 173/2016 con la quale la Corte Costituzionale ha preso in esame le censure formulate e relative al “contributo di solidarietà sulle pensioni di importo più elevato (da 14 volte a 30 volte il trattamento minimo INPS) che è stato introdotto dal legislatore per il triennio 2014-2016.
La Corte ha ritenuto che il contributo sulle pensioni d’oro può ritenersi misura consentita al legislatore ove la stessa operi entro i limiti della ragionevolezza, di affidamento e della tutela previdenziale (artt. 3 e 38 Cost.) e configurarsi quindi come misura improntata effettivamente alla solidarietà previdenziale, essere imposta dalla crisi contingente del sistema, (strumento utilizzato come misura una tantum) presentarsi come prelievo sostenibile, incidere sulle pensioni più elevate e rispettare il principio di proporzionalità.

Corte Costituzionale: Pensione di reversibilità indipendentemente dalla differenza di età fra i coniugi – Sentenza 174/2016

luglio 19, 2016

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima la norma che limitava la pensione di reversibilità quando il coniuge deceduto aveva contratto matrimonio ad un’età superiore a 70 anni e il coniuge superstite era più giovane di almeno vent’anni.
La ratio della norma impugnata risiede nella presunzione che i matrimoni contratti in età avanzata di uno dei coniugi e con una rilevante differenza di età fra gli stessi, traggano origine dall’intento di frodare la legge, ma si tratta di una presunzione connotata in termini assoluti che preclude ogni prova contraria.
La Corte ha ribadito che ogni limitazione al diritto della pensione di reversibilità deve rispettare i principi di eguaglianza e di ragionevolezza e il principio di solidarietà e non deve interferire con le scelte di vita dei singoli, espressione di libertà fondamentali.
Leggi la Sentenza n. 174 depositata il 14 luglio 2016

Corte Costituzionale – Monetizzazione ferie maturate e non godute – Sentenza n.95/2016

luglio 19, 2016

Non è fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 5 comma 8 del DL 95/2012 convertito con modificazioni nella Legge 135/2012 nella parte in cui dispone che le ferie, i riposi e i permessi spettanti al personale delle pubbliche amministrazioni sono obbligatoriamente fruiti secondo quanto previsto dai rispettivi ordinamenti e non danno luogo in nessun caso alla corresponsione di trattamenti economici sostitutivi. La prassi (INPS, Ragioneria dello Stato e Funzione Pubblica) ha di fatto stabilito che il divieto posto dalla norma non opera in quei casi di estinzione del rapporto di lavoro che non chiamano in causa la volontà del lavoratore e la capacità organizzativa del datore di lavoro.

Leggi la Sentenza n. 95 del 6/5/2016

INPS – GESTIONE LAVORATORI PUBBLICI – NON CORRETTA APPLICAZIONE DEL MASSIMALE CONTRIBUTIVO ADEMPIMENTI E TERMINI PER LA REGOLARIZZAZIONE CHE DECORRONO DALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL MESSAGGIO INPS (DIES A QUO 11/7/2016)

luglio 14, 2016luglio 14, 2016

Con Messaggio n. 3020 del 11/7/2016 l’INPS fornisce chiarimenti ed istruzioni in relazione agli adempimenti del datore di lavoro per la regolarizzazione contributiva, nel caso in cui l’applicazione del massimale contributivo per i dipendenti iscritti alla Gestione Pubblica non sia stata gestita correttamente. Il datore di lavoro è tenuto a reinviare le denunce e a procedere alla eventuale regolarizzazione dei contributi non versati.
IL DIES A QUO DAL QUALE FARE DECORRERE I TERMINI PER LA REGOLARIZZAZIONE (tre mesi) VIENE CALCOLATO DALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL MESSAGGIO INPS (11/7/2016)

Leggi il Messaggio

RAPPORTO ANNUALE DELL’INPS – LUGLIO 2016

luglio 14, 2016

Giovedì 7 luglio 2016, presso la Camera dei Deputati, si è tenuta la presentazione del XV Rapporto annuale dell’Inps.
La Relazione è stata svolta dal Presidente dell'Istituto Tito Boeri. Dai dati relativi all’aumento della spesa pensionistica, all’analisi dei disagi di una “generazione di mezzo (50-65 anni) che aspetta con ansia misure che potrebbero alleggerire il proprio carico di lavoro consentendo una uscita anticipata verso la pensione.. questi alcuni degli argomenti trattati.

Leggi la Relazione

INPS: PERMESSI L. 104/92 SOGGETTI DISABILI – PROROGA DEGLI EFFETTI DEL VERBALE RIVEDIBILE

luglio 14, 2016

Con la circolare n. 127 dell’8 luglio 2016  L’INPS  fornisce istruzioni  operative  in merito all’applicazione dell’’art. 25, commi 4 e 6-bis, del D.L. 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni nella legge n. 114 dell’11 agosto 2014 che ha introdotto semplificazioni per i soggetti con disabilità grave, prorogando gli effetti del verbale rivedibile fino al completamento dell’iter di revisione ai fini dei permessi e congedi riconosciuti ai lavoratori dipendenti in caso di disabilità grave.

Leggi la circolare

INPS: Modalità di compilazione della ListaPosPa per eventi con contribuzione figurativa

luglio 14, 2016

Con Messaggio n. 3068 del 13/7/2016 l’INPS comunica che è stata definita la nuova versione degli esempi di compilazione della denuncia mensile “ListaPosPa” per i dipendenti iscritti alla Gestione Pubblica, ai fini del riconoscimento della contribuzione figurativa nel caso di eventi particolari quali la maternità e assistenza al bambino, congedo parentale con retribuzione ridotta, senza retribuzione o usufruito ad ore.
Sono stati corretti alcuni refusi della versione precedente e sono stati aggiunti ulteriori esempi di compilazione.
Allegata al messaggio INPS la nuova versione 2.0 “Istruzioni ListaPosPa” corretta ed integrata.

Leggi il messaggio

RIVALUTAZIONE TFR

luglio 14, 2016

Aggiornati da ISTAT gli indici dei prezzi per adeguare il Trattamento di fine rapporto, gli affitti, assegni dovuti al coniuge separato.
Periodo di riferimento: Giugno 2016.

Consulta i cofficienti

Riforma delle Pensioni e lavoratori precoci

luglio 7, 2016luglio 7, 2016

Oggi alle 10 è prevista una Conferenza Stampa alla Camera dei Deputati per la presentazione della petizione a sostegno del DDL 857 (che ha raccolto oltre 50.000 firme) che prevede, fra le ipotesi, il pensionamento con 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.

Vai al DDL 857

Contributo di solidarietà sulle pensioni d’oro: La consulta lo ritiene legittimo.

luglio 7, 2016

Dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016, la legge 147/2013 ha previsto un contributo di solidarietà sulle pensioni di importo superiore a 14 volte il trattamento minimo (oltre 91.000 euro).

La Corte Costituzionale ha respinto i ricorsi che contestavano la costituzionalità del provvedimento, ritenendo legittimo tale prelievo.

Torneremo sull’argomento non appena si conosceranno le motivazioni della sentenza.

Sospensione immediata per le false presenze sul lavoro- pubblicato il decreto in Gazzetta Ufficiale

giugno 30, 2016giugno 30, 2016

Dal 13 luglio entreranno in vigore le norme del Dlgs 20 giugno 2016, n. 116, pubblicate martedì sulla «Gazzetta Ufficiale», che modificano l’articolo. 55 quater del Testo unico del pubblico impiego (Dlgs 165/2001), allo scopo di combattere il fenomeno della falsa attestazione della presenza in ufficio da parte dei dipendenti pubblici.
Si ha falsa attestazione della presenza quando il dipendente faccia risultare in maniera fraudolenta di essere in servizio, oppure tragga in inganno l'amministrazione circa l'orario di lavoro effettivamente svolto.
Se la falsa attestazione della presenza viene accertata in flagranza, oppure mediante l'utilizzo di strumenti di sorveglianza o di registrazione degli accessi o delle presenze, l'Amministrazione deve disporre immediatamente - e comunque entro 48 ore dalla conoscenza del fatto – e con provvedimento motivato [...]

29 giugno 2016: incontro interlocutorio governo – sindacati sulla previdenza

giugno 30, 2016

Nell'incontro sono stati affrontati alcuni temi che riguardano chi è già in pensione come il meccanismo di rivalutazione della pensione, l'estensione della no tax Area al momento prevista fino a 8mila euro solo per i pensionati "over 75" e temi che riguardano i futuri pensionandi, come l'introduzione del meccanismo del prestito pensionistico (APE)

Opzione per il TFR: proroga del termine al 31.12.2020

giugno 29, 2016giugno 29, 2016

Messaggio INPS n. 2642 del 14/06/2016

Nell’incontro tra Aran e Confederazioni Sindacali del 25 maggio 2016 è stato sottoscritto definitivamente il Contratto Collettivo Nazionale Quadro, che era stato siglato il 15 gennaio 2016, per la proroga del termine in materia di trattamento di fine rapporto e di previdenza complementare per i dipendenti pubblici.
L’articolo unico dell’accordo, stabilisce che il termine precedentemente prorogato al 31 dicembre 2015, è ulteriormente differito al 31 dicembre 2020.

 

Livelli reddituali per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare dal 1 luglio 2016

giugno 29, 2016

Restano fermi per l’anno 2016 i livelli reddituali contenuti nelle tabelle relative all'anno 2015 (circolare INPS n. 109/2015), relativi alla corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare, nonché i corrispondenti importi mensili della prestazione, da applicare dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017, alle diverse tipologie di nuclei familiari.

Circolare INPS n. 92 del 27/05/2016

Cir.INPS 90/16: le regole per il part-time agevolato ai pensionandi

giugno 1, 2016giugno 1, 2016

Con la circolare 90 del 26/05/2016 si forniscono la regolamentazione operativa e le istruzioni per la fruizione dei benefici introdotti dall’art. 1, comma 284, della legge 208/2015, a favore dei lavoratori dipendenti a tempo pieno ed indeterminato del settore privato che maturano il diritto al trattamento pensionistico di vecchiaia entro il 31 dicembre 2018 e che concordano con il datore di lavoro la riduzione, in misura compresa tra il 40 e il 60 per cento, dell’orario del rapporto di lavoro.

A breve una Newsletter di approfondimento!

 

Cir. INPS n.92/16: livelli reddituali per la corresponsione dell’assegno per il nucleo familiare

giugno 1, 2016

L’Inps, con la circolare n. 92 del 27 maggio 2016, comunica che "restano fermi per l’anno 2016 i livelli reddituali contenuti nelle tabelle relative all’anno 2015 (circolare INPS n. 109/2015), nonchè i corrispondenti importi mensili della prestazione, da applicare dal 1° luglio 2016 al 30 giugno 2017, alle diverse tipologie di nuclei familiari."
Gli stessi livelli di reddito avranno validità per la determinazione degli importi giornalieri, settimanali, quattordicinali e quindicinali della prestazione.

A breve una Newsletter di approfondimento!

Nuovi diritti per conviventi e coppie gay

maggio 13, 2016maggio 13, 2016

 Nuovi diritti (e doveri) per le coppie omosessuali e anche per le coppie eterosessuali che scelgono di convivere. Nelle unioni civili, in materia previdenziale, se uno dei due partner muore l'altro ha diritto al Tfr e anche alla pensione di reversibilità.
La convivenza di fatto, invece, non dà diritto all'eredità legittima e alla pensione di reversibilità, ma il disegno di legge introduce anche i "contratti di convivenza" con i quali è possibile regolare i rapporti economici della coppia.

Pensioni, con Ape taglio dell’1-3%

maggio 13, 2016

Renzi a "Porta a porta": un taglio tra l’1 e il 3% l’anno. Con la possibilità di arrivare eventualmente a quota 4% per gli assegni più elevati.
Tutto questo attraverso il decollo dell’Ape (Anticipo pensionistico) che renderà più flessibili le uscite verso la pensione degli “over 63”.

Fonte: il Sole 24 Ore

Dimissioni online: faq aggiornate al 28/04

maggio 3, 2016maggio 3, 2016

Sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (www.cliclavoro.gov.it)  in data 28 aprile 2016 sono state pubblicate le ultime  FAQ in materia di procedura per le dimissioni telematiche
Il Ministero del Lavoro stabilisce che, per i lavoratori domestici, non si deve procedere né al sistema telematico né, alla procedura di convalida prevista dalla legge n. 92/2012.
Inoltre, la procedura telematica va effettuata anche per i rapporti di lavoro instaurati all’interno delle strutture di detenzione.

Congedo indennizzato per le donne vittime di violenza di genere: Istruzioni contabili

aprile 21, 2016aprile 21, 2016

E’ uscita la circolare INPS 65 del 15/04/2016
Con la suddetta circolare l’Inps fornisce le istruzioni contabili riguardo il congedo indennizzato per le donne vittime di violenza di genere.
Si precisa che le istruzioni di cui alla circolare sono riferite alle lavoratrici del settore privato, sia per il pagamento delle indennità sia per gli aspetti correlati alla contribuzione figurativa.
Le lavoratrici del settore pubblico, alle quali l’indennità per il congedo in questione è corrisposta dall’Amministrazione di appartenenza sono contemplate per gli aspetti che riguardano la copertura figurativa dei periodi di congedo fruiti.
Le lavoratrici con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, sono contemplate solo ai fini del riconoscimento di un diritto alla sospensione del rapporto di collaborazione a cui non corrisponde però un diritto all’indennità.

PENSIONI E FLESSIBILITA’: ultimi aggiornamenti

aprile 21, 2016

Sul tavolo del pool di esperti della cabina di regia economica di Palazzo Chigi,  2-3 opzioni  per rendere più flessibili le uscite verso la pensione.
La tempistica più probabile per l'eventuale decollo del piano resta quella della prossima legge di stabilità ma non è ancora del tutto esclusa la possibilità che possa essere  annunciato prima dell'inizio dell'estate 

Leggi qui l'articolo completo 

Dimissioni online, l’inatteso ritorno del doppio codice

marzo 17, 2016marzo 17, 2016

Con il Decreto Ministeriale 15 dicembre 2015 è stato previsto che il dipendente che volesse dimettersi  dovrebbe ricorrere sia alle credenziali di Cliclavoro, sia al codice Inps, invececon la circolare 12/2016 lo stesso Ministero aveva fatto capire che era sufficiente solo il Pin Inps.

I consulenti del lavoro hanno nuovamente segnalato invece che per dimettersi utilizzando la nuova procedura online (obbligatoria dal 12 marzo) è necessario avere i codici identificativi di Cliclavoro oltre a quello dell’Inps.

Un'ulteriore incertezza che si aggiunge ai numerosi dubbi che i professionisti hanno messo in luce in questi giorni.

Per i precari della Pa rimborsi automatici sui contratti illegittimi

marzo 17, 2016

I lavoratori del pubblico impiego che hanno subito un contratto a tempo determinato illegittimo hanno diritto a un risarcimento “automatico”, di un valore che può oscillare da un minimo di 2,5 a un massimo di 12 mensilità a seconda dell’anzianità di servizio, del comportamento delle parti e degli altri criteri fissati dalle regole sul rapporto di lavoro.

Le Sezioni unite della Cassazione risolvono così, nella sentenza 5072/2016 la questione delle tutele per il pubblico impiego contro l’abuso dei contratti a termine.

 

Dimissioni, prime difficoltà applicative

marzo 16, 2016marzo 16, 2016

La comunicazione delle dimissioni e della risoluzione consensuale genera già i primi errori e incertezze, il preavviso rappresenta una delle principali difficoltà.
Con la nuova pratica telematica, per il lavoratore è facile sbagliare il calcolo del periodo finale di permanenza in azienda.
In caso di errore è necessario revocare la comunicazione e ripetere la procedura.

Per evitare tutte queste incertezze su un elemento importante come la data effettiva di chiusura del rapporto di lavoro, sarebbe utile un chiarimento ministeriale dedicato alla gestione del preavviso nonché alle conseguenze in caso di omessa effettuazione della procedura da parte del dimissionario.

Dimissioni online, pubblicata la versione dimostrativa

marzo 14, 2016marzo 14, 2016

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sul proprio sito, la versione dimostrativa della nuova procedura di dimissioni volontarie e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Vedi il comunicato presente nel sito ministeriale.

Il lavoratore potrà scegliere tra due opzioni:
1) OPERARE AUTONOMAMENTE, inviando il nuovo modulo tramite il sito del Ministero del Lavoro. In questo caso è necessario munirsi del Pin INPS
2) RIVOLGERSI AD UN SOGGETTO ABILITATO (patronato, organizzazione sindacale, ente bilaterale, commissioni di certificazione) che avrà il compito di compilare i dati e inviarli al Ministero del Lavoro.

Entro 7 giorni dalla data di trasmissione del modulo di dimissioni o risoluzione consensuale il lavoratore ha facoltà di revocarle, sempre in via telematica.

Damiano: “entro fine anno avremo la riforma delle pensioni”

marzo 14, 2016

«Entro la fine dell’anno con la legge di stabilità avremo la riforma delle pensioni che anticipa di quattro anni l’uscita dal lavoro a costo zero per le casse dello Stato».

Queste le parole di Cesare Damiano (Pd), Presidente della commissione Lavoro della Camera ed ex ministro del Welfare.

I principali punti dovrebbero consistere nel correggere gli errori della Legge Fornero, primo su tutti l’assenza di gradualità nel passaggio dal vecchio al nuovo regime.

Domani inizia l’era «Spid», la prima tappa della Pa digitale

marzo 14, 2016

Da domani ci sarà la possibilità per i cittadini maggiorenni e per le imprese di richiedere le credenziali con le quali connettersi ai servizi della pubblica amministrazione. Una sola username e una password consentiranno di accedere a tutta la Pa.

Per il momento i servizi disponibili sono 300, l’obiettivo è di arrivare nel giro di due anni a coprire l’intera Pa.

 

Per Le dimissioni online basta il Pin Inps

marzo 14, 2016

Per dimettersi secondo la nuova procedura online il dipendente non deve richiedere anche i codici di identificazione del sito Cliclavoro, in quanto è sufficiente avere il Pin dell’Inps.

La novità, confermata dal ministero del Lavoro, emerge guardando il video tutorial pubblicato sul sito del ministero.

Leggi il Sole 24 Ore del 11 marzo 2016 a pag 45

Il lavoratore pubblico ha diritto alla retribuzione corrispondente alla qualifica di fatto svolta

marzo 8, 2016marzo 8, 2016

"In materia di pubblico impiego contrattualizzato, lo svolgimento di fatto di mansioni proprie di una qualifica superiore a quella di inquadramento formale comporta in ogni caso, in forza del disposto dell'art. 52, comma 5, d.lgs. del 30 marzo 2001, n. 165, il diritto alla retribuzione propria di detta qualifica superiore ¬ e tale diritto non è condizionato dalla sussistenza dei presupposti di legittimità di assegnazione delle mansioni, posto che una diversa interpretazione sarebbe contraria all'intento del legislatore di assicurare comunque al lavoratore una retribuzione proporzionata alla qualità del lavoro prestato, in ossequio al principio di cui all'art. 36 Cost".

E' questo, in estrema sintesi, il principio di diritto affermato dalla Sezione Lavoro della Corte di Cassazione con la Sentenza 18.02.2016 n. 3211.

Assegno per il nucleo familiare e assegno di maternità concessi dai Comuni.

marzo 8, 2016

Rivalutazione per l'anno 2016 della misura degli assegni e dei requisiti economici

La variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, è risultata, per il 2016, pari a - 0,1.
Con riferimento alle prestazioni previdenziali e assistenziali e ai parametri ad esse connessi, la percentuale di adeguamento non può essere inferiore a zero.
Pertanto restano fermi per l’anno 2016 la misura e i requisiti economici dell’assegno al nucleo familiare numeroso e dell’assegno di maternità del 2015.

DIMISSIONI ONLINE E SETTORE PRIVATO

marzo 7, 2016marzo 7, 2016

Il 12 marzo 2016 diventerà pienamente operativa la nuova procedura telematica per le dimissioni e la risoluzione consensuale dei rapporti di lavoro introdotta dal Dlgs 151/2015 che rende inefficaci tutte le dimissioni rassegnate senza l’utilizzo di un’apposita procedura telematica.

La norma è stata pensata al fine di contrastare il fenomeno delle dimissioni in bianco.
Vale per i dipendenti del settore privato eccetto:
• Lavoratrici madri (vale la disciplina tradizionale)
• Lavoro domestico
• Atti convalidati in sede protetta
• Risoluzioni consensuali sottoscritte nell'ambito della procedura di conciliazione preventiva
• Lavoro pubblico (dubbi interpretativi)
• Dimissioni rassegnate durante il periodo di prova (dubbi interpretativi)
Gli addetti ai lavori hanno evidenziato la complessità dell’adempimento nonché diversi dubbi e punti critici.

Milleproroghe: avvisi e bandi pubblici e riscossione tributi locali

marzo 7, 2016
  • Prorogata al 1° gennaio 2017 l’entrata in vigore delle disposizioni che eliminano l’obbligo di pubblicazione degli avvisi e bandi sui quotidiani, di cui agli articoli 66 e 122 del D. Lgs. n. 163 del 2006 (Codice degli appalti pubblici)

 

  • Prorogata al 30 giugno 2016 la possibilità dei Comuni di avvalersi di Equitalia per l’accertamento, la liquidazione e la riscossione dei tributi locali

Milleproroghe: firma digitale e settore appalti

marzo 7, 2016
  • Prorogata al 1° luglio 2016 l’entrata in vigore della obbligatorietà della firma digitale nel processo amministrativo prevedendo, inoltre, una fase preliminare di sperimentazione della nuova disciplina presso i TAR e il Consiglio di Stato.

 

  • Settore appalti: è prorogato al 31 luglio 2016 il termine di cui all’articolo 189, comma 5, del D.Lgs. 163 del 2006 (Codice dei contratti pubblici) ed il termine di cui all’articolo 357, comma 27, del DPR 207 del 2010, relativi alla possibilità di utilizzare, per la dimostrazione dell’adeguata idoneità tecnica e organizzativa, l’attestazione SOA in luogo della presentazione dei certificati di esecuzione dei lavori.

Istruzioni per l’applicazione della Legge di Stabilità

marzo 7, 2016

Circolare n. 45 del 29/02/2016

L’Inps ha pubblicato la circolare n. 45 del 29 febbraio 2016, con la quale fornisce le istruzioni per l’applicazione della normativa nella legge 28 dicembre 2015, n. 208
In particolare, la circolare informa circa:
• La proroga del termine di presentazione delle domande per i benefici previdenziali per i lavoratori esposti all’amianto.
• Il Regime sperimentale donna.
• La Riduzione percentuale della pensione anticipata prevista per i soggetti con età inferiore a 62 anni.

Leggi la Circolare INPS

Estratto Conto Gestione Dipendenti Pubblici

marzo 7, 2016

Messaggio 940 INPS

INPS con Messaggio 940 comunica il proseguimento dell’inoltro delle comunicazioni individuali all’iscritto.
Le comunicazioni individuali vengono ora inoltrate a un primo contingente di circa 150mila iscritti compresi nel Lotto 2 e ai rispettivi datori di lavoro.

Leggi il Messaggio INPS

Possibilità di cumulo riscatto di laurea e congedo parentale fuori dal rapporto di lavoro

marzo 7, 2016

Con circolare n. 44 del 29 febbraio 2016, l'Inps ha fornito istruzioni in merito all'abrogazione da parte della legge di stabilità 2016 del regime di alternatività/incumulabilità tra la facoltà di riscatto del corso legale di laurea e la facoltà di riscatto dei periodi corrispondenti al congedo parentale fuori dal rapporto di lavoro (comma 2 dell’art. 14 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.503 e regolata dall’art.35, comma 5, del D.lgls.151/2001).

Con l’abrogazione della suddetta normativa è stata prevista perciò la facoltà di cumulare il riscatto dei periodi corrispondenti al congedo parentale collocati temporalmente al di fuori del rapporto di lavoro con il riscatto del corso legale di laurea.

Leggi la circolare INPS

Soppressione del Fondo integrativo Gas

marzo 7, 2016

Circolare n. 43 del 29/02/2016

Con effetto dal 1° dicembre 2015 è soppresso il Fondo integrativo dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e superstiti a favore del personale dipendente delle aziende private del gas, e a decorrere da tale data cessa ogni contribuzione al Fondo e non viene liquidata nessuna nuova prestazione.
Dalla medesima data viene istituita presso l'INPS la Gestione ad esaurimento del Fondo Gas che subentra nei rapporti attivi e passivi in capo al soppresso Fondo.

Leggi la Circolare INPS

Indennità disabili fuori dall’Isee

marzo 1, 2016marzo 1, 2016

Il Consiglio di Stato, con tre sentenze depositate ieri, ha confermato quanto deciso dal Tar Lazio con altrettante pronunce, e cioè che le indennità di accompagnamento erogate ai disabili non devono essere considerati reddito per il calcolo dell’indicatore della situazione economica equivalente (Isee).

I giudici scrivono che le indennità di accompagnamento e tutte le forme risarcitorie non servono a remunerare alcunché ma a compensare un’oggettiva situazione d’inabilità che provoca in sé e per sé disagi e diminuzione di capacità reddituale. L’Isee non può definire reddito.

Pagina 40 sole 24 ore del 1/03/2016

Pensioni: flessibilità nella prossima manovra

febbraio 26, 2016febbraio 26, 2016

Nannicini : «cercheremo di affrontare» questo tema«nella prossima legge di stabilità»

Si giocherà quindi con la prossima legge di stabilità la partita sulle uscite flessibili, con penalizzazioni, verso il pensionamento.

Dichiarazioni sulla Reversibilità

febbraio 26, 2016

Nannicini ripete che sulle reversibilità «non c’è mai stato nulla, è la tipica tempesta in un bicchier d’acqua».

Matteo Renzi rimarca: è stata scritta «una balla».

Fonte "il Sole 24 ore"

 

Unioni civili: approvato il maxiemendamento

febbraio 26, 2016

Giovedì 25 febbraio l'Assemblea di Palazzo Madama ha approvato con 173 voti favorevoli e 71 contrari il maxiemendamento recante regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze di fatto, sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia.

A presto tutte le novità in materia previdenziale.

INPS: fruizione del congedo parentale ad ore dei Dipendenti Pubblici

febbraio 24, 2016febbraio 24, 2016

 

Con la circolare 40 del 23/02/2016 l'INPS fornisce indicazioni relative alla valorizzazione in denuncia dei congedi parentali ad ore con contribuzione figurativa ai fini pensionistici a carico dell’Istituto per le aziende e le amministrazioni pubbliche iscritte alla Gestione Dipendenti Pubblici.


Con successivo messaggio saranno aggiornati ed integrati gli esempi di compilazione della ListaPosPA di cui al Messaggio n. 3284 del 14/05/2015.

Leggi la Circolare 40/2016

Unioni civili: Reversibilità

febbraio 23, 2016febbraio 23, 2016

Ci si avvia verso l'intesa tra Pd e Ncd sul Ddl Cirinnà.

Nella trattativa di queste ore i punti ancora aperti sono il cognome del compagno/a e la pensione di reversibilità

 

Pubblico impiego:apertura alle aree speciali dei 4 comparti

febbraio 23, 2016

 

Via libera da parte dell'Aran alla possibilità di articolare in «parti speciali» i quattro comparti che
rappresenteranno la nuova architettura del pubblico impiego.

Questa possibilità deve essere però limitata a «casi particolari», caratterizzati da «una
significativa rilevanza in termini numerici di addetti e amministrazioni» e da «una
spiccata specificità funzionale e professionale».

I quattro comparti saranno, in base alle trattative delle ultime settimane, sanità, scuola, poteri locali (in cui confluiranno i dirigenti amministrativi delle Asl) e poteri centrali.

Leggi il Sole 24 Ore a pagina 42

Fondo Perseo Sirio e bonus Renzi

febbraio 18, 2016febbraio 18, 2016

Associandosi al Fondo Perseo Sirio, pur possedendo un reddito superiore alla soglia che consenta di beneficiare del Bonus Renzi, permette di poter accedere ai vantaggi del decreto.
I contributi volontari versati per costruire la pensione con Fondo Perseo Sirio consentono infatti di abbattere il reddito imponibile per rientrare sotto la soglia prevista per beneficiare dell’incentivo o per ottenere un bonus fiscale maggiore.

 

Leggi l'articolo completo 

Aggiornamenti ai servizi Web Gestione Dipendenti Pubblici

febbraio 18, 2016

 
E' uscito il Messaggio n. 721 del 17 febbraio 2016

 

Nell’ottica del miglioramento delle funzionalità nei servizi in linea  sono state apportate delle implementazioni che consentiranno la visualizzazione, al soggetto giuridico vigente, dei dati degli Aziende/Amministrazioni/Enti in esso confluiti.

I servizi interessati a tale modifica sono:

- Visualizzazione note di debito (ECA, Sistemazioni Contributive, Benefici in sede di pensione)
- Visualizzazione versamenti ente
- Visualizzazione denunce contributive

Per saperne di più leggi il Messaggio n. 721

Il direttore generale Inps Cioffi si è sospeso dall’incarico

febbraio 18, 2016


Il direttore generale dell’Inps ieri si è sospeso volontariamente dall’incarico. Lo stesso Cioffi  ha appreso da alcuni articoli di stampa di essere indagato dalla procura di Nocera per abuso d’ufficio nell’ambito della gestione di una ispezione Inps presso Enel, azienda in cui ha lavorato come direttore del personale.


L’ispezione «ha evidenziato mancati versamenti per 40 milioni di euro. La decisione è motivata dalla volontà di assicurare la dovuta libertà di azione all’istituto e a me». 

Leggi il sole 24 Ore a pag. 44

Reversibilità: nuovi interventi?

febbraio 16, 2016febbraio 16, 2016

Il governo esclude un intervento sulle pensioni di reversibilità.
Sollevate polemiche dai sindacati dei pensionati sul disegno di legge delega sul contrasto alla povertà, che prevede la razionalizzazione delle prestazioni di natura assistenziale e previdenziale, introducendo un principio d’accesso selettivo, regolato dalla condizione economica, misurata dall’indicatore Isee.

Nel testo definitivo uscito da Palazzo Chigi è stata aggiunta una precisazione: l’applicazione dei nuovi requisiti si applicherà a quanti richiedono la prestazione dopo la data di entrata in vigore dei Dlgs.

Le prestazioni per cui potrebbero profilarsi in futuro nuovi criteri d’accesso sono: pensioni di reversibilità, integrazioni al minimo, gli assegni sociali, maggiorazione sociale del minimo, assegni per il nucleo familiare con tre o più figli minori. Il Ddl delega è approdato alla Camera, in procinto di essere assegnato alle commissioni Lavoro e Affari sociali.

Leggi il Sole 24 ore pagina 20

Trasparenza: on line gli elenchi delle P.A. segnalate e controllate con gli esiti delle verifiche

febbraio 15, 2016febbraio 15, 2016


La normativa sulla "Trasparenza Amministrativa" (D.lgs n. 33/2013) obbliga le Pubbliche Amministrazioni a pubblicare on line sui siti istituzionali tutte le informazioni necessarie a consentire ai cittadini il controllo sull'attività dell'Amministrazione.
A distanza di quasi un triennio dall'entrata in vigore, questo strumento di prevenzione della corruzione comincia, seppur ancora timidamente, ad essere utilizzato dai cittadini che, in presenza di omissioni da parte delle P.A., possono procedere a segnalarli all'Autorità Nazionale Anticorruzione che, può procedere anche a sanzionare gli enti inadempienti.

Con comunicato dell'11 febbraio 2016, l'ANAC ha reso noto l'avvenuto aggiornamento della pagina con la rendicontazione periodica degli esiti dell’attività di vigilanza sulle segnalazioni istruite nel 2015 e dell’elenco dei provvedimenti d’ordine in materia di trasparenza “Vigilanza su segnalazioni”.

Fonte: Comunicato Anac del 11.2.2016

Ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti

febbraio 15, 2016

L’Inps ha pubblicato la circolare n. 29 del 11 febbraio 2016, con la quale informa che gli oneri di ricongiunzione dei periodi assicurativi ai fini previdenziali per i liberi professionisti, relativi a domande presentate nel corso del corrente anno 2016, in applicazione del terzo comma dell’art. 2 della Legge n. 45/1990, possono essere versati ratealmente senza applicazione di interessi per la rateizzazione.

Leggi la Circolare 29 del 11/02/2016

Benefici per l’esposizione all’amianto

febbraio 15, 2016

L’art. 1 comma 277, legge di stabilità per il 2016 (legge 28 dicembre 2015 n 208) dispone che:

Ai lavoratori del settore della produzione di materiale rotabile ferroviario che hanno prestato la loro attività senza equipaggiamenti di protezione adeguati all'esposizione alle polveri di amianto, per l'intero periodo delle operazioni di bonifica dall'amianto poste in essere mediante sostituzione del tetto, sono riconosciuti, i benefici previdenziali per il periodo corrispondente alla medesima bonifica.

I benefici sono riconosciuti, su domanda da presentare alle strutture dell’istituto territorialmente competenti dell’INPS, non oltre il 29 febbraio 2016 a pena di decadenza.
Nell'istanza dovrà essere indicato il sito produttivo ed il periodo temporale di esposizione cui fa riferimento la norma.

Il messaggio n. 781 del 19/02/2016 rettifica il Messaggio 587  sostituendo le parole “29 febbraio 2016”con le parole “1° marzo 2016”.

Leggi il Messaggio 587 del 10-02-2016

DEPENALIZZAZIONE DEL REATO DI OMESSO VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

febbraio 12, 2016febbraio 12, 2016

Con l’entrata in vigore del d.lgs. n. 8/2016, dal 6 febbraio 2016 non è più
perseguibile penalmente chi non versa i contributi previdenziali, se tale
omissione non supera la soglia di 10.000 euro annui. L’omesso versamento è punito soltanto con una sanzione amministrativa pecuniaria, da individuarsi tra il minimo di 10.000 ed il massimo di 50.000 euro.
La suddetta norma ha efficacia retroattiva.

 

Leggi l’approfondimento nell'Area riservata

Leggi il DL n.8 del 2016

 

Semplificazioni al «770»

febbraio 11, 2016febbraio 11, 2016

Si fa sempre più largo la proposta di rivisitazione del modello 770: l’obiettivo è quello di ridurre significativamente gli oneri da adempimento sostenuti da cittadini e imprese.

«C’è l’idea di andare verso la soppressione del 770 così come lo conosciamo oggi, snellendolo», ha detto ieri la direttrice delle Entrate, Rossella Orlandi.

L’ipotesi è quella di proporre al Governo un ulteriore pacchetto di semplificazioni «alleggerendo gli oneri attraverso l’eliminazione di campi e informazioni» nel modello 770

 

Leggi il Sole 24 0re pag 39 (sez. norme e tributi) dell'11 febbraio

Il software “F24 Enti Pubblici”

febbraio 8, 2016febbraio 8, 2016

Il software "F24 Enti Pubblici" è un prodotto che permette agli Enti Pubblici di compilare il relativo modello F24 ed inviare la rendicontazione relativa ai versamenti effettuati attraverso gli appositi canali di collegamento con Banca d’Italia.

Per la " preparazione" dei versamenti tramite Modello F24 gli Enti registrati a Fisconline devono installare l'applicazione FileInternet,i contribuenti registrati a Entratel, invece, devono utilizzare l’applicazione Entratel.

Entrambi i suddetti prodotti sono prelevabili dalle rispettive sezioni “Software” del  sito.

Leggi la news sul sito dell'Agenzia delle Entrate

LA CERTIFICAZIONE UNICA SI SDOPPIA E ANTICIPA I DATI DEL 770

febbraio 8, 2016

La CU 2016 si sdoppia, è stato infatti previsto un duplice adempimento a carico dei sostituti d’imposta che, in pratica, avranno l’obbligo di predisporre due certificazioni:

  • il Cu sintetico da consegnare entro il 29 febbraio ai lavoratori interessati
  • il Cu ordinario da trasmettere telematicamente entro il 7 marzo all’Agenzia delle Entrate


Aumentano inoltre le informazioni da inserire su TFR e assistenza fiscale. Molte di queste informazioni non dovranno più essere inserite nel 770.


Leggi il Sole 24 Ore a pag. 19 (sez. Norme e tributi )

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: circolare 3/2016 – le nuove co.co.co.

febbraio 4, 2016febbraio 4, 2016

Il 1 febbraio 2016 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare con le indicazioni operative per il personale ispettivo.

Per quanto riguarda l’articolo 2 del decreto legislativo n. 81/2015, viene prevista l’applicazione della “disciplina del rapporto di lavoro subordinato” nell’ipotesi di rapporti di collaborazione che si concretino in prestazioni di lavoro esclusivamente personali e continuative, le cui modalità di esecuzione siano organizzate dal committente anche con riferimento “ai tempi e al luogo di lavoro“ (c.d. etero-organizzazione).

Leggi la Circolare

Statali, i quattro comparti per far ripartire i contratti

febbraio 4, 2016

Premessa per avviare le trattative sul rinnovo dei contratti del pubblico impiego è la riduzione a quattro dei 12 comparti in cui sono divisi oggi i dipendenti pubblici.
Il 3 febbraio L’Aran ha illustrato ai sindacati la proposta di accorpamento dei comparti che prevede:

• SCUOLA (scuola, università, ricerca e alta formazione artistica e musicale)
• SANITA’
• POTERI LOCALI (regioni, province, comuni e città metropolitane)
• POTERI NAZIONALI (comparti non inclusi nei precedenti, in discussione l’ipotesi di isolare la Presidenza del Consiglio)

La trattativa entra ora nella fase decisiva.

Fonte: pag. 38, norme e tributi, il Sole 24 Ore

Min.Lavoro: cir. 3/2016 – le nuove co.co.co.

febbraio 4, 2016

Il 1 febbraio 2016 il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare con le indicazioni operative per il personale ispettivo. Per quanto riguarda l’articolo 2 del decreto legislativo n. 81/2015, viene prevista l’applicazione della “disciplina del rapporto di lavoro subordinato” nell’ipotesi di rapporti di collaborazione che si concretino in prestazioni di lavoro esclusivamente personali e continuativele cui modalità di esecuzione siano organizzate dal committente anche con riferimento “ai tempi e al luogo di lavoro (c.d. etero-organizzazione).

Leggi la circolare 3/2016 – Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Statali, i quattro comparti per far ripartire i contratti

febbraio 4, 2016

Premessa per avviare le trattative sul rinnovo dei contratti del pubblico impiego è la riduzione a quattro dei 12 comparti in cui sono divisi oggi i dipendenti pubblici.

Il 3 febbraio L’Aran ha illustrato ai sindacati la proposta di accorpamento dei comparti che prevede:

  • SCUOLA (scuola, università, ricerca e alta formazione artistica e musicale)
  • SANITA’
  • POTERI LOCALI (regioni, province, comuni e città metropolitane)
  • POTERI NAZIONALI (comparti non inclusi nei precedenti, in discussione l’ipotesi di isolare la Presidenza del Consiglio)

 La trattativa entra ora nella fase decisiva.

 Fonte: pag. 38, norme e tributi, il Sole 24 Ore

Più tutele per professionisti e partite IVA

gennaio 29, 2016gennaio 29, 2016

Il Ddl di riordino dei rapporti di lavoro autonomo, rafforza le tutele (maternità congedo parentale, malattia) per professionisti e Partite IVA.
Sì alle collaborazioni coordinate e continuative considerate “genuine”

Leggi il Sole 24 ore del 28 gennaio 2016 a pag 8

Lavori usuranti: INPS Messaggio n. 386 del 29-01-2016

gennaio 29, 2016

Presentazione domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1° marzo 2016 per i lavoratori che maturano i requisiti agevolati per l’accesso al trattamento pensionistico dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016. Decreto legislativo n. 67 del 2011, come modificato dalla legge n. 214 del 2011.

Con il Messaggio in oggetto, l’INPS detta le istruzioni per la  presentazione delle domande di riconoscimento dei lavori particolarmente usuranti.
Vengono specificati i requisiti contributivi ed anagrafici  per l’anno 2016, previsti per le diverse categorie di lavoratori interessati: lavoratori  impegnati in mansioni particolarmente usuranti, lavoratori addetti  alla cosiddetta linea catena, conducenti di veicoli adibiti a servizio pubblico di trasporto collettivo e lavoratori notturni.

Leggi il messaggio INPS n. 386 del 29/01/2016

NEWS PENSIONI: Ricongiunzioni Onerose

gennaio 29, 2016

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti, rispondendo ad una interrogazione parlamentare sulla questione della ricongiunzione dei contributi ai fini di un’unica pensione, ha dichiarato "Permane la volontà del Ministro del Lavoro di cogliere tutte le iniziative normative che ci consentano di affrontare la situazione[…]proprio perché partiamo da una situazione che è oggettivo chiamare ingiusta".

Consolidamento della banca dati delle posizioni assicurative dei dipendenti pubblici – Avvio delle lavorazioni del Lotto3

gennaio 29, 2016

L’INPS comunica di avere reso disponibili per la lavorazione in PassWeb le posizioni previdenziali di ulteriori 450.000 iscritti (terzo Lotto). L’INPS inoltre rende noto che nella sistemazione delle suddette posizioni sono coinvolti pienamente gli enti datori di lavoro che provvederanno alla sistemazione delle posizioni dei propri dipendenti prossimi al pensionamento al fine di consentire all’Istituto l’erogazione della prestazione spettante.
La circolare prosegue fornendo le indicazioni operative per la lavorazione del terzo lotto di posizioni, invitando inoltre gli enti a fornirsi quanto prima dell’abilitazione agli applicativi “PassWeb” e “Visualizzazione denunce contributive”.
A breve  gli approfondimenti in Area riservata di Studio Naldi

Leggi la circolare INPS n. 12 del 29/1/2016

LA MAPPA DELLE PENSIONI

gennaio 25, 2016

Sul Sole 24 Ore di lunedì 25 gennaio la mappa dei trattamenti pensionistici con un’analisi della suddivisione territoriale e per tipologia di prestazioni.
In calo le pensioni di vecchiaia e di anzianità dal 2011. Poche le pensioni erogate dalla Gestione Separata INPS alla quale sono iscritti i lavoratori parasubordinati. L’importo medio delle prestazioni è di 161 euro mensili monitoraggio dei flussi di pensionamento diffuso da INPS

Il sole 24 ore pag. 2 e 3

Opzione donne – Messaggio n. 283 del 22/1/2016

gennaio 25, 2016

Dopo la pubblicazione della Legge 28/12/2015 n. 208 (legge di Stabilità 2016), che ha esteso la facoltà di richiedere la pensione in regime sperimentale (art. 1 comma 9 L. 243/2004) a coloro che hanno maturato i requisiti previsti entro il 31.12.2015, anche se la decorrenza del trattamento pensionistico è successiva a tale data, l’INPS, con il messaggio del 22/1/2016, dà disposizione alle Sedi provinciali INPS di procedere alla lavorazione delle domande secondo le nuove disposizioni.
L’INPS si riserva di fornire ulteriori istruzioni con successiva circolare.

Leggi la circolare

Il quotidiano degli enti locali

gennaio 21, 2016gennaio 21, 2016

Riforma della Pubblica Amministrazione. 
Primo sì del Consiglio dei Ministri a 11 provvedimenti attuativi della Riforma della Pubblica Amministrazione (Legge 124/2015).

Leggi l'articolo

LEGGE 28 dicembre 2015, n. 208

gennaio 21, 2016

E’ stato ripubblicato  il  testo della legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante: «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilita' 2016)», corredato delle relative note.

Leggi il decreto

PERSEO: Prorogata del termine per esercitare l’opzione a TFR

gennaio 19, 2016

Il Fondo di Previdenza complementare Perseo Sirio rende noto che è stata  sottoscritta l’ipotesi d’accordo di proroga del termine per esercitare l’opzione al TFR, a tutto l’anno 2020.

E’ stato inoltre confermato  il “Bonus statale” per chi,  aderendo al Fondo, sceglierà  di trasformare il TFS in TFR.

Leggi l'articolo

Assegno di disoccupazione: disposizioni operative

gennaio 19, 2016

Il decreto detta le disposizioni operative dell’assegno di disoccupazione (Asdi) ed è previsto per i lavoratori disoccupati che in precedenza hanno usufruito della Naspi entro il 31.12.2015 nella sua durata massima..
Vengono stabilite le modalità di percezione dell’assegno, il suo importo e le modalità di accesso, la sua durata, la compatibilità con l’attività lavorativa e le caratteristiche del progetto personalizzato che deve essere redatto dal competente servizio per l'impiego, in collaborazione con il richiedente.

Leggi il decreto

INPS. Circolare 08.01.2016, n. 1 “Nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (c.d. Settima salvaguardia). Prime indicazioni”. (Legge di stabilità 2016, art. 1 – c. da 263 a 270)

gennaio 9, 2016gennaio 9, 2016

L’INPS fornisce le prime istruzioni operative per l’applicazione delle disposizioni riguardanti i criteri di ammissione alla salvaguardia nonché la modalità e il termine di presentazione dell’istanza di accesso al beneficio.

 Leggi la circolare

Leggi la circolare Ministero del Lavoro e delle politiche sociali 31.12.2015, n. 36

Riforma fiscale. Dal 1° gennaio in vigore le nuove regole per le richieste dei contribuenti all’amministrazione finanziaria

gennaio 9, 2016

Il Sole ritorna sulle nuove regole che disciplinano gli interpelli, già trattati il 5 gennaio scorso e riassunti sulle “News” di questo stesso sito.

Dallo scorso 1° gennaio 2016 sono operative le nuove regole che disciplinano le diverse forme di interpello che il contribuente può formulare all’amministrazione finanziaria per conoscere in anticipo (…)  l’interpretazione di una norma tributaria. Con la pubblicazione del provvedimento direttoriale del 4 gennaio 2016, l’agenzia delle Entrate ha fornito le indicazioni operative sulle modalità di presentazione delle istanze di interpello, anche attraverso le caselle di posta elettronica certificata, nonché sugli uffici competenti a gestire l’istruttoria. Il medesimo provvedimento ha individuato inoltre le regole procedurali applicabili ai [...]

Pubblico impiego, per il contratto restano 4 «aree» Delega Pa. Nei prossimi giorni convocazione dei sindacati all’Aran – Resta il nodo del settore università e ricerca

gennaio 8, 2016gennaio 8, 2016

Il pacchetto di riforma del lavoro pubblico si compone di tre tasselli fondamentali:

  • riordino dei comparti del pubblico impiego e nuovo incontro fra Aran e sindacati che si terrà a metà gennaio [oggi i comparti sono 12 e scenderanno a 4: Amministrazioni centrali, Scuola, Sanità, e Regioni ed autonomie locali. Per l’area Università e ricerca due le possibili alterative: a) inserirli all’interno del “Comparto scuola”; b) integrarli nel settore Amministrazioni centrali];
  • riorganizzazione della dirigenza pubblica, per favorire maggior trasparenza e mobilità (anche con il settore privato) degli incarichi che potranno durare al massimo 6 anni (4+2) con una valutazione più mirata delle performance; debutto dei ruoli unici (uno per lo Stato, uno [...]

Gli acquisti di beni e servizi. Programmazione biennale d’obbligo per forniture superiori al milione

gennaio 7, 2016gennaio 7, 2016

Le amministrazioni pubbliche devono razionalizzare i processi di spesa per gli acquisti di beni e servizi, mediante la programmazione biennale e facendo ricorso agli strumenti messi a disposizione da Consip e dagli altri soggetti aggregatori. La legge di Stabilità 2016 introduce (comma 505) questo obbligo per forniture e servizi di valore unitario superiore a un milione di euro (rimane la facoltà di utilizzare la programmazione biennale per valori inferiori), prevedendo che i dati siano pubblicati e trasmessi al tavolo dei soggetti aggregatori, per consentire lo sviluppo di macro-processi di acquisto su base regionale, nonché stabilendo criteri molto rigorosi per acquisti al di fuori della programmazione.

L’articolo commenta i seguenti punti: “Il mercato elettronico” e “Il quadro delle deroghe” 

 

(Fonte: Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag.  30) 

L’impiego delle risorse. Nelle spese correnti il 100% dei proventi da concessioni edilizie e sanzioni (Legge n. 208/2015 – Stabilità – c. 737)

gennaio 7, 2016

Nel 2016 e 2017 sarà possibile l’utilizzo integrale dei proventi da concessioni edilizie e relative sanzioni (escluse quelle connesse agli abusi) per gli equilibri di parte corrente.

La legge di stabilità per il 2016  (a differenza di quanto aveva previsto dall’articolo 2, c. 8 della L. n. 244/2007 in base al quale fino a tutto il 2015 i Comuni potevano impiegare il 50% di questi proventi per finanziare spese correnti e il 25% per spese di manutenzione del patrimonio) eleva la quota destinabile alla parte corrente del bilancio al 100%, limitandone l’impiego alle sole spese di manutenzione del verde, delle strade e del patrimonio comunale e di progettazione delle opere pubbliche. Una soluzione dettata dall’esigenza di alleviare le difficoltà che gli enti incontreranno

nel quadrare i nuovi bilanci.

L’articolo commenta i seguenti punti: “Una serie di criticità” e “Anticipazione di tesoreria”

(Fonte: Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag.  30) 

 

 

 

 

 

Beni e servizi informatici. Le acquisizioni dovranno passare per Consip o altri aggregatori (L. 208/2015 – Stabilità – co. da 512 a 516 e c. 517)

gennaio 7, 2016

Le amministrazioni pubbliche devono acquisire i beni e i servizi informatici di cui hanno bisogno attraverso Consip o mediante i soggetti aggregatori. La Stabilità 2016 contiene un’ampia serie di disposizioni finalizzate alla razionalizzazione dei processi di acquisto per le forniture e per l’ampio spettro di tipologie di prestazioni di servizi informatici. L’obbligo di ricorso ai soggetti aggregatori (comma 512) ha come presupposto un piano triennale per l’informatica predisposto dall’Agid e approvato con decreto, contenente per ciascuna amministrazione o categoria di amministrazioni (ad esempio Comuni, Camere di commercio, Asl eccetera) l’elenco dei beni e servizi informatici e di connettività e dei relativi costi, suddivisi in spese da sostenere per innovazione e per [...]

Comuni, meno spazio per l’autonomia fiscale (Legge di stabilità n. 208/2015).

gennaio 7, 2016

Dal 2016 numerose modifiche ai tributi comunali. Si tratta generalmente di interventi di favore per i contribuenti, ma che al contempo tolgono spazio di manovra alla fiscalità locale, limitando sempre di più l’autonomia fiscale di Comuni.

L’articolo commenta i seguenti punti: “Le esenzioni”, “I comodati”, “Immobili a canone concordato” e “Mancati gettiti e compensazioni” 

(Fonte: Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag.  31) 

Riapre la stagione dei rinnovi contrattuali

gennaio 6, 2016gennaio 6, 2016

Contratti, dopo 5 anni di stop riapre la stagione dei rinnovi
Sulla contrattazione decentrata tornano tetti e taglio del fondo
Possibile attribuire ai dirigenti compiti ulteriori oltre la «specialità»
L’assorbimento dalle province dribbla il limite al «turn over»

La limitazione nella possibilità di effettuare assunzioni di personale a tempo indeterminato conosce una deroga per l’assorbimento del personale in sovrannumero degli enti di area vasta. La Stabilità 2016, come nel 2015, prevede una corsia preferenziale per le assunzioni di questo personale, così da evitare che essi possano essere collocati in disponibilità e, se non riassorbiti entro il biennio successivo, vedersi risolto il rapporto di lavoro (…)

(Fonte: Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pagg.  28 e 29)

Riforma Pa: riordino dei servizi locali con distretti più ampi

gennaio 5, 2016gennaio 5, 2016

Nel pacchetto di decreti attuativi della riforma della Pa atteso per il Consiglio dei ministri del 15 gennaio ci sarà anche il riordino dei servizi pubblici locali.

Insieme al nuovo testo unico che definirà gli «ambiti o bacini territoriali ottimali», per organizzare lo svolgimento di servizi contando su maggiori economie di scala e scopo, sarebbe confermato il riassetto delle società partecipate, atto che dovrebbe garantire il passaggio da circa 8mila a mille aziende pubbliche entro un anno e la già anticipata semplificazione della conferenza dei servizi. Confermati pure l’aggiornamento del Codice per l’amministrazione digitale (a gennaio parte la sperimentazione del Pin unico per accedere a tutti i servizi della Pa) e la semplificazione delle regole sulla trasparenza.

(…)

(Fonte: Il Sole 24 ore – pag.  7)

 

Gestione separata. Per i collaboratori l’aliquota previdenziale sale al 31%

gennaio 5, 2016

Scattano i rincari per la contribuzione dovuta alla Gestione separata Inps: la legge di stabilità 2016 ha disposto, infatti, il blocco degli aumenti per i soli lavoratori autonomi titolari di partita Iva, iscritti in via esclusiva alla gestione stessa e tenuti al pagamento dell’aliquota contributiva in misura piena e quindi anche al versamento della percentuale aggiuntiva dello 0,72% destinato al

finanziamento delle misure assistenziali.

Lo stop all’aumento non tocca, invece, le altre categorie di lavoratori per cui vige l’obbligo di iscrizione alla Gestione separata: sale così di un punto l’aliquota pensionistica nei confronti degli iscritti alla gestione non titolari di posizione fiscale ai fini Iva quali i collaboratori coordinati e continuativi (co.co.co), gli associati in partecipazione che apportano attività lavorativa [...]

Le nuove regole dell’interpello in base al Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 04.01.2016, Prot. n. 27

gennaio 5, 2016

Attenzione: cambiano le regole per le istanze di interpello presentate ai sensi dello Statuto dei diritti del contribuente (Legge n. 212/2000). Il provvedimento del 4 gennaio 2016 - pdf, infatti, dà attuazione all’articolo 8 del Dlgs n. 156/2015 che ha operato una generale revisione della disciplina degli interpelli, affidando ad appositi provvedimenti dei direttori delle Agenzie fiscali la definizione delle regole procedurali.

Leggi le spiegazioni dell’Agenzia delle Entrate sulle nuove istanze di interpello

Leggi il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate,  Prot. n. 27/2016

Tutti gli indirizzi di posta elettronica certificata dell’Agenzia

Leggi l’articolo su “FiscoOggi”

Interpelli, più spazio alle Dre

gennaio 5, 2016

Possibilità di invio anche tramite Pec. (…). Le Direzioni regionali possono comunque inoltrare alla Direzione centrale competente le istanze ricevute nei casi di maggiore complessità o incertezza della soluzione. Sono tra le principali novità contenute nel provvedimento diffuso ieri dalle Entrate, che dà attuazione alle regole sugli interpelli previste dal Dlgs 156/2015 in vigore dallo scorso 1° gennaio.
(…)
Le istanze per la richiesta di chiarimenti relativi a tributi erariali (ossia quelli gestiti dall’Agenzia) dovrà essere indirizzata alle Direzioni regionali competenti in base al domicilio fiscale del soggetto che presenta la richiesta. (…)

I soggetti di rilevante dimensione (…), amministrazioni centrali dello Stato, enti pubblici a rilevanza nazionale (…), invece, dovranno inviare le istanze di interpello alla Direzione centrale
Normativa (…)

Soggetti residenti – [...]

La procedura. Il termine per le correzioni decorre dalla data di ricevimento dell’invito. Integrazione entro 30 giorni

gennaio 5, 2016

Interpelli privi dei requisiti obbligatori
La regolarizzazione delle suddette istanze di interpello deve essere eseguita entro trenta giorni dalla consegna o dalla ricezione dell’istanza ricevuta dall’Agenzia delle Entrate.
La mancata regolarizzazione nei trenta giorni successivi all’invito determina l’inammissibilità dell’interpello.

L’Ufficio richiederà sicuramente la regolarizzazione quando:
- manca l’indicazione del tipo di istanza per cui si procede, e cioè se si tratta di un interpello ordinario o qualificatorio, probatorio, antiabuso o disapplicativo;
- l’istanza non risulta sottoscritta con firma autografa o con firma digitale (se tramessa via posta elettronica certificata).
- il contribuente non ha indicato le precise disposizioni di cui chiede l’interpretazione, l’applicazione o la [...]

Personale. Le incognite della Stabilità. La manovra blocca le assunzioni di nuovi dirigenti

gennaio 4, 2016gennaio 4, 2016

I Comuni e le Regioni possono continuare a utilizzare nel 2016 i resti derivanti dalle cessazioni del personale dell’ultimo triennio per dar corso ad assunzioni di nuovo personale? Possono effettuare assunzioni di dirigenti a tempo indeterminato? Che cosa avviene delle procedure di assunzione in corso? Municipi e Regioni sono obbligati, come le amministrazioni statali, a rendere indisponibili i posti di dirigente vacanti alla data dello scorso 15 ottobre? Sono questi i principali dubbi in materia di personale sollevati dalla legge di Stabilità, un provvedimento che si conferma di lettura assai difficile nella parte relativa alle modifiche apportate dal Parlamento e che rischia di sollevare il solito balletto di interpretazioni.

(…)

(Continua la lettura su Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 24)

Per 11mila salvaguardati domanda alle Dtl entro il 1° marzo

gennaio 3, 2016gennaio 3, 2016

(…) un giorno prima dell’entrata in vigore della legge di Stabilità 2016 il Ministero del Lavoro, con la circolare 36/2015 pubblicata il 31 dicembre, ha fornito le indicazioni per le procedure di sua competenza della settima salvaguardia.

La legge di Stabilità (commi da 265 a 270 dell’articolo 1), ha previsto un ulteriore intervento di tutela per i lavoratori che sono stati più penalizzati dalla riforma previdenziale di fine 2011, in quanto rimasti senza impiego e con la prospettiva della pensione posticipata di diversi anni per
effetto dell’innalzamento dei requisiti minimi.

(…) Al pari di quanto avvenuto in passato, il riconoscimento del diritto alla pensione con le vecchie regole (in questo caso la decorrenza deve maturare entro il 6 gennaio 2017) non è automatico, ma richiede che gli interessati presentino una formale domanda. Per alcune [...]

Riforma Pa, spending, pensioni: i nodi del dopo-stabilità

gennaio 2, 2016gennaio 2, 2016

Le sfide del 2016. La pubblica amministrazione e i tagli alla spesa fronti aperti del governo in attesa del via libera di Bruxelles sulle clausole di flessibilità, per la previdenza orizzonte più lungo
Riforma Pa, spending, pensioni: i nodi del dopo-stabilità

(…) quattro i nodi che il Governo dovrà sciogliere nel 2016: la piena attuazione della riforma della Pa targata Madia, i rinnovi dei contratti nel pubblico impiego, la prosecuzione del piano di spending review (…), e il perfezionamento della riforma Fornero sulle pensioni.
(…)
Partite non semplici, anche se almeno nel caso dell’attuazione della delega Madia il Governo è già quasi giunto al traguardo. Il primo blocco di decreti attuativi, inizialmente in agenda per la fine del dicembre 2015, dovrebbe vedere la luce al più tardi a metà gennaio.
Si dovrebbe partire con il piano di digitalizzazione [...]

INPS – Rivalutazione delle pensioni per l’anno 2016

dicembre 31, 2015

È stata pubblicata sul sito istituzionale dell'INPS la circolare 31.12.2015, n. 210 con la quale l’Istituto illustra le Regole per la rivalutazione automatica delle pensioni per gli anni 2015 e 2016.
Comunica inoltre di aver provveduto ad effettuare le operazioni di rinnovo delle pensioni per l’anno 2016 finalizzate:
• ad attribuire la rivalutazione per l’anno 2015, in misura definitiva, e per l’anno 2016, in misura provvisoria, sulle pensioni e sulle prestazioni assistenziali;
• ad attribuire la rivalutazione definitiva sulle indennità degli invalidi civili, dei sordomuti, dei ciechi civili e sugli assegni accessori annessi alle pensioni privilegiate di 1° categoria concesse agli ex dipendenti civili e militari delle Amministrazioni Pubbliche;
• ad effettuare i conguagli relativi alle pensioni e alle ritenute erariali;
• ad attribuire in via provvisoria le [...]

Perseo – Opzione TFR: avviate le procedure per la proroga

dicembre 30, 2015dicembre 30, 2015

Il 22 dicembre 2015, l’ARAN, l’agenzia di rappresentanza delle Pubbliche Amministrazioni, ha convocato le confederazioni sindacali per avviare le procedure negoziali che consentono la proroga del termine del 31 dicembre 2015, relativa al diritto di optare per il TFR (art. 2, comma 3, accordo quadro nazionale 29 luglio 1999) e di usufruire del contributo aggiuntivo a carico dello Stato.

Si precisa che, nel periodo intercorrente tra la predetta scadenza e l’accordo di proroga, sarà possibile continuare la raccolta delle adesioni e il conseguente inoltro a Fondo Perseo Sirio e all’INPS. La proroga, la cui durata sarà decisa dalle parti negoziali, avrà, infatti, decorrenza dalla predetta scadenza, e perciò, non avrà soluzione di continuità.

Leggi il messaggio Aran

INPS – Circolare 30.12.2015, n. 209. Conguaglio di fine anno 2015 dei contributi previdenziali e assistenziali. Riepilogo delle aliquote contributive per l’anno 2015.

dicembre 30, 2015

La circolare riporta i chiarimenti e le precisazioni riguardanti le operazioni di conguaglio di fine anno per i datori di lavoro che utilizzano la dichiarazione contributiva UniEmens.
Gli argomenti trattati sono principalmente i seguenti: termini per l’effettuazione del conguaglio, massimale contributivo anno 2015, contributo aggiuntivo 1%...).

Leggi la circolare

Estensione della compatibilità e cumulabilità dell’indennità di mobilità con la fruizione delle indennità per cariche pubbliche non elettive di organi esecutivi degli enti locali (comuni e province) e delle Regioni.

dicembre 29, 2015dicembre 29, 2015

Nella circolare INPS 28.12.2015, n. 207 l'estensione della compatibilità e cumulabilità dei gettoni di presenza percepiti dai lavoratori per l’espletamento di cariche pubbliche elettive con l’indennità di mobilità. Tale disciplina si estende anche alle cariche pubbliche non elettive degli organi esecutivi delle regioni, province e comuni.

L’Istituto previdenziale sottolinea che la cumulabilità si attua nei limiti necessari a garantire la percezione di un reddito complessivo pari alla retribuzione percepita al momento del collocamento in mobilità e fornisce le istruzioni operative.

In particolare possono verificarsi le seguenti situazioni:

- totale incumulabilità con l’indennità di mobilità: può intervenire o al [...]

Unico precompilato «attinge» al 730 Dal 2016 dieci milioni di modelli – Nessuna protezione sui controlli

dicembre 29, 2015

Per ampliare il bacino della precompilata l’Agenzia delle Entrate sta lavorando per fornire l’Unico Persone Fisiche precompilato che attingerà ai dati trasmessi alle Entrate per il 730. Da un lato, l’eventuale presenza di redditi da lavoro dipendente o di pensione che arriveranno attraverso il canale delle certificazioni uniche. Dall'altro, le spese per oneri deducibili e detraibili che dal prossimo anno si arricchiranno di nuove voci, soprattutto quelle per cure mediche e farmaci, polizze per la previdenza complementare, le spese per le tasse universitarie e quelle funebri. Nonché il bonus per ristrutturazioni e risparmio energetico.

(…)

(Fonte Il Sole 24 ore - Norme e tributi - pag. 45)

Gestione separata, aliquote invariate per i professionisti con partita Iva (Legge stabilità per il 2016, art. 1, c. 203)

dicembre 29, 2015

La legge di stabilità prevede che nei confronti dei lavoratori autonomi, titolari di posizione fiscale ai fini Iva, iscritti in via esclusiva alla gestione separata Inps e non pensionati, l’aliquota contributiva è confermata per il 2016 al 27 per cento. A questa percentuale si aggiunge l’aliquota dello 0,72% destinata al finanziamento delle misure assistenziali quali l’indennità di maternità e il trattamento economico in caso di malattia.

(…)

Ulteriori interventi a favore dei lavoratori autonomi dovrebbero intervenire con l’emanazione del disegno di legge collegato alla legge di stabilità, che dovrebbe disporre la sospensione degli obblighi contributivi in caso di malattia di gravità tale da impedire lo svolgimento della attività professionale per una durata superiore ai 60 giorni (…).

(Fonte Il Sole 24 ore - Norme e tributi - pag. 43)

Aumentano le detrazioni per assegni inferiori a 15mila euro (Legge stabilità per il 2016 -art. 1, c. 290)

dicembre 29, 2015

Ampliamento dell’area reddituale che fruisce di un’esenzione fiscale (no tax area), portata da 7.500 a 7.750 euro per i pensionati con meno di 75 anni e da 7.750 a 8mila per i titolari di prestazioni con almeno 75 anni

L’intervento si inserisce nel contesto delle misure che il governo sta attuando per tutelare le

fasce sociali più deboli.


Per i pensionati con meno di 75 anni la detrazione (da rapportare al periodo di pensione nell’anno) passa da 1.725 euro (per un reddito complessivo sino a 7.500 euro) a 1.783 euro (per un reddito complessivo entro 7.750 euro). L’ammontare della detrazione effettivamente spettante non può comunque essere inferiore a 690 euro.

Qualora il reddito complessivo superi 7.750 euro ma non 15mila, la nuova detrazione è pari a 1.255 euro, aumentata del prodotto tra 528 euro [...]

Niente più penalità per chi è uscito con l’anticipata prima del 2015 (Legge stabilità per il 2016 -art. 1, c. 299)

dicembre 29, 2015

(…)

L’ intervento che mitiga gli effetti negativi delle decurtazioni sulle pensioni anticipate conseguite prima dei 62 anni di età.

(…)

La svolta nella Stabilità
La legge di Stabilità 2016 sancisce che la sospensione delle penalità si applica anche ai trattamenti pensionistici con decorrenza negli anni 2012, 2013 e 2014, ma solo con riferimento ai ratei di pensione corrisposti dal 1° gennaio 2016 e quindi senza pagamento di arretrati. A legislazione invariata, dal 1° gennaio 2018 le penalità troveranno nuovamente applicazione se il lavoratore, al momento del pensionamento avrà meno di 62 anni, a prescindere dalla tipologia di contribuzione accreditata.
(…)

(Fonte Il Sole 24 ore - Norme e tributi - pag. 42)

Opzione donna. Più tempo per maturare il diritto all’assegno anticipato

dicembre 29, 2015

Più tempo per poter accedere all’opzione donna, con la possibilità di un ulteriore ampliamento in futuro. Con il comma 281 della legge di Stabilità, infatti, è stato deciso che, entro il 2015, è necessario maturare i soli requisiti (35 anni di contributi e 57 o 58 anni e 3 mesi di età, se dipendenti o autonome) e non avere richiesto la pensione.

(…)

l’opzione donna prevede che l’assegno sia calcolato applicando il metodo contributivo, anche se alle interessate si dovrebbe applicare quello misto, per motivi anagrafici e contributivi.

(Fonte Il Sole 24 ore - Norme e tributi - pag. 42)

La deflazione non riduce l’assegno ai pensionati. L’indicizzazione dei trattamenti non potrà essere negativa

dicembre 29, 2015

La legge di Stabilità interviene con tre provvedimenti differenti sull’indicizzazione delle pensioni. I primi due vogliono evitare la riduzione, anche temporanea, dell’importo degli assegni. Il terzo, cioè l’estensione fino al 2018 del meccanismo di perequazione introdotto dal governo Letta a fine 2013, determinerà una minor rivalutazione delle pensioni di importo superiore a tre volte il minimo.

Gli assegni non potranno diminuire (Legge stabilità per il 2016 -art. 1, c. 287)

Ogni anno l’importo degli assegni in pagamento viene aggiornato tenendo conto della variazione dell’indice dei prezzi nei dodici mesi precedenti. Il valore preso a riferimento è quello dei prezzi al consumo, senza tabacchi, per famiglie di operai e impiegati (Foi), calcolato dall’Istat.

(…) finora poiché i prezzi sono [...]

Previdenza. Requisiti più elevati anche per effetto dell’adeguamento alla speranza di vita Pensione più lontana nel 2016

dicembre 29, 2015

(…) nel 2016 la stretta sull’età di accesso alla pensione e sull’importo dell’assegno calcolato con il metodo contributivo. La manovra ha limitato gli interventi sul settore solo ad aspetti marginali per quanto riguarda l’età di uscita e dunque l’anno prossimo debutterà non solo il gradino previsto dalla legge Fornero per la pensione di vecchiaia delle donne ma anche l’aumento di 4 mesi per tutti legato alla speranza di vita e la revisione periodica dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo prevista dalla riforma Dini del 1995.

(…)
Nel 2016 scatteranno anche i nuovi coefficienti di trasformazione del montante contributivo previsti dalla riforma Dini a partire dal 1996 (revisione finora triennale e dal 2019 biennale). La sola quota contributiva dell’importo [...]

Le scadenze da tenere presenti, le modifiche normative, le opportunità per aziende, privati e Pa L’agenda del 2016 in 135 «voci»

dicembre 28, 2015dicembre 28, 2015

L’agenda del 2016 in 135 «voci»

 (…)

Il Sole ha selezionato 135 “appuntamenti” e “modifiche” con decorrenza dal 2016 indicandone le fonti.

Si elenca, qui di seguito, ciò che si ritiene di maggior interesse per gli enti della Pa e, in particolare, per gli uffici del personale.

Delega in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. Testo unico per il pubblico impiego

L’attuazione della riforma Madia, su cui il Governo sta lavorando, si dovrebbe tradurre in un nuovo testo unico del pubblico impiego, chiamato a fissare le nuove regole del rapporto di lavoro nella Pa. Il punto più controverso è quello dei procedimenti disciplinari, sintetizzato dall’applicazione o meno delle riforme dell’articolo 18 anche ai lavoratori pubblici. La Cassazione (sentenza 24157) ha appena [...]

Piccoli Comuni, stop alle alleanze «forzate»

dicembre 24, 2015dicembre 24, 2015

 Insieme alla tradizionale proroga natalizia per la riforma della riscossione, dal decreto approvato ieri in Consiglio dei ministri arriva per gli enti locali il rinvio di un anno degli obblighi di gestione associata di tutte le funzioni fondamentali nei Comuni fino a 5mila abitanti (…).

Sulla riscossione, invece, il decreto stabilisce la solita proroga di sei mesi, durante i quali Equitalia continuerà a occuparsi dei tributi locali (…) ancora una volta non sembra esservi spazio sufficiente per un intervento che, oltre a ridefinire il panorama dei soggetti attivi nella raccolta dei tributi locali, dovrà rivedere anche gli strumenti della riscossione, a partire dall’ingiunzione.

(Fonte Il Sole 24 ore - Norme e tributi - pag. 39)

Precompilata, entro il 29 febbraio i dati sui bonifici

dicembre 24, 2015

Arrivano le prime istruzioni relative alla dichiarazione dei redditi precompilata del 2016: ieri l’agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento (n. 164081) sulla comunicazione dei dati dei bonifici con cui sono stati pagati i lavori in casa. Dal prossimo anno le informazioni dovranno essere trasmesse in un’unica soluzione (e non più in due) entro il 28 febbraio (29, visto che nel 2016 la data cade di domenica).
(…)

La comunicazione interessa le banche attraverso le quali i contribuenti hanno effettuato i pagamenti (con bonifico) delle spese sostenute per le ristrutturazioni immobiliari e i lavori di efficientamento energetico degli edifici.

(…)

La trasmissione dei dati entro il 29 febbraio permetterà all’Agenzia di inserire nella dichiarazione precompilata i dati relativi al bonus che spetta ai contribuenti, compresi quelli che hanno avviato [...]

Pensioni con l’opzione contributivo

dicembre 24, 2015

Le donne possono andare in pensione con “l’opzione contributivo” a 57 o 58 anni e 3 mesi di età (se dipendenti o autonome) se maturano il diritto entro la fine dell’anno, mentre finora era necessario maturare la decorrenza. Ciò significa allungare il periodo utile per sfruttare l’opzione di 12-18 mesi. Inoltre a livello generale è stato stabilito che d’ora in avanti, anche se la variazione dei prezzi a cui è collegata la rivalutazione degli assegni previdenziali, dovesse essere negativa, gli assegni non potranno diminuire

(Fonte Il Sole 24 ore - pag. 8)

Circolare INPS 22.12.2015, n. 205. Modifica del saggio legale di interesse.

dicembre 23, 2015dicembre 23, 2015

Il 16.12.2015 è stata inserita su questo stesso sito, ultime news, la notizia riguardante la riduzione del tasso legale di interesse dallo 0,5% allo 0,2% e il relativo decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Ieri INPS ha divulgato la circolare 205/2015 ove pone in evidenza che la riduzione dell’interesse legale ha effetti:

  1. sul calcolo delle somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi (riduzione delle sanzioni civili determinate ai sensi dell’art. 116, comma 8 della L. 388/2000 fino alla misura degli interessi legali, in base al comma 15 stesso articolo);
  2. sul ritardato pagamento delle prestazioni pensionistiche.

Addizionale Irpef, al via il portale per la comunicazione dei dati

dicembre 23, 2015

Sul portale del federalismo fiscale l’applicativo per la «gestione dell’addizionale regionale all’Irpef», creato da Sogei con l’obiettivo di facilitare la trasmissione dei dati sull’addizionale regionale e la verifica da parte di intermediari, centri di assistenza fiscale e sostituti d’imposta. In pratica, le Regioni dovranno utilizzare questo portale per comunicare i propri ritocchi alle aliquote e tutti i dati rilevanti individuati nella tabella allegata al Dm del 3 aprile scorso.
A disciplinare le novità è un decreto ministeriale, pubblicato ieri dal dipartimento Finanze.

Le Regioni hanno tempo fino al 31 gennaio per trasmettere i dati, che il dipartimento Finanze provvederà a verificare e pubblicare entro sette giorni lavorativi dal loro inserimento da parte delle Regioni.

Va ricordato tuttavia che nel 2016 anche le Regioni [...]

Per i sindaci addio al «Patto» e blocco degli aumenti fiscali

dicembre 23, 2015

Con la manovra 2016 i Comuni abbandonano il Patto di stabilità in nome del nuovo pareggio di bilancio «temperato», che impone alle amministrazioni locali di chiudere i bilanci in pareggio nel saldo finale di competenza. (…).
(…) blocco degli aumenti tributari nel 2016 che riguarda anche l’addizionale Irpef e la tassa di occupazione di suolo pubblico. Escluse dal blocco la Tari, sui rifiuti, che è collegata ai costi del servizio e gli enti in pre-dissesto. Sul personale, i Comuni sono coinvolti nella stretta del turn over, possibile al 25%, con eccezioni per consentire la ricollocazione del personale in soprannumero nelle Province. Aggiornati gli obblighi sugli acquisti centralizzati

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 3)

 

Ministero del lavoro e delle politiche sociali – Circolare ad oggetto “Disposizioni per il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive …Prime indicazioni”

dicembre 23, 2015

Con circolare 23.12.2015, n. 34 il Ministero del lavoro ha emanato i primi chiarimenti e indicazioni operative riguardanti il D. Lgs. n. 150/2015, con particolare riferimento allo stato di disoccupazione, alla condizione di non occupazione e all’applicazione delle norme del Capo II del suddetto decreto legislativo “Principi generali e comuni in materia di politiche attive del lavoro”, al collocamento dei disabili di cui alla legge n. 68/1999.

Nella circolare, con riferimento allo Stato di disoccupazione, il Dicastero ne precisa in primo luogo la nozione dalla quale emerge che i requisiti per trovarsi in detto stato sono due: 

  1. l'essere privi di impiego (componente soggettiva);
  2. dichiarare la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa ed alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro (componente oggettiva).

Leggi la circolare

INAIL – Abolizione registro infortuni. Rilascio “Cruscotto infortuni”. Definizione delle modalità telematiche di fruizione del servizio.

dicembre 23, 2015

INAIL - Abolizione registro infortuni. Rilascio “Cruscotto infortuni”. Definizione delle modalità telematiche di fruizione del servizio.

Con circolare 23.12.2015, n. 92 l’INAIL ricorda che, in una logica di semplificazione degli adempimenti complessivi a carico del datore di lavoro, il D. Lgs. n. 151/2015 all’articolo 21, c. 4 ha abolito l’obbligo della tenuta del registro infortuni e dell’applicazione delle relative disposizioni sanzionatorie, a decorrere dal novantesimo giorno successivo all’entrata in vigore del decreto stesso.

Con la semplificazione prevista dalla norma, è stata pertanto anticipata la soppressione dell’obbligo di tenuta del registro infortuni già stabilita dall’articolo 53, c. 6 del D. Lgs. 81/2008 e s.m., connessa all’emanazione del nuovo decreto interministeriale istitutivo del Sistema informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro (SINP)

 Leggi la circolare

Leggi l’articolo sul sito INAIL

INAIL – Autoliquidazione 2015/2016

dicembre 21, 2015dicembre 21, 2015

E’ stata fissata nella misura del 16,61% la percentuale di riduzione da applicare alla rata anticipata dovuta per l'anno 2016.
I destinatari della riduzione sono individuati in maniera differente a seconda che le lavorazioni siano iniziate da oltre un biennio oppure da non oltre un biennio.

Leggi l’informativa INAIL

Leggi la circolare INAIL 17.12.2015, n. 87 “Riduzione dei premi e contributi per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali ai sensi dell’art. 1, comma 128, legge 147/2013. Misura della riduzione per il 2016” e il relativo allegato

Leggi le istruzioni generali INAIL “Pagare il premio in autoliquidazione”

Scarica la “Guida all’autoliquidazione 2015-2016”

INAIL – Autoliquidazione 2015-2016. Attivazione di nuovo servizio on-line

dicembre 21, 2015

A partire dal 21 dicembre 2015 sono disponibili, nella sezione “Fascicolo aziende” dei servizi online, le comunicazioni delle basi di calcolo del premio relativo all’autoliquidazione in scadenza al 16 febbraio 2016, selezionando la tipologia di comunicazione “Basi di calcolo dell’autoliquidazione 2015/2016” (...)

Leggi l’informativa INAIL

Leggi le istruzioni operative

Leggi la circolare INAIL 17.12.2015, n. 88 “Comunicazione delle basi di calcolo dell’autoliquidazione. Definizione delle modalità telematiche di fruizione del servizio”

Risoluzione Agenzia delle Entrate 21.12.2015, n. 106/E – Reddito di lavoro dipendente. Rimborso spese di accesso corrisposto ai medici specialistici ambulatoriali. art. 51, commi 1 e 5, del DPR 917/1986

dicembre 21, 2015

I rimborsi spese di accesso, corrisposti ai medici specialisti ambulatoriali, per svolgere l’incarico presso ambulatori ubicati in un comune diverso da quello di residenza, non sono assimilabili a quelli erogati dai datori di lavoro ai dipendenti in trasferta.
Quindi sono da assoggettare a tassazione (…)

Leggi la Risoluzione

Leggi l’articolo su “FiscoOggi”

Padoan: con la legge di stabilità calo delle tasse per famiglie ed imprese nonché incentivi agli investimenti

dicembre 21, 2015

 

(…)

Pensioni – la legge di stabilità interviene per tutelare alcune fasce di soggetti prossimi al pensionamento in condizioni di disoccupazione. In particolare, in chiave di flessibilità, si garantiscono misure di salvaguardia per una quota residua di ‘esodati’ e si prevedono misure agevolative per le donne che intendano lasciare il lavoro con 35 anni di contributo a fronte di una decurtazione del trattamento pensionistico (“opzione donna”). Si introduce inoltre una misura volta a favorire il ricambio generazionale attraverso l’utilizzo della leva del part time per i lavoratori vicini al pensionamento. Va rilevato che non viene modificato l’assetto del sistema pensionistico e che le misure sono finanziate nell’ambito del sistema previdenziale, in parte estendendo l’intervento [...]

Acquisti, la centralizzazione punta sugli aggregatori regionali

dicembre 21, 2015

Il sistema di centralizzazione degli acquisti punta sul rafforzamento del ruolo dei soggetti aggregatori su base regionale e sulla programmazione obbligatoria, ma sollecita anche le amministrazioni a comportamenti virtuosi nella gestione degli approvvigionamenti di beni e servizi.
Le modifiche alla manovra approvate in Parlamento delineano un ruolo potenziato per le centrali di committenza regionali, sancendo la loro trasformazione in organismi gestori di macro-commesse per tipologie di beni e servizi utili a più amministrazioni, e delineando la loro operatività per l’ambito di riferimento.

(…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 39)

Armonizzazione. Il principio contabile 4.2 non offre soluzioni sulla possibilità di traghettare nell’anno successivo le risorse per le voci variabili. Rischio blocco per i «premi» al personale

dicembre 21, 2015

Gli effetti possibili se entro il 31 dicembre non si costituisce il fondo e non si firma l’intesa

La mancata costituzione entro il 2015 del fondo per le risorse decentrate e la mancata stipula del contratto decentrato per la sua ripartizione fanno correre il rischio che le risorse non utilizzate non possano essere trasferite nel fondo dell’anno successivo.
(…)

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 39)

Il 770 «infedele» non è mai reato

dicembre 21, 2015

Il reato di dichiarazione infedele si può configurare nei riguardi della dichiarazione presentata dal sostituto di imposta? La riforma del sistema penale tributario si è recentemente conclusa con l’approvazione del Dlgs 158/2015 (…)

(…) La scelta operata dal legislatore delegato conferma la volontà di circoscrivere la rilevanza penale della condotta dichiarativa del sostituto d’imposta alle sole fattispecie omissive, con la conseguente irrilevanza ai fini penali delle condotte di carattere infedele.

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 30)

 

Pensioni, no-tax area estesa a 8mila euro. Opzione donna ed altre misure

dicembre 20, 2015dicembre 20, 2015

Anticipo nel 2016 della no-tax area estesa da 7.500 a 8.000 euro per gli over 75 e da 7.500 a 7.750 per chi non supera i 75 anni (…)
Garanzia che qualora la variazione dei prezzi utilizzata come riferimento per la rivalutazione degli importi previdenziali sarà negativa, gli assegni non potranno diminuire (…), quindi in caso di deflazione l’impatto sarà azzerato; ciò per previene un’eventualità che si potrebbe verificare per la prima volta a gennaio 2017, in occasione del conguaglio della rivalutazione sulla base della variazione dell’indice dei prezzi del 2015.
La spesa per l’«opzione donna»: verrà monitorata e se ci saranno risparmi si potrà pensare a una sua estensione (…)
Tra le misure minori il congelamento al 27% per l’anno prossimo dell’aliquota contributiva a carico degli iscritti in via esclusiva alla gestione separata dell’Inps.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 3)

Dalla casa al lavoro: le novità per cittadini e imprese

dicembre 20, 2015

La Camera ha approvato il testo definitivo della manovra, da domani al Senato per l’ultimo sì.

Fra le misure (…) anticipo al 2016 della no tax area per i pensionati e monitoraggio sull’opzione donna per una possibile estensione (...). Nuovo meccanismo per gli accertamenti fiscali con una nuova tempistica dei controlli (…).

(…) per i pagamenti (con strumenti telematici) per le prestazioni della Pa, pensioni in primis, varrà ancora la soglia dei mille euro per il contante … quindi resta fermo per le pubbliche amministrazioni l'obbligo di procedere al pagamento degli emolumenti (erogati a qualsiasi titolo) superiori a mille euro esclusivamente con l’utilizzo di strumenti telematici.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 2)

Pubblico impiego. Passi in avanti nella trattativa fra Aran e sindacati. «Statali» verso quattro comparti

dicembre 18, 2015dicembre 18, 2015

(…) la trattativa fra Aran e sindacati sull’applicazione della riforma Brunetta, presupposto indispensabile per far ripartire i contratti nel pubblico impiego, fa un passo in avanti e punta a chiudere entro gennaio.

(…) «in occasione del primo rinnovo contrattuale», recita la riforma Brunetta, bisogna ridurre a un massimo di quattro le dodici famiglie in cui è diviso oggi il pubblico impiego. L’architettura proposta ieri alle organizzazioni sindacali disegna una pubblico impiego articolato in scuola, sanità, enti territoriali e Pa statale.(…)
La prospettiva, in assenza di risorse che permettano di prevedere allineamenti in tempi brevi, sarebbe quella di cominciare a unificare le regole di base del rapporto di lavoro (…).
Oltre al problema delle risorse per i rinnovi, resta la questione ancora irrisolta degli integrativi illegittimi negli enti locali (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 49)

Sicurezza. Il decreto legislativo 151/15 fa venir meno l’obbligo a carico dei datori. Il registro degli infortuni in archivio dal 23 dicembre

dicembre 18, 2015

Con decorrenza 23 dicembre viene meno l’obbligo di tenuta del registro infortuni. È quanto stabilito dall’articolo 21, comma 4, del Dlgs 151/15, secondo cui a decorrere dal novantesimo giorno successivo alla data in vigore del decreto stesso (24 settembre 2015), non è più obbligatoria la tenuta del registro previsto dall’articolo 403 del Dpr 547/55 e richiamato dall’articolo 4 del Dlgs 626/94.
(…)
(…) considerando che il registro ha lo scopo di indicare all’ispettore in sede di vigilanza di conoscere l’andamento infortunistico in azienda per meglio e più concretamente indirizzare l’attività ispettiva, l’ispettore potrà meglio raggiungere tale conoscenza attingendo, anche preventivamente, dalle banche dati Inail.
(…) lo stesso articolo 21 del Dlgs 151/15 (…) prevede a carico [...]

Spese di viaggio. Collaboratori, rimborsi facilitati

dicembre 18, 2015

Non imponibili le trasferte fuori comune partendo da casa se quest’ultima è sede di lavoro
Per i dipendenti non tassabile solo il percorso che parte dall’azienda
I rimborsi auto con partenza da casa non sono imponibili in capo al collaboratore purché la sua abitazione sia considerata sede di lavoro e la trasferta avvenga al di fuori del comune di residenza.

Rimborsi imponibili, invece, per il dipendente sull’eccedenza chilometrica del percorso “casa – luogo di trasferta” rispetto a quello “sede di lavoro – luogo di trasferta” se il primo supera il secondo e la località da raggiungere si trova in un Comune diverso dalla sede di servizio.

Sono queste le conclusioni a cui si giunge coordinando i chiarimenti contenuti nella risoluzione delle Entrate n. 92 del 30 ottobre scorso, con la risoluzione 67/2001 e con l’articolo 51, comma 5, del Testo unico delle imposte sui redditi (Tuir).
(…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 49)

Per i licenziamenti illegittimi nella Pa c’è anche l’indennizzo

dicembre 18, 2015

(…) nella Pa l’iter burocratico che porta al licenziamento è piuttosto complesso; e anche il dibattito su
vecchio/nuovo articolo 18 è tutt’altro che sopito.

Il ministro Madia si è detta contraria a estensioni «semplicistiche» del Jobs act alla Pa e i tecnici, in sede di attuazione del nuovo Testo unico sul lavoro pubblico, stanno pensando a una norma interpretativa che escluda il pubblico impiego dalle tutele crescenti, di fatto confermando l’applicazione dell’articolo 18 nella versione originaria dello Statuto (e cioè sempre reintegra in ogni ipotesi di invalidità del licenziamento
anche per motivi puramente formali).
(…)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 9)

Pensioni «blindate» in caso di deflazione, no tax area a 8mila euro

dicembre 18, 2015

Una novità introdotta nella legge di Stabilità 2016 durante il passaggio alla Camera riguarda  la variazione dei prezzi utilizzata come riferimento per la rivalutazione degli importi previdenziali: se questa sarà negativa, gli assegni non potranno diminuire.  La disposizione non ha scadenza e previene l’eventualità che ciò si possa verificare per la prima volta a gennaio 2017, in occasione del conguaglio della rivalutazione sulla base della variazione dell’indice dei prezzi del 2015, che molto probabilmente sarà negativo (...)

È valida invece solo quest’anno la decisione di non effettuare il conguaglio tra la rivalutazione provvisoria riguardante il 2015 applicata finora (era dello 0,3%) e quella definitiva (pari allo 0,2%). Tuttavia il conguaglio è solo rimandato di un anno e quindi, salvo ulteriori interventi, i pensionati dovranno [...]

Inail. Denuncia immediata per l’infortunio di sabato. Nessun slittamento al lunedì successivo

dicembre 17, 2015dicembre 17, 2015

Per Inail, ai fini degli infortuni, il sabato è un giorno come tutti gli altri (anche se l’azienda/ente applica la settimana corta); di conseguenza la denuncia d’infortunio, in scadenza nello stesso giorno, NON può slittare al primo giorno lavorativo successivo.

(…) L’Istituto risolve così un dubbio sorto con riferimento a quanto specificato in due note (1721/14 e 1550/15) con cui si era espresso circa la possibilità di differire le scadenze cadenti di sabato, al primo giorno feriale seguente (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 49)

Leggi la nota INAIL 2015 “Sanzioni amministrative formali- Scadenza nella giornata di sabato del termine degli adempimenti amministrativi di cui all’art. 12, commi 3 e 4, del D.P.R. 1124/1965”

Leggi l’art. 12 del D.P.R. 1124/1965

Ministero dell’Economia e delle Finanze. Decreto 11.12.2015. Modifica del tasso di interesse legale.

dicembre 16, 2015dicembre 16, 2015

Ridotta la misura degli interessi legali che, dal 1° gennaio 2016, caleranno dallo 0,5% annuo allo 0,2%.

Diventerà perciò più leggero anche il costo del ravvedimento. (…) La riduzione è disposta dall’articolo 1 del decreto del ministero dell’Economia dell’11 dicembre 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 291 di ieri che stabilisce la misura del saggio degli interessi legali (articolo 1284 del Codice civile) allo 0,2% con decorrenza dal 1° gennaio 2016.

(…)

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 46)

Leggi il decreto 11.12.2015 Ministero dell’Economia e delle Finanze

Leggi l’articolo su “Fiscooggi”

Le linee guida dei consulenti per la certificazione. Cococo doc senza vincoli di presenza.

dicembre 16, 2015

La Fondazione studi consulenti del lavoro ha diffuso ieri le linee guida fornite dal Consiglio Nazionale per la certificazione dei cococo in atto o di futura instaurazione, con organi istituzionali o politici.
(…) Le indicazioni fornite sono utili anche per la verifica, in sede di certificazione, dei rapporti intrattenuti da organi istituzionali diversi dal Senato come ad esempio i rapporti di collaborazione intrattenuti presso le Regioni o i Comuni.
(…)

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 46)

Leggi l’articolo e le linee guida pubblicate dalla “Fondazione consulenti del lavoro”

Pensioni, «opzione donna» più ampia. In caso di risparmi possibile proroga (…)

dicembre 16, 2015

La sperimentazione del pensionamento anticipato delle lavoratrici con 57 anni e 35 di contributi (58 anni se autonome) potrebbe proseguire in caso di risparmi sulla spesa finora stimata.

 Approvato ieri l’emendamento alla Legge di Stabilità il quale prevede un monitoraggio annuale sull’attuazione della misura “opzione-donna” da effettuarsi entro il 30 settembre. In caso di minori spese (…) i risparmi saranno utilizzati per interventi in materia previdenziale, compresa appunto la proroga della sperimentazione (…).

Il via libera a questa correzione ha chiuso nei fatti il capitolo previdenziale della manovra, cui due giorni fa si erano aggiunti l’anticipo al 2016 della no tax area estesa alle pensioni fino a 8mila euro e la sterilizzazione dei possibili effetti della deflazione sull’indicizzazione delle pensioni, che non potranno mai essere negativi.

(…)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 10)

Pubblico impiego. Ipotesi di «unificare» nella prima fase solo le regole di base come ferie e malattie. Per la riforma dei comparti una soluzione in due tempi

dicembre 15, 2015dicembre 15, 2015

Quattro comparti, ma con una riforma in più tempi per accorpare prima gli aspetti più semplici da gestire, per esempio le ferie o le regole sulle assenze, e poi quelli più complicati, a partire dai livelli retributivi (…)
«L’obiettivo ragionevole - ha spiegato il presidente dell’Aran (…) è arrivare a un’intesa entro gennaio», ma per farlo occorre trovare soluzioni in grado di smussare gli angoli contro i quali si è finora incagliata la trattativa.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 45)

 

Pensioni, no-tax area fino a 8mila euro. Monitoraggio su «opzione donna» e nuova dote per la disoccupazione ai collaboratori

dicembre 15, 2015
  • Anticipo dal 2016 della no tax area per le pensioni più leggere che prevede per gli under 75 un ampliamento da € 7.500 a € 7.750 mentre, per chi ha almeno 75 anni, salirà da € 7.750 a € 8.000. Questa modifica al Testo unico delle imposte sui redditi (Dpr 917/1986) si applicherà dal 1° gennaio prossimo (…);
  • sterilizzazione del conguaglio 2015 sulla perequazione pensioni riconosciuta per l’anno scorso che avrebbe determinato un taglio dello 0,1% a carico dei pensionati , a fronte di un indice cresciuto dello 0,2%.

L’intervento sull’indicizzazione degli assegni è introdotto da una norma che ribadisce quanto già disposto con la Stabilità dell’anno scorso, ovvero che nel caso l’indice dei prezzi al consumo risultasse negativo non potrà avere effetti sulle pensioni vigenti. Il [...]

Fondi integrativi: aumenti «flessibili» solo per il 2015 – Le indicazioni dell’Aran

dicembre 14, 2015dicembre 14, 2015

(…) in questi giorni, gli operatori stanno valutando azioni (…) per poter aumentare il fondo del salario accessorio, tenuto conto del blocco incalzante previsto dalla legge di stabilità che fissa proprio il valore 2015 come tetto massimo per il futuro.

(…)

La disposizione contrattuale lascia ampi margini interpretativi (…). Nei vari anni gli operatori si sono rivolti anche all’Aran per avere delucidazioni e parametri di riferimento.
Un punto inossidabile a livello interpretativo è stato il parere 499-15L1 (ora diventato orientamento applicativo RAL_076) dell’Agenzia, che ha fissato per la prima volta sette regole che gli enti avrebbero dovuto rispettare per un incremento virtuoso. Tra queste, emerge in modo particolare la necessità di individuare un percorso logico-razionale che si basa su indicatori oggettivi adatti a [...]

Manovra. Un emendamento chiarisce che l’estensione del pareggio di bilancio non modifica le regole sulla spesa per stipendi

dicembre 14, 2015

(…) Gli obiettivi di finanza pubblica per il bilancio di previsione del prossimo triennio abbandonano definitivamente il patto di Stabilità interno e diventano equilibri finali di competenza per Regioni, Comuni, Province e Città metropolitane. 

Il Ddl Stabilità 2016 declina infatti le nuove regole del pareggio di bilancio degli enti locali disponendo l’obbligo del conseguimento di un saldo non negativo, in termini di competenza, fra le entrate finali (titoli 1,2,3,4 e 5 del bilancio armonizzato) e le spese finali (titoli 1, 2 e 3 del medesimo schema di bilancio).

(…) Sono assoggettati al pareggio di bilancio gli enti individuati dall’articolo 9 comma 1 della legge 243/2012: Regioni, Comuni, Province, Città metropolitane, Province autonome di Trento e di Bolzano. Non essendo più [...]

Pensioni italiane in difetto di equità. L’intreccio tra coefficienti e innalzamenti dell’età crea trattamenti difformi (…)

dicembre 14, 2015

L’articolo informa che il capitolo pensioni si è riaperto con l’impegno del Governo a studiare provvedimenti che garantiscano maggiore «flessibilità in uscita» ma che, nel contempo, restano ignorati i difetti del sistema contributivo (…) ci cui uno dei più gravi riguarda i coefficienti di trasformazione.

L’articolo si sofferma sulle riforme attuate a partire dal 1995,  sui coefficienti di trasformazione e sulle loro iniquità (…)

Completa l’articolo la tabella “Staffetta tra coefficienti” con i coefficienti di trasformazione del montante contributivo  applicati nel triennio 2013-2015 e nel 2016-2018.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag.23)

Riforma PA. Il Jobs act non sarà applicato al pubblico impiego

dicembre 11, 2015

Le nuove regole sul contratto a tutele crescenti, con le modifiche all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori introdotte nel settore privato con il Jobs Act, «non saranno applicate nella Pa».
(…) Per la ministra Madia c’è una differenza sostanziale tra datore di lavoro pubblico e privato (…). Nel pubblico il danno derivante dall’applicazione dell’art. 18 sarebbe doppio (…)
Per i dipendenti pubblici che fanno male ci saranno i procedimenti disciplinari (…).
(…) la delega Madia non è ancora stata attuata ma «entro Natale» dovrebbe arrivare un primo pacchetto di provvedimenti attuativi (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag. 8)

Precompilata, stop sanzioni per i ritardi. Emendamento del governo «salva» anche gli errori lievi nella dichiarazione

dicembre 11, 2015

(Ddl stabilità)

(…) fra gli emendamenti del Governo in materia fiscale si segnala soprattutto la disapplicazione delle sanzioni sul 730 precompilato: ritardi ed errori nella trasmissione di dati per la predisposizione della dichiarazione precompilata non saranno punibili, visto il suo carattere sperimentale. L’errore non deve però consentire la fruizione di detrazioni o deduzioni indebite.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 8)

Contributi Inps. Denuncia generica, prescrizione lunga. Non serve un esposto dettagliato

dicembre 11, 2015

 Con la sentenza 24946/2015 della Cassazione, sezione Lavoro, depositata ieri i giudici hanno stabilito che,
una denuncia non particolarmente circostanziata da parte del dipendente all’Inps e non anche al datore di lavoro, è sufficiente per far scattare il periodo di prescrizione decennale per mancato versamento dei contributi (…)

 Rifacendosi a due precedenti sentenze di Cassazione (la 1372/2003 e la 1264/2006), la Corte ha precisato che il termine di cinque anni, introdotto dalla legge 335/1995, si applica salvo denuncia da parte del lavoratore o dei suoi superstiti e che la denuncia va presentata all’Inps, senza obbligo di notifica al datore di lavoro.
Inoltre, in presenza di una denuncia, il termine decennale al posto di quello quinquennale non si applica solo «all’oggetto specifico di denuncia, essendo [...]

Riduzione dei premi e contributi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e malattie professionali. Sconti sui premi, nel 2016 fissato un taglio del 16,61%.

dicembre 11, 2015

Decreto Ministero del Lavoro 30 settembre 2015, pubblicato in G.U. 9.12.2015, n. 286

 Nel 2016 la percentuale di riduzione di premi e contributi Inail a carico delle imprese più virtuose, secondo quanto previsto dalla legge di Stabilità per il 2014 (legge 147/2013), passerà dal 15,38% di quest’anno al 16,61 per cento.

 Nella legge 147/2013 è stato deciso un taglio sui premi e contributi Inail pari a 1 miliardo per il 2014, a 1,1 miliardi per il 2015 e a 1,2 miliardi dal 2016, in attesa dell’aggiornamento tariffario su cui lavora l’Istituto.
(…) Non dovrebbero cambiare i parametri di valutazione dei destinatari degli sconti, che tengono conto o della durata dell’attività aziendale o delle tariffe applicate agli assicurati in base a quanto [...]

Inail – Disponibile nella sezione “Modulistica > Gestione rapporto assicurativo > Datore di lavoro” la Guida alla compilazione del modello OT/24 per l’anno 2016. Scadenza 29.02.2016.

dicembre 11, 2015

L’art. 24 delle Modalità per l’applicazione delle Tariffe emanate con D.M. 12.12.2000, come modificato, da ultimo, dal Decreto Ministeriale del 3 marzo 2015, prevede che l’INAIL può applicare una riduzione del tasso medio di tariffa alle aziende che abbiano effettuato interventi per il

miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli previsti dalla normativa in materia.

La riduzione del tasso medio di tariffa è determinata in relazione al numero dei lavoratori anno del periodo, calcolati per singola voce di tariffa.

Per ottenere la riduzione l’azienda deve presentare apposita istanza (Modello OT24) fornendo tutti gli elementi, le notizie e le indicazioni definiti a tal fine [...]

Messaggio 11.12.2015, n. 7390 “Acquisizione Gestione separata denunce dei compensi erogati con periodi di competenza ante 2005”

dicembre 11, 2015

Nel messaggio l’INPS indica le modalità per l’invio dei flussi delle denunce dei compensi erogati ai parasubordinati – periodo da aprile 1996 a dicembre 2004 - allo scopo di imputare correttamente i versamenti eseguiti dalle Aziende (comprese le pubbliche amministrazioni), attualmente NON ancora attribuiti ai singoli beneficiari.

Leggi il messaggio

Risoluzione 9.12.2015, n. 103/E – Istituzione dei codici tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite il modello F24 EP, delle somme rimborsate ai percipienti e delle eccedenze di versamento di ritenute e di imposte sostitutive (…)

dicembre 10, 2015dicembre 10, 2015

Con detta “Risoluzione” l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per consentire ai sostituti d’imposta – Enti pubblici - le compensazioni in F 24 EP delle ritenute riguardanti:

  1. i rimborsi per assistenza fiscale;
  2. le eccedenze di versamento di ritenute e di imposte sostitutive dai successivi versamenti;
  3. le somme restituite in sede di conguaglio di fine anno o per cessazione di rapporto di lavoro;
  4. i crediti per famiglie numerose;
  5. i canoni di locazione riconosciuti dagli stessi sostituti;
  6. le eccedenze risultanti dalla dichiarazione del sostituto d’imposta
  7. (…)

La notizia relativa al provvedimento di approvazione del nuovo modello F24EP e delle relative specifiche tecniche è già stata pubblicata, con un breve [...]

Nuovi profili e credenziali per i servizi Inail – Le istruzioni dell’Istituto

dicembre 10, 2015

Il Sole di oggi dedica un articolo sulle nuove modalità di accesso ad alcuni servizi on-line e di registrazione per alcune categorie di utenti comunicati da INAIL con circolare 30.11.2015, n. 81 che cambiano da oggi.

 Il documento è stato annunciato e già brevemente descritto nelle “News” del 1° dicembre 2015 su questo stesso sito 

http://www.studionaldi.com/blog/wpnb_news/adeguamento-dei-sistemi-di-autenticazione-inail-per-laccesso-ai-servizi-online-nuove-modalita-di-accesso-ai-servizi-online-riservati-alle-aziende/

In particolare, scrive il Sole, sono stati creati tre nuovi profili utenti: il “legale rappresentante ditta”, l’“amministratore delle utenze digitali” e il “datore di lavoro”.
Le credenziali istituite sostituiscono quelle finora utilizzate dagli utenti profilati come “azienda” e dai soggetti registrati come [...]

Nuovo assetto di Equitalia, da luglio un’unica struttura

dicembre 10, 2015

Riscossione. Il cda approva l’ultima tappa della razionalizzazione dell’ente.

In vista la riorganizzazione della struttura della riscossione italiana, avviata 10 anni fa, con l’obiettivo di

avere un solo ente di riferimento (…).

In pratica, sarà creata una newco che incorporerà Equitalia Nord, Equitalia Centro ed Equitalia Sud (…).
Avrà luogo inoltre un riassetto di Equitalia holding, in cui confluiscono le partecipazioni di controllo di agenzia delle Entrate (51%) e Inps (49%), la quale continuerà a svolgere funzioni di indirizzo e

coordinamento (…)

(Fonte: Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 50)

 

 

Emendamenti alla Legge di stabilità – Pensioni e contratti Pa

dicembre 10, 2015

(…) Oggi dovrebbero essere depositati gli emendamenti dell’Esecutivo (…)

 Il Governo potrebbe dare il via libera ad alcuni emendamenti formulati dai gruppi parlamentari magari in versione rivista. A dichiarare la disponibilità dell’esecutivo a discutere dei correttivi sull’anticipo al 2016 della no tax area per i pensionati e sul rafforzamento dell’opzione donna è stato ieri il viceministro dell’Economia (…)

(…) La commissione Bilancio ha dato il via libera a un emendamento (…) riguardante i contratti della Pa per acquisti di beni e servizi di valore superiore a 1 milione di euro che prevede l’obbligatoria pubblicità on-line sul sito dell’Anac (...)

(Fonte: Il Sole 24 ore – pag. 2)

La certificazione unica si sdoppia e «anticipa» il 770 – Esposizione più dettagliata per redditi, oneri deducibili e detraibili

dicembre 8, 2015dicembre 8, 2015

La certificazione unica (Cu) dal prossimo anno non avrà più solo la funzione di certificare al percipiente i redditi prodotti, ma sarà utilizzata dall’amministrazione finanziaria per raccogliere tutti i dati e le informazioni necessari per predisporre il 730 precompilato e per ricevere in anticipo

i dati utili agli accertamenti ed alle riliquidazioni.

A questa doppia funzione corrisponde uno sdoppiamento dello schema di certificazione, Cu sintetica e Cu ordinaria, le cui bozze sono state pubblicate sul sito dell’agenzia delle Entrate, nonché un aumento delle informazioni da inserire.

 I due modelli
La Cu sintetica rappresenta la certificazione che il sostituto è tenuto a consegnare al percipiente (…) entro il 28 febbraio 2016;

la Cu ordinaria è quella che deve essere trasmessa [...]

Congedi parentali ad ore. Fuori dal calcolo dell’indennità premi e tredicesima (Circolare INPS 152/2015)

dicembre 7, 2015dicembre 7, 2015

L’articolo ripropone un riassunto dei principi contenuti nella Circolare INPS 152/2015 riguardanti la fruizione del “congedo parentale in modalità oraria”.

(…) Rispetto alle prassi già in uso (congedo a giorni o a mesi), l’introduzione della modalità oraria non modifica la durata del congedo parentale e, pertanto, rimangono invariati i limiti complessivi e individuali entro i quali i genitori lavoratori dipendenti possono assentarsi dal lavoro a questo titolo.
L’Inps ha precisato che, siccome i richiedenti possono beneficiare del congedo parentale nelle diverse modalità giornaliera, mensile o oraria, le giornate o mesi di congedo parentale possono alternarsi con giornate lavorative in cui il congedo è fruito a ore, sempre nel rispetto dei limiti

eventualmente stabiliti dalla contrattazione collettiva (...)
(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 25)

Il congedo a ore esclude altri «riposi» nello stesso giorno. Gli ultimi chiarimenti INPS sui sostegni alla famiglia

dicembre 7, 2015

L’articolo richiama il Messaggio INPS 6704/2015 con il quale l’Istituto ha ulteriormente chiarito, rispetto alla circolare 152/2015, la cumulabilità del congedo parentale fruito in modalità oraria con altri riposi o permessi.

In detto messaggio l’INPS ha riportato anche una tabella illustrativa delle compatibilità/incompatibilità di detto congedo con gli altri congedi previsti dal D. Lgs. 151/2001.

(…) Il congedo parentale a ore non può essere cumulato con altri permessi o riposi previsti dal Testo unico sulla maternità/paternità (D. Lgs. 151/2001), come i riposi orari per allattamento, anche se richiesti per bambini diversi. Può essere invece fruito insieme con i permessi disciplinati dalla legge 104/1992 per l’assistenza a persone disabili (...)

L’articolo è integrato e completato da una “Tabella operativa”.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 25)

Sanzioni, interpelli e Certificazione unica. Il fisco cambia l’agenda

dicembre 6, 2015dicembre 6, 2015

… dal 1° gennaio 2016 entrano in vigore una serie di novità previste dai decreti attuativi della delega fiscale, varati nei mesi scorsi, fra cui le nuove sanzioni amministrative, il restyling degli interpelli ecc. (…).

(…) L’anticipo dell’entrata in vigore della riforma delle sanzioni al 2016 consentirà di dare più proporzionalità al sistema delle penalità (…).

(…) il calcolo delle sanzioni incide direttamente sul ravvedimento degli omessi o errati versamenti d’imposta.
(…) sul fronte degli interpelli la prospettazione di una soluzione già “strutturata” può rivelarsi vincente grazie alla regola del silenzio-assenso del fisco.
Le nuove dichiarazioni. La certificazione unica da inviare alle Entrate entro il 7 marzo conterrà molti più dati. L’obiettivo è alleggerire il 770 a luglio (…).
SANZIONI

Il debutto della riforma delle sanzioni [...]

L’Agenzia ha reso disponibili le prime bozze della «Cu»: richiesto anche il codice fiscale del coniuge del dipendente per il 730 precompilato

dicembre 5, 2015

Certificazione unica 2016 più corposa.

(…) La nuova «Cu» fornirà all’amministrazione finanziaria più informazioni rispetto all’anno scorso e (…) saranno sensibilmente ridotti per i sostituti d’imposta i dati da inserire nel modello 770 semplificato.

Le bozze dei modelli sono due (…) delle quali una sintetica destinata a essere consegnata al lavoratore e una ordinaria che “raccoglie” le informazioni da inviare all’amministrazione finanziaria.
(…) E’ prevista l’indicazione dei codici fiscali dei coniugi dei dipendenti (…) e sono stati introdotti campi specifici per la gestione delle somme residue delle deduzioni spettanti in caso di somme restituite al datore di lavoro, derivanti dalle certificazioni o dalle dichiarazioni dei redditi degli anni precedenti.

La «Cu» [...]

Previdenza. Le conseguenze della rivalutazione zero nel 2016 e della restituzione degli arretrati 2012-2013

dicembre 4, 2015dicembre 4, 2015

Pensioni, aumenti per importi medi

Assegno più leggero per chi incassa fino a 3 volte il minimo o oltre 6 volte

Il decreto 19 novembre 2015 del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito che il tasso provvisorio di rivalutazione per il 2016 sia zero e quello definitivo da applicare nel 2015 sia 0,2% invece del provvisorio 0,3 per cento.

Di conseguenza, sulla rata di gennaio 2016, saranno recuperate una-tantum le somme erogate in eccesso quest’anno (…).

 Nonostante il tasso di rivalutazione provvisorio da applicare alle pensioni nel 2016 sia pari a zero, l’anno prossimo gli assegni compresi tra tre e sei volte il minimo cresceranno, seppur di poco, per effetto della sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato illegittimo il blocco della perequazione nel 2012-2013.

Chi sta [...]

Anche nel pubblico la reintegra è un’eccezione

dicembre 4, 2015

La sentenza 24157/2015 della Corte di cassazione ha riportato al centro del dibattito politico la questione relativa all’applicabilità nei confronti dei dipendenti pubblici delle due riforme (legge Fornero del 2012 e Jobs act del 2015) che hanno ristretto in maniera significativa l’applicazione della reintegra sul posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo. I (…)

 (…) non si può fare a meno di prendere atto che il principio affermato dalla Cassazione introduce una rivoluzione copernicana anche nel lavoro pubblico, dove entra a pieno titolo il sistema della legge Fornero, incentrato sulla tutela indennitaria (e non sulla reintegrazione).
(…) dopo aver negato per mesi l’esistenza del problema, il ministro Madia ha annunciato che ci sarà un chiarimento interpretativo nella riforma del lavoro pubblico (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 53)

Previdenza. Il valore provvisorio per adeguare gli assegni al costo della vita è pari a zero Pensioni senza rivalutazione nel 2016

dicembre 2, 2015dicembre 2, 2015

Nel 2016, per il momento, non ci sarà alcun incremento degli importi delle pensioni in pagamento per effetto dell’adeguamento all’inflazione in quanto il decreto Ministero Economia e Finanze del 19 novembre 2015, pubblicato ieri in G.U., fissa a zero la percentuale provvisoria di variazione per il calcolo della perequazione delle pensioni.
Si tratta di un valore provvisorio, in quanto calcolato sui primi nove mesi del 2015, e quindi non è escluso che quello definitivo cambi (…)
(…) nel 2016 ci sarà un’ulteriore conseguenza negativa per i pensionati. Poichè l’indice previsionale applicato finora al 2015 è stato dello 0,3%, ma il tasso definitivo è dello 0,2%, all’inizio dell’anno prossimo i pensionati dovranno restituire lo 0,1% in più incassato quest’anno (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 49)

Leggi l’articolo

Sanità. Indennità di turno anche nei riposi «compensativi»

dicembre 2, 2015

La Corte di Cassazione, con sentenza 24439/2015 depositata  l’ 1.12.2015 ha chiarito che l’indennità di turno spetta anche nei giorni di riposo compensativo, ma non negli altri giorni non lavorati. (…).

Il caso affrontato dai giudici di legittimità riguarda i lavoratori di un’azienda ospedaliera piemontese, che aveva stoppato l’indennità sia nelle assenze determinate da riposo compensativo sia per i sabati non lavorati in quanto il dipendente non era in turno. La prima mossa, secondo la Cassazione, è illegittima, perché l’indennità va riconosciuta anche al dipendente assente in quanto il riposo serve a compensare «la particolare penosità del lavoro» (…).
Per capire i termini del problema bisogna tenere conto della particolare articolazione del lavoro (…)

Con lo stesso principio si possono spiegare le indicazioni più recenti assunte dall’Aran per [...]

DECRETO 19 novembre 2015 “ Valore della variazione percentuale, salvo conguaglio, per il calcolo dell’aumento di perequazione delle pensioni (…)

dicembre 1, 2015dicembre 1, 2015

Pubblicato nella G.U. del 1.12.2015 il Decreto Ministero Economia e Finanze 19.11.2015 recante “Valore della variazione percentuale, salvo conguaglio, per il calcolo dell'aumento di perequazione delle pensioni spettante per l'anno 2015, con decorrenza dal 1° gennaio 2016, nonché il valore definitivo della variazione percentuale da considerarsi per l'anno 2014, con decorrenza dal 1° gennaio 2015”.

Leggi il decreto 19.11.2015

Leggi il decreto 20.11.2014. Perequazione automatica delle pensioni per l'anno 2014 e valore definitivo per l'anno 2013.
(GU n.280 del 2-12-2014 )

Approvazione delle modifiche al modello di versamento “F24 Enti pubblici” ed alle relative specifiche tecniche

dicembre 1, 2015

Introdotto nella sezione “dettaglio versamento” del l’F24 EP il campo “importi a credito compensati” per consentire anche ai sostituti d’imposta del settore pubblico - che utilizzano detto  modello per il pagamento di ritenute, imposte e contributi - il recupero in compensazione  delle somme rimborsate ai percipienti a seguito di assistenza fiscale e delle eccedenze di versamento di ritenute e imposte sostitutive (così come previsto dall’articolo 15 del Dlgs 175/2014). 
Con una prossima risoluzione, l’Amministrazione fiscale renderà note le istruzioni per la compilazione del nuovo modello. Come di consueto, la versione aggiornata del software di compilazione e controllo sarà disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
 
Due le date da ricordare: l’operatività del modello [...]

Sulle pensioni aprire il dossier della flessibilità in uscita

dicembre 1, 2015

(…). Quanto alle pensioni, Dini cui si deve la riforma del 1995, non ha dubbi (…). La vera questione è la flessibilità in uscita, con l’età pensionabile che oggi è a 66-67 anni. Nel breve periodo l’operazione comporta dei costi, ma di certo gli annunci di tagli alle pensioni cosiddette più alte per compensare i cinquantacinquenni che lasciano il lavoro paiono a dir poco spericolati». Si tratta di persone «che sono ancora in età lavorativa, e dunque l’onere va posto a carico della fiscalità generale. Guardiamo il bilancio dell’Inps. La gestione previdenziale è in sostanziale pareggio. I problemi riguardano il capitolo dell’assistenza». (…)

(Fonte  Il Sole 24 ore – pag. 17)

Lavoro. I giudici di legittimità riaprono il confronto sull’estensione alla pubblica amministrazione delle regole sui licenziamenti. Nuovo articolo 18 anche nella PA

dicembre 1, 2015

Le riforme dell’articolo 18 si applicano in automatico anche al pubblico impiego “contrattualizzato”, cioè a tutti i dipendenti statali e locali tranne professori, magistrati e militari, perché il parallelismo con il lavoro privato è previsto in modo esplicito dal Testo unico del pubblico impiego.
A fissare il principio in via ufficiale è la Corte di cassazione, nella sentenza 24157/2015 intervenendo su un tema che ha orientato da tempo (…) per il mantenimento del vecchio articolo 18 negli uffici pubblici (…).

(Fonte  Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 47)

 

Adeguamento dei sistemi di autenticazione Inail per l’accesso ai servizi online. Nuove modalità di accesso ai servizi online riservati alle aziende.

dicembre 1, 2015

Nuovi servizi per gli utenti “Cittadino con credenziali dispositive”.

L’INAIL con circolare 30 novembre 2015, n. 81  ha comunicato di avere provveduto ad elevare il livello di sicurezza delle operazioni di identificazione e di autenticazione informatica dei propri utenti;  per questo ha modificato le procedure per il rilascio delle credenziali di accesso ad alcuni servizi e le modalità di registrazione per alcune categorie di utenti.

Inoltre INAIL ha creato nel proprio sistema tre nuovi profili utenti: legale rappresentante azienda, amministratore delle utenze digitali e datore di lavoro.

Nuovo profilo “Datore di lavoro”

Il profilo “Datore di lavoro” è stato creato per l’accesso esclusivo ai servizi online con i quali devono essere presentate le denunce [...]

Indennità NASpI di cui ai D. Lgs. n. 148 e n. 150 del 14 settembre 2015. Precisazioni sul calcolo della durata dell’indennità. Precisazioni sul requisito lavorativo delle 30 giornate di effettivo lavoro …

novembre 28, 2015novembre 28, 2015

Con la Circolare INPS  27 novembre 2015, n. 194 l'Istituto ha fornito chiarimenti ed istruzioni applicative riguardanti le “Disposizioni in materia di indennità NASpI di cui ai Decreti legislativi n. 148 e n. 150 del 14 settembre 2015. Precisazioni sul calcolo della durata dell’indennità. Precisazioni sul requisito lavorativo delle 30 giornate di effettivo lavoro. Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti”.

Leggi la circolare

Leggi l’articolo su “Il Quotidiano della PA”

Sicurezza. La responsabilità del datore di lavoro si configura anche se non sono state violate norme specifiche. Il Codice civile previene l’infortunio.

novembre 27, 2015novembre 27, 2015

Per configurare la responsabilità del datore di lavoro non è necessario accertare la violazione di norme specifiche in materia di sicurezza, è sufficiente che l’evento infortunistico si verifichi perché non sono stati adottati gli accorgimenti imposti all’imprenditore dal Codice civile per l’integrità dei dipendenti. È questo il principio essenziale che emerge dalla sentenza 46979/2015 della Cassazione depositata ieri (…)

(Fonte Il Sole 24 ore- Norme e tributi - pag. 53) 

Pa. Il piano degli indicatori di Regioni, enti locali e organismi strumentali

Conti locali, la Ragioneria vara il «termometro» dei bilanci

(Fonte Il Sole 24 ore- Norme e tributi - pag. 52)

 

Dichiarazioni 2016. Pressing blocca-sanzioni per la «precompilata» Spese sanitarie: penalità da bloccare o ridurr

novembre 26, 2015novembre 26, 2015

(…) anno del debutto delle spese sanitarie nella dichiarazione “pre-compilata”.

(…) i medici sono stati sentiti dalla commissione Finanze per fare il punto sul “nuovo 730” che dal prossimo anno dovrebbe contenere anche le spese sanitarie (…) tagliando drasticamente la necessità dei diretti interessati di modificare la dichiarazione proposta dall’Agenzia delle Entrate.
Lo sforzo organizzativo (…) è ricco di incognite (…). La prima è legata all’invio dei dati 2015, da parte dei medici, entro il 15 gennaio. La premessa indispensabile è l’accreditamento ma molti medici (…) non utilizzano ancora la Pec, necessaria per accedere al sistema «tessera sanitaria». (…)  Ci sono anche altri problemi operativi (…). In caso di mancanze, ritardi o errori scatta la sanzione di 100 euro per ogni comunicazione, [...]

Inps: al via le Borse di studio del programma Itaca per soggiorni scolastici all’estero

novembre 25, 2015novembre 25, 2015

Consente a figli o orfani di dipendenti pubblici di studiare all'estero. Iscrizioni entro il 13 dicembre.

Gli studenti figli o orfani di dipendenti o ex dipendenti della pubblica amministrazione, avranno l'opportunità di scegliere tra 50 destinazioni in Europa o nel resto del mondo, in collage o famiglie.

Leggi l’articolo su “Il Quotidiano della PA”

Leggi l'articolo su "Il Quotidiano della PA"

Leggi il bando su INPS

INPS – Cumulo periodi assicurativi. Coordinamento legge 22 luglio 1966, n. 613 e legge 24 dicembre 2012, n. 228. Ulteriori chiarimenti

novembre 25, 2015

Con Messaggio  INPS n. 7145 del  25/11/2015  l’istituto ha fornito ulteriori chiarimenti circa l’operatività dell’istituto di cumulo dei periodi assicurativi previsto per le gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi ai sensi della legge 22 luglio 1966, n. 613 e dell’istituto di cumulo disciplinato dalla legge 24 dicembre 2012, n. 228.

Leggi il messaggio

Leggi l’articolo su “Il Quotidiano della Pa”

Stop alle assunzioni per le Amministrazioni che non rispettano i tempi medi di pagamento

novembre 24, 2015novembre 24, 2015

Con la richiesta di parere avanzata il Comune Terni ha posto un quesito volto a conoscere se, ai fini dell’assunzione, tramite concorso, di personale non amministrativo dei servizi scolastici ed educativi, tra le relative limitazioni vigenti rientri anche quella prevista dall'art. 41, co. 2, del D.L. 66/2014 (mancato rispetto per l’anno 2014 dell'indicatore dei tempi medi nei pagamenti). Al quesito va data risposta positiva. (…)
Segnalazione del parere della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per l'Umbria deliberazione n. 148/2015/PAR del 12.11.2015

Leggi l’articolo sulla “Gazzetta Amministrativa”

Riavvio procedura “Estratto conto della Amministrazione (ECA)” – Novità operative Messaggio INPS 23.11.2015, n. 7100

novembre 23, 2015novembre 23, 2015

(…) il Nuovo ECA nasce con l’obiettivo di verificare la correntezza e la correttezza degli adempimenti contributivi di tutti i datori di lavoro iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici, procedere ad una corretta imputazione contabile, rilevare contabilmente le partite a credito dell’Istituto ed attivare la fase di recupero coattivo dei debiti compresa la fase di invio e gestione degli stessi all’agente della riscossione.

(…) un ulteriore sviluppo della procedura, ha consentito la possibilità che la lavorazione dell’ECA sia ora mensile, ossia all’atto dell’acquisizione delle denunce e dei versamenti, pur prevedendone la validazione solo al completamento delle dodici mensilità.

 Il nuovo ECA prevede l’invio via PEC sia della Comunicazione di Debito che dell’Avviso Bonario. Con la Comunicazione [...]

Part time agevolato per gli over 63. Platea più ampia per l’opzione donna

novembre 22, 2015novembre 22, 2015

Possono accedere alla pensione di anzianità con il calcolo contributivo le lavoratrici che hanno 35 anni di contribuzione e che maturano i requisiti anagrafici (57 anni 3 mesi per le dipendenti e quindi nate entro il 30 settembre 1958, e 58 anni 3 mesi per le autonome che devono essere nate entro il 30 settembre 1957) nel corso del 2015, ancorché la decorrenza del trattamento pensionistico si collochi dopo il 2015 per la finestra mobile.

Con questo intervento si conclude l’esperienza delle “donne optanti” non essendo previste ulteriori proroghe.

Viene rivisto altresì il numero dei lavoratori salvaguardati  (…). Per queste categorie i requisiti anagrafici, contributivi e di decorrenza del trattamento pensionistico devono essere posseduti entro il 6 gennaio 2017.

È poi previsto un meccanismo di uscita anticipata per i dipendenti del settore privato iscritti all’Ago dell’Inps.

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag. 12)

Delega Pa. Domani in Consiglio dei ministri il primo decreto attuativo

novembre 21, 2015

Arriva il taglio di cinquanta norme.

Il primo decreto attuativo della riforma della Pa (…)  concentra in tre articoli misure di abrogazione di una cinquantina di provvedimenti di legge adottati dopo il dicembre 2011 e fino al 28 agosto scorso, data di entrata in vigore della riforma (L. 124/2015 pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 28 agosto 2015).

(…) Si tratta di una pulizia dell’ordinamento da norme scadute (o non più attuabili) per assicurare maggiore certezza del diritto (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore, pag. 7)

Leggi l’articolo

Esclusiva l’iscrizione Inarcassa

novembre 20, 2015novembre 20, 2015

In presenza di un’iscrizione ad un’altra gestione previdenziale obbligatoria, ancorché diretta al conseguimento di un trattamento pensionistico integrativo, è preclusa l’iscrizione a Inarcassa, con conseguente inefficacia dei contributi eventualmente versati durante il periodo di doppia contribuzione e senza che assuma rilievo il criterio della prevalenza dell’attività svolta.

È questo il principio espresso dalla Cassazione – Sezione lavoro -  con la sentenza  19.11.2015, n. 23687.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag.   47)

Trattamento ai superstiti, studenti tutelati fino a 26 anni

novembre 20, 2015

La circolare INPS  18.11.2015, n.  185 “Linee guida e istruzioni operative in materia di trattamento pensionistico ai superstiti – art. 22, legge 21 luglio 1965, n. 903” riepiloga le disposizioni vigenti in materia di pensione ai superstiti, volto a garantire l’uniformità di erogazione delle prestazioni agli aventi diritto, superstiti di pensionati e assicurati delle diverse gestioni dell’Istituto, comprese l’ex IPOST, l’ex INPDAP e l’ex ENPALS.

Infatti con la Legge 335/95 (Riforma Dini), è stata disposta l'estensione della disciplina vigente nell’Assicurazione generale obbligatoria dell’Inps a tutte le forme esclusive e sostitutive di detto regime (come ex Inpdap, Ipost e Enpals), ma taluni criteri applicativi erano rimasti divergenti (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag.   47)

Leggi la circolare

Leggi l’articolo su “Il Quotidiano della PA”

Dichiarazioni 2016. Certificazione unica con doppio invio

novembre 19, 2015novembre 19, 2015

 

(…) La nuova certificazione unica dal prossimo anno dovrebbe anticipare una serie di informazioni finora trasmesse con il modello 770. Un progetto che (…) richiede nel primo anno di applicazione tanto agli intermediari quanto ai sostituti d’imposta «uno sforzo legato alla necessità di adeguare gli applicativi attualmente in uso … e che determinerà, comunque, una razionalizzazione dell’adempimento».

Nel primo anno di applicazione «l’obbligo di trasmissione entro la data del 7 marzo delle nuove certificazioni uniche dovrebbe essere limitato a quelle contenenti dati utili per la predisposizione della dichiarazione precompilata, con differimento alla data di presentazione del modello 770 (il 31 luglio) del termine di trasmissione delle restanti certificazioni uniche».

Una certificazione unica che, di fatto, diventerebbe a due tempi per spianare [...]

Chiarimenti e riepilogo istruzioni su facoltà di computo Gestione separata INPS

novembre 18, 2015novembre 18, 2015

L’Inps con la circolare 18.11.2015, n. 184 ha fornito un riepilogo  organico ed ulteriori chiarimenti sulla facoltà di computo nella gestione separata prevista dall’articolo 3  del D.M. 02.05.1996, n. 282.

L’articolo 3 del D.M. n. 282 del 1996 dispone infatti che “gli iscritti alla gestione separata che possono far valere periodi contributivi presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti, le forme esclusive e sostitutive della medesima, le gestioni pensionistiche dei lavoratori autonomi di cui alla legge n. 233 del 1990 hanno facoltà di chiedere nell’ambito della gestione separata il computo dei predetti contributi, ai fini del diritto e della misura della pensione a carico della gestione stessa, alle condizioni previste per la facoltà di opzione di cui all’articolo 1, comma 23, della legge n. 335 del 1995” (…).

Leggi la circolare

Leggi l’articolo su “Il Quotidiano della PA”

TASSE LOCALI, CAOS SU ALIQUOTE E SCONTI

novembre 13, 2015novembre 13, 2015

L’articolo commenta gli effetti e la possibilità di sanatoria per le delibere comunali tardive riguardanti tra l’altro le aliquote delle addizionali all’IRPEF.
(…) ciò non vale per i Comuni della Sicilia, che hanno avuto una proroga su misura grazie alla quale hanno avuto tempo fino al 30 settembre per chiudere i preventivi 2015 e decidere su tributi e tariffe.
Il quadro, però, è tutt’altro che assestato: la “sanatoria” delle delibere approvate fra il 30 luglio e il 30 settembre è stata tentata in questi mesi praticamente in ogni provvedimento (…) ma si è sempre scontrata con un «no» (…).
(…) il motivo è che non suona troppo lineare congelare il fisco locale per il 2016 e contemporaneamente permettere ex post i ritocchi sulle aliquote 2015 (…), dall’altro lato ci sono i Comuni che già a luglio avevano chiesto un rinvio dei termini per chiudere i bilanci perché le [...]

Pubblico impiego sul procedimento di mobilità – Consiglio di Stato, Sezione V – Sentenza 06.11.2015, n. 5078

novembre 13, 2015

Il Consiglio di Stato ha chiarito che “il reclutamento dei dipendenti pubblici avviene attraverso un procedimento complesso nell’ambito del quale la procedura concorsuale non è affatto soppressa, ma è subordinata alla previa obbligatoria attivazione della procedura di mobilità, in attuazione dei fondamentali principi di imparzialità e buon andamento, predicati dall’articolo 97 della Costituzione”.

Leggi l’articolo

Leggi la sentenza

Ministro semplificazione e pubblica amministrazione – Circ. 4/2015 (conferimento incarichi)

novembre 12, 2015novembre 12, 2015

Il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, sul sito istituzionale, ha pubblicato la Circolare n. 4 del 10.11.2015 (Prot. n. DFP 0062680) che fa seguito  alle modifiche legislative in materia di conferimento di incarichi e cariche in organi di governo a soggetti già lavoratori privati o pubblici collocati in quiescenza.

Il divieto si applica a tutti i soggetti che rientrano nell'elenco di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 o in quello del conto economico consolidato dell'Istat: quindi anche a enti aventi forma di società o fondazione, nonché alle camere di commercio.

Per quanto riguarda gli incarichi dirigenziali e direttivi (…) l'ambito di applicazione del divieto è più ampio rispetto al novero delle amministrazioni nominanti, in quanto comprende anche [...]

Pubblico impiego, frena il ridisegno su tre comparti (confronto ARAN-sindacati)

novembre 12, 2015

Il ridisegno dei comparti per far ripartire i contratti del pubblico impiego sbloccati dalla manovra non parte con il piede giusto.

 

L’agenzia negoziale, in linea con le indicazioni della Funzione pubblica, ha proposto una geografia in tre comparti, basata in pratica sulla distinzione delle sole aree caratterizzate da una «specificità» tale da giustificare un contratto a sé: la scuola e la sanità. Tutto il resto del pubblico impiego, secondo questa impostazione, verrebbe convogliata in un «compartone» unico, che abbraccerebbe fra gli altri ministeri e agenzie fiscali, ma anche regioni ed enti locali.

 

(…) la “fusione” dei comparti attuali imporrà di allineare fra loro le strutture contrattuali, oggi molto diversificate (…).

(…) La partita rimane aperta, in un intreccio di fattori tecnici e politici che sembra difficile [...]

Per la nuova precompilata serve un iter concordato

novembre 8, 2015novembre 8, 2015

Il 730 precompilato si prepara alla «fase 2». Nuovi dati in arrivo e soprattutto l’esigenza di migliorare la qualità delle informazioni. L’amministrazione finanziaria sta lavorando per rendere più puliti i dati già presenti in Anagrafe tributaria (…)

 Il vero punto di forza della «fase 2» sarà l’arrivo delle spese sanitarie. (…) Il ricorso dell’Andi al Tar rischia di bloccare l’implementazione della precompilata (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore - pag. 5)

Dichiarazioni fiscali, prove di semplificazione

novembre 8, 2015

(…) Una delle novità più rilevanti delle “semplificazioni fiscali” è la cancellazione e la sostituzione dei criteri attualmente in vigore per il controllo preventivo delle dichiarazioni 730, eseguito in base alla spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia nei casi in cui il rimborso sia complessivamente superiore a 4mila euro anche determinato da eccedenze d’imposta derivanti da precedenti dichiarazioni.

(…)

E’ possibile che l’Agenzia delle entrate, dal prossimo anno, esegua il controllo preventivo sui contribuenti che modificheranno la precompilata direttamente o tramite sostituto d’imposta (con effetti su reddito e imposta dovuta) in presenza di incoerenze rispetto a una serie di criteri e parametri da definirsi dalla stessa Agenzia oppure se l’importo chiesto a rimborso supererà i 4mila euro.

(…) Allo studio lo snellimento della dichiarazione [...]

PENSIONI – Legge stabilità e proposte per emendamenti

novembre 8, 2015

Il tema pensioni e lavoratori in uscita appare quello più interessato da interventi di modifica, a partire dall’ampliamento della no tax area dei pensionati che dovrebbe essere anticipata al 2016 e non rinviata al 2017 come prevede attualmente il Ddl di stabilità. Si propone poi un prestito pensionistico per le uscite anticipate

(Fonte Il Sole 24 ore - pag. 2)

Sì ai compensi per il revisore che è sindaco in un altro ente

novembre 7, 2015novembre 7, 2015

Il ministero dell’Interno dà il via libera ai compensi per i revisori dei conti di Comuni e Province che sono anche amministratori in un altro ente. Il parere del Viminale interviene su un tema dibattuto da tempo, aperto dall’articolo 5 del Dl 78/2010 che ha imposto il gettone simbolico da 30 euro per gli incarichi conferiti dalle Pa ai titolari di cariche elettive. Sul punto si sono espresse in passato alcune sezioni regionali della Corte dei conti, giudicando applicabile la norma anche ai revisori, ma il ministero va in senso contrario: sono esclusi, secondo la lettura del Viminale, gli incarichi ricevuti da sindaci e amministratori in genere nell’ambito della loro attività libero-professionale e quindi scollegati dal loro ruolo pubblico.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 18)

Pensioni, rilancio (…) su prestito e no tax area

novembre 7, 2015

Le principali novità che i senatori democratici intendono introdurre nel disegno di legge di stabilità 2016 (…) sono l’ampliamento della no tax area per i pensionati già dal 2016, (…), interventi mirati su flessibilità in uscita, esodati, opzione donna e soprattutto sul prestito pensionistico (…).

 Sulla Legge di stabilità, il fronte pensioni e lavoratori in uscita è quello più interessato da interventi di modifica (…), a partire dall’ampliamento della no tax area (…) a cui si aggiungerà l’emendamento sul prestito pensionistico. L’obiettivo (…) è quello di aiutare i lavoratori vicini alla pensioni che perdono il lavoro.

(…) Coloro che perdono il lavoro negli ultimi 2-3 anni prima della pensione potranno chiedere un prestito che permetterà loro di arrivare alla data di maturazione della pensione e che sarà in tutto o in parte scontato sulla pensione. [...]

IL PRESIDENTE BOERI SULLE SCELTE SOCIALMENTE SOSTENIBILI PER LA POPOLAZIONE

novembre 6, 2015novembre 6, 2015

Sul sito INPS è stato pubblicato il documento riguardante le proposte per abbattere la povertà, riducendola almeno del 50%, fra chi ha più di 55 anni di età  e garantire una transizione più flessibile dal lavoro al non lavoro e viceversa. Ma vi è anche un'aspirazione alla semplificazione della normativa e all'unificazione dei trattamenti contributivi e previdenziali fra gestioni diverse.

Leggi il documento

INAIL – Certificati, l’invio spetterà al medico

novembre 5, 2015novembre 5, 2015

Il D. Lgs. 151/2015 ha modificato diversi articoli del D.P.R. 1124/1965 per semplificare gli adempimenti a carico del datore di lavoro in materia di infortuni e malattie professionali:

  1. Art. 28 – Determinazione del premio assicurativo;
  2. Art. 53 – Abolizione obbligo trasmissione certificazioni;
  3. Art. 54 – Abolizione obbligo invio denunce all’Autorità di pubblica sicurezza;
  4. Abolizione della tenuta registro infortuni.

In particolare con la modifica all’art. 53 del T.U. 1124/65 Il datore di lavoro viene completamente esonerato dall’obbligo di invio di certificazioni all’Istituto assicuratore in quanto, tale obbligo, è posto a carico dei medici o delle strutture sanitarie che rilevano l’infortunio o la malattia professionale.

In sintesi dal centottantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del D. Lgs. 151/2015 (22 marzo 2016):

  1. l’obbligo di [...]

Decontribuzione – Esonero triennale per gli enti pubblici economici. Circolare INPS 178/15

novembre 5, 2015

Gli enti pubblici economici che svolgono in via principale o esclusiva un’attività ex articolo 2082 del codice civile e gli enti privatizzati che assolvono la contribuzione pensionistica alla Gestione Pubblici dipendenti possono accedere all’esonero triennale contributivo per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato previsto dalla L. 190/2014.

Si tratta:

  • degli enti pubblici economici;
  • degli Istituti autonomi case popolari trasformati in base alle diverse leggi regionali in enti pubblici economici;
  • degli enti che - per effetto dei processi di privatizzazione - si sono trasformati in società di persone o società di capitali ancorché a capitale interamente pubblico;
  • delle ex IPAB trasformate in associazioni o fondazioni di diritto privato, in quanto prive dei requisiti per trasformarsi in [...]

Più tempo per le certificazioni uniche. Le proposte dei commercialisti

novembre 5, 2015

Adempimenti. Le proposte dei commercialisti all’audizione della Commissione di vigilanza sull’Anagrafe tributaria .

Proroga al 15 marzo per la trasmissione e invio solo per chi può fare la precompilata

 

Il Presidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ieri, durante l’audizione presso la commissione parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria ha ribadito la tesi dello slittamento almeno al 15 marzo per la trasmissione telematica delle nuove certificazioni uniche integrate all’Agenzia delle Entrate e la limitazione dell’obbligo di invio alle sole certificazioni riferite ai soggetti ammessi all’utilizzo della dichiarazione precompilata (con eventuale differimento, se proprio l’invio fosse necessario, per i soggetti non ammessi all’utilizzo del 730 precompilato).

(…)

MOTIVO: la [...]

«Previdenza, non indebolire l’assetto»

novembre 5, 2015

Padoan difende la riforma, odg al Senato chiede flessibilità nel 2016 - «Manovra sostenibile, giudizi distorti»

il ministro sostiene: a)  che «è cruciale, anche in prospettiva, che non venga indebolito l’assetto» della previdenza ; b) ricorda che con gli interventi inseriti nella legge di stabilità «non viene depotenziata la riforma» delle pensioni che rende il sistema pensionistico «uno dei più stabili e sostenibili d’Europa».

Flessibilità in uscita: il Governo ha accolto in commissione Lavoro del Senato un ordine del giorno che lo impegna «a presentare» nel 2016 «un disegno di legge» per «integrare e consolidare» la riforma Fornero con forme di flessibilità. Il presidente della Commissione (…) ha affermato che «già in legge di stabilità potrebbero essere recepite alcune indicazioni» riguardanti «l’accompagnamento del lavoratore negli ultimi anni di vita lavorativi», opzione donna e ricongiunzioni.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 8)

Cumulabilità del congedo parentale fruito in modalità oraria con altri riposi o permessi

novembre 3, 2015novembre 3, 2015

L’INPS con il messaggio 3 novembre 2015, n. 6704 ha fornito le precisazioni sulla incumulabilità del congedo parentale ad ore con altri permessi o riposi disciplinati dal D. Lgs. 151/2001.

L’Istituto previdenziale fa quindi seguito alla circolare 18 agosto 2015, n. 152 con la quale ha dettato le prime istruzioni operative in ordine al congedo parentale in modalità oraria

Leggi il messaggio

Leggi l’articolo su “Il Quotidiano della Pa”

 

Il rinnovo dei contratti dribbla i tetti di spesa

novembre 2, 2015novembre 2, 2015

Sono passati più di sei anni dall’ultimo contratto nazionale.

(…) Il tutto prende il via dall’articolo 48 del Dlgs 165/2001 che prevede che per le Regioni e gli enti locali le risorse per gli incrementi retributivi per il rinnovo dei contratti collettivi nazionali sono definite dal Governo, nel rispetto dei vincoli di bilancio, del patto di stabilità (…) gli oneri di tale contrattazione sono determinati a carico dei rispettivi bilanci (...)

Ai fini del calcolo della spesa di personale, le somme riferite ai rinnovi contrattuali vanno escluse dalla base di calcolo. Infatti, ai sensi dell’articolo 1 comma 557 della legge 296/2006 (…)

 

(…) la Corte dei conti, sezione autonomie, con la deliberazione 27/2011 ne ha individuato la ratio (…)

 (…) tali esclusioni non si possono applicare agli incrementi delle somme a favore della contrattazione integrativa [...]

Comuni, turn over ancora vincolato agli ex provinciali

novembre 2, 2015

(…) per il 2016, l’80% delle cessazioni verificatesi nel 2015 è destinato ai vincitori di concorso che, nei Comuni, saranno presumibilmente pari a zero e agli ex provinciali, mentre il restante 20% è riservato ai soli soprannumerari. In pratica, quindi, tutta la spesa 2016 pari alle cessazioni 2015 è da destinare al riassorbimento del personale degli enti di area vasta in esubero (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 28)

 

Pensioni, la proposta di Boeri: «Sui vitalizi oltre 85mila euro tagli del 50%»

novembre 1, 2015novembre 1, 2015

Il Presidente INPS Tito Boeri è stato intervistato su Rai Tre. All’ OdG diversi temi fra i quali: gli esodati delle piccole imprese, la manovra/ddl di stabilità, la proposta del taglio fino al 50% per i vitalizi dei politici sopra 85mila euro all'anno», il contributo da parte di chi ha avuto in passato situazioni di  privilegio (ossia a chi goduto di trattamenti di favore è giusto richiedere un contributo, anche se limitato…) e infine il parere su INPS e l’affermazione che è sbagliato definirlo un carrozzone (…).

Leggi l’articolo

 

Più tutele ai minori: la famiglia affidataria potrà adottare

ottobre 31, 2015ottobre 31, 2015

Il prossimo 13 novembre entrerà in vigore la legge n. 173/2015, che ha apportato significative modifiche alla legge sull’adozione (n. 184/1983), aprendo alla possibilità che le famiglie che abbiano avuto un minore in affidamento temporaneo, purché prolungato, possano ottenere il minore in adozione qualora sia necessario dichiararne l’adottabilità (…).

(Fonte “Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 21)

Rimborsi auto esenti se la trasferta è «breve»

ottobre 31, 2015

(…) Per l’agenzia delle Entrate, se la distanza percorsa dal dipendente per raggiungere dalla propria residenza la località di missione è inferiore rispetto a quella calcolata dalla sede di servizio e al lavoratore è riconosciuto, in base alle tabelle Aci, un rimborso chilometrico di minore importo rispetto a quello dalla sede, questo è escluso dalla tassazione, a norma dell’articolo 51, comma 5, secondo periodo, del Testo unico delle imposte sui redditi (Dpr 917/1986). Se, invece, la distanza percorsa e il rimborso chilometrico sono maggiori, la differenza è reddito imponibile, a norma dell’articolo 51, comma 1 (…).

(…) L’Agenzia ha più volte chiarito che i rimborsi chilometrici erogati per l’espletamento della prestazione lavorativa in un comune sono esenti da imposizione alla condizione che, in sede di liquidazione, l’importo dell’indennità sia [...]

È nato Civis F24, il servizio per modificare online il modello

ottobre 29, 2015ottobre 29, 2015

Auto correzione degli F24 a portata di click

Dal 26 ottobre 2015 i contribuenti che si accorgono di aver commesso un errore durante il pagamento delle imposte con il modello di versamento F24, potranno modificarlo direttamente online, inviando una semplice richiesta telematica.

Leggi l’articolo

(vedi anche “Modello F24: on line si possono correggere gli errori” nelle news di ieri 28.10.2015).

IMU e TASI: in Gazzetta il contributo di 530 milioni di euro ai Comuni

ottobre 29, 2015

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 251 del 28.10.2015 il decreto del Ministero dell'Interno del 22 ottobre 2015 recante "Attribuzione ai comuni del contributo di 530 milioni di euro in relazione ai gettiti standard ed effettivi dell'IMU e della TASI e della verifica del gettito per l'anno 2014, ai sensi dell'articolo 8, comma 10, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78".

Il decreto prevede che per l'anno 2015 il contributo di 530 milioni di euro  e' ripartito fra i comuni nelle somme indicate nell'allegato A  del decreto. 

Le somme di cui all'allegato A spettanti a ciascun comune sono determinate sulla base della metodologia adottata sentita la Conferenza Stato-citta' ed autonomie locali nella seduta del 16 luglio 2015 riportata nell'allegato B al decreto. 

Leggi l’articolo

Leggi il decreto Ministero Interno, 22 ottobre 2015

 

Donne, corsa alla pensione a 57 anni

ottobre 29, 2015

La legge di stabilità estende il periodo per utilizzare il regime sperimentale.

(…) fuga verso la pensione per le lavoratrici che possono. Secondo la relazione tecnica alla legge di Stabilità 2016, saranno 32.800 le donne che, maturando entro il 2015 i requisiti per l’uscita anticipata a 57 o 58 anni e 3 mesi e 35 di contributi, sfrutteranno questa possibilità.  (…)

Questo nonostante il taglio consistente dell’assegno dovuto al ricalcolo della pensione con il sistema contributivo (…) invece che con quello misto  (…)

(…)  I numeri riguardanti gli anni scorsi testimoniano che l’attrattività per l’opzione donna è cresciuta di pari passo con l’incremento dell’età minima (o dei contributi) per accedere alla pensione; in particolare dal 2012, quando (…) è stata cancellata la pensione di anzianità (...)

La legge di stabilità (…) consente di utilizzare l’opzione anche alle [...]

Imu e Tasi, sanatoria sulle delibere tardive nel Dl salva-Regioni

ottobre 29, 2015

È saltata, per ora, la sanatoria delle delibere sui tributi comunali approvate dopo il 30 luglio 2015.

(…) nella mattinata di ieri (…) il presidente del Senato ha stralciato la norma dalla conversione in legge del decreto voluntary (…).

A decidere la validità o meno delle delibere è la data di approvazione in consiglio (…) che non deve essere successiva al 30 luglio, con l’eccezione dei comuni siciliani che hanno avuto tempo per i preventivi fino al 30 settembre (…).

(…) si studia ora la possibilità di inserire la sanatoria nel decreto salva-regioni che nei prossimi giorni il governo dovrebbe varare per consentire il ripiano in 30 anni dei disavanzi creati dall’errata gestione delle anticipazioni di liquidità (problema che interessa anche molti Comuni, come certificato dalla Corte dei conti).

(…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 45) 

Province, mancano 500 milioni

ottobre 29, 2015

Il dibattito sulla manovra per gli enti locali comincia a scaldarsi sui vincoli al turn over (…)

Il problema delle Province si incrocia con l'altra critica mossa dai sindaci alla manovra (…) sul turn over permettendo l'anno prossimo di destinare a nuove assunzioni solo il 25% dei risparmi prodotti dalle uscite di quest'anno. Questa regola si incrocia in modo ancora oscuro con l'ampliamento all'80% previsto per Regioni e Comuni «al solo scopo di perfezionare il processo di mobilità degli ex provinciali», ma è la filosofia stessa dell'intervento a non piacere agli amministratori locali (…) L'ostacolo è particolarmente alto per i piccoli Comuni (…)  ma dalla centralizzazione degli acquisti agli oneri amministrativi, i sindaci chiedono una revisione a tutto campo (…).
Sul (…) nuovo pareggio di bilancio “temperato” che (…) potrebbe sbloccare circa 2,2 miliardi di avanzi di bilancio accordo pieno tra il Governo e Anci (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 7)

 

Modello F24: on line si possono correggere gli errori

ottobre 28, 2015ottobre 28, 2015

L'Agenzia delle Entrate comunica che, a partire dal 26 ottobre 2015, se un contribuente si accorge di aver commesso un errore pagando le imposte con il modello di versamento F24, può modificarlo direttamente online, inviando una richiesta tramite il canale Civis.

Cosa è Civis -  E’ il canale telematico di assistenza dell’Agenzia delle Entrate. Il canale fornisce assistenza sulle comunicazioni di irregolarità, sugli avvisi telematici e sulle cartelle di pagamento e, inoltre, consente la presentazione dei documenti per il controllo formale (…)

Leggi l’articolo

Leggi il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate

Dipendenti pubblici. Il legale non paga per l’Albo

ottobre 28, 2015

Dipendenti pubblici. Due le condizioni: elenco speciale e rapporto subordinato

La Ragioneria generale dello Stato ha emesso un parere sulla competenza a pagare l'iscrizione dei dipendenti pubblici agli albi professionali.  (…) con il documento protocollato 44151/15 in risposta a una specifica richiesta di un comune, vengono forniti i chiarimenti operativi per gli enti locali.

Affinchè i costi della tassa di iscrizione all'albo degli avvocati possano gravare sull'ente pubblico (…) sono necessarie due contemporanee condizioni. (…) il carattere obbligatorio dell'iscrizione e l’esclusività dell'esercizio dell'attività professionale in regime di subordinazione, in cui l'ente locale è l'unico soggetto beneficiario dei risultati di detta attività.
Il parere si occupa anche di altre categorie di dipendenti: ingegneri, architetti, geometri, assistenti sociali (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore- Norme e tributi-  pag. 41)

 

Pensioni e contante, ipotesi mini-ritocchi

ottobre 28, 2015

La partita parlamentare sui ritocchi alla legge di Stabilità è già cominciata. E un restyling (…) si profila sulle (…) pensioni. Con altre due incognite: pubblico impiego e finanza locale, oltre al fisco. Soprattutto su un recupero del prestito previdenziale (ieri il ministro Poletti ha confermato che la flessibilità in uscita si farà nel 2016) …   

 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 5)

Boeri: la riforma serviva subito, era possibile farla nel 2015

ottobre 27, 2015ottobre 27, 2015

La partita sulle pensioni non si è ancora chiusa. (…) si sta cominciando a valutare l’ipotesi di recuperare il prestito previdenziale per arricchire il capitolo pensioni della manovra. In ogni caso un piano organico sulla flessibilità in uscita non dovrebbe arrivare.

Il Presidente INPS (…) sottolinea: «È davvero molto importante fare la riforma, non solo per la flessibilità in uscita» ma anche «per il ricambio all’interno della pubblica amministrazione» soprattutto «per la ricongiunzione delle carriere discontinue (…)».
(…) il presidente osserva che un intervento che va nella direzione «di un’uscita flessibile comporta inizialmente dei disavanzi più ampi ma poi, nel corso del tempo, (…) porterà a disavanzi limitati».

 

(Il Sole 24 ore – pag. 11)

 

In Regioni e Comuni turn over salva-esuberi

ottobre 25, 2015ottobre 25, 2015

(…) l’ultima versione della manovra allarga le maglie del turn over negli enti territoriali, ma «al solo fine di definire il processo di mobilità del personale degli enti di area vasta». Per portare a casa questo obiettivo, la percentuale dei risparmi da cessazioni che si può riutilizzare per nuovi ingressi sale all’80% nel 2016 e 2017 (…)

Turn over del personale

(…) per Regioni ed enti locali viene mantenuto il turn over all’80%, ma «al solo scopo di definire il processo di mobilità» degli esuberi delle Province (…)

Rinnovo dei contratti

(…) Regioni ed enti locali dovranno trovare  … i fondi nei propri bilanci.
Riforma dei comparti
Viene cancellata la norma, presente nelle prime bozze, che permetteva di erogare gli aumenti anche prima di attuare i rinnovi contrattuali veri e propri. Di conseguenza diventa indispensabile riavviare i tavoli negoziali per la [...]

Sentenza del Consiglio di Stato – Inquadramento in qualifica superiore

ottobre 25, 2015

Inquadramento del dipendente pubblico in una qualifica superiore: il calcolo degli interessi e della rivalutazione monetaria sulle differenze retributive

La Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 23.10.2015 n. 4888 ha affermato che "nelle ipotesi di ricostruzione di carriera a seguito dell'inquadramento del dipendente pubblico in una qualifica superiore, gli interessi legali e la rivalutazione monetaria sulle differenze retributive tardivamente corrisposte dall'Amministrazione decorrono dalla data del provvedimento, con il quale, a seguito del disposto reinquadramento, sorge il diritto di credito del dipendente ( C.d.S., sezione III, n. 4854 del 13.9.2012). Sulle differenze retributive, dunque, sono dovuti, sino al soddisfo, gli interessi legali e la rivalutazione monetaria (fermo naturalmente restando il divieto di [...]

Revisione Enti locali, «apertura» del governo

ottobre 24, 2015ottobre 24, 2015

(…) il sottosegretario all’Interno, nel corso di un convegno tenutosi a Perugia (…) si è detto d’accordo sull’idea … di apportare modifiche al Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 267/2000), nonché alle disposizioni di legge a esso collegate. Le proposte … riguardano i revisori nelle unioni di Comuni, la loro estrazione a sorte, il revisore alla prima esperienza, il divieto di ulteriore incarico e i compensi.

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 17)

 

Omissione di atti d’ufficio: quando il silenzio della P.A. è reato

ottobre 24, 2015

Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

(…) La fattispecie di cui all'art. 328, comma 2, c.p.* incrimina non tanto l'omissione dell'atto richiesto, quanto la mancata indicazione delle ragioni del ritardo entro i trenta giorni dall'istanza di chi vi abbia interesse. (…)

 Leggi l’articolo

Nella Pa 300 milioni in più ma blocco degli «accessori». Nuove incognite

ottobre 23, 2015

(…) Il nodo più intricato è rappresentato dal congelamento delle risorse per il trattamento accessorio (…) che nelle ultime versioni della bozza di manovra ha sostituito il taglio del 10% alle retribuzioni di risultato dei dirigenti. Il punto è proprio questo: se non si possono toccare le risorse dei trattamenti accessori, gli aumenti, piccoli o grandi che siano, devono finire tutti sul tabellare? (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 49)

Leggi anche l’articolo in “Enti locali e Pa” – Dal blocco dei fondi «accessori» nuove incognite sul rinnovo dei contratti pubblici

Entro lunedì l’«integrativo»

ottobre 23, 2015

Riservato ai contribuenti che, con il 730 integrativo,  hanno un minor debito d’imposta o un credito d’imposta.

In caso di correzioni che darebbero vita a un minor credito o a un debito d’imposta, invece, è necessario presentare il modello Unico.

Lunedì scade il termine per il 730 integrativo (…).  Chi, per esempio, ha dimenticato di inserire nel 730 le spese sostenute per assicurazioni, contributi alle colf, cure mediche, farmaci, lavori in casa e acquisti di mobili ed elettrodomestici relativi al 2014 potrà intervenire (…).

L’invio del modello integrativo presuppone l’intervento di un intermediario anche per chi ha presentato il 730 precompilato (…).
Cambiare la precompilata fa automaticamente perdere il beneficio dell’esenzione dei controlli formali che spetta a chi ha accettato il modello preparato dall’agenzia delle Entrate (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 49)

Reati fiscali. Le regole più restrittive della riforma in vigore da oggi

ottobre 22, 2015

Per l’omissione del 770 sanzioni già da quest’anno.

Da oggi entrano in vigore i nuovi reati di omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta e di indebita compensazione di crediti inesistenti.

Omissione del 770
Il decreto introduce il reato di omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta (reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni) che scatta a condizione che l’ammontare delle ritenute non versate risulti superiore a 50mila euro (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 50)

Nuovi interpelli con silenzio-assenso

ottobre 22, 2015

La mancata risposta determina, in tutti i casi, un effetto di condivisione dell’amministrazione

Dal 1° gennaio 2016 entreranno in vigore le nuove regole in materia di interpelli contenute nel decreto legislativo 156/2015,  attuativo della legge delega fiscale 23/2014 (…)

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore dovranno essere emanati appositi provvedimenti dei direttori delle Agenzie fiscali che stabiliranno le regole più strettamente procedurali, quali le modalità di presentazione delle istanze, gli uffici a cui trasmetterle e quelli da cui proverranno le risposte, con le relative modalità di comunicazione (…).

L’articolo esegue un’analisi della “Fase transitoria” cioè delle disposizioni procedurali da applicarsi alle  istanze di interpello presentate prima dell’emanazione dei provvedimenti direttoriali, dei “benefici” derivanti dalla riforma, del profilo del [...]

Pa, salta il taglio in busta ai dirigenti

ottobre 22, 2015

Saltano i tagli di stipendio per i dirigenti statali (…) e si trasformano in un congelamento dei fondi per il «trattamento accessorio» a tutti i livelli, dirigenziali e non; una misura, quest’ultima, che pone nuovi interrogativi sulle modalità del rinnovo dei contratti nel pubblico impiego (…)

Nel nuovo testo crolla al 25% il turn over, sia nello Stato sia negli enti territoriali (…).

I risparmi, nel nuovo testo, dovrebbero arrivare soprattutto da due misure: la possibilità per Pa centrale, enti di ricerca e amministrazioni territoriali di dedicare a nuove assunzioni solo il 25% dei risparmi prodotti dalle uscite di quest’anno, invece (…) dell’80% per gli enti territoriali. Su tutte queste cifre pesa il riordino di Province e Città metropolitane, con la mobilità del personale che viene «fatta salva» ma che ora occupa una larghissima parte degli spazi assunzionali (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 6)

Precompilata con sempre più dati

ottobre 21, 2015ottobre 21, 2015

(…) Il 730 precompilat0 2016 si preannuncia più ricco di dati (…).  La bozza di Ddl di Stabilità apre la strada alla comunicazione delle spese universitarie e delle spese funebri cercando di risolvere nel primo caso, il problema degli importi da detrarre per gli atenei privati (…). A questo si aggiungeranno anche le quote versate per la pensione complementare che sarebbero dovute arrivare già lo scorso anno (…) così come dovrebbe essere “completa” l’informazione relativa alle spese per risparmio energetico e per lavori in casa (…).

 

(…) la partita più importante si gioca sulle spese sanitarie.

 

Sono allo studio soluzioni per migliorare la qualità delle informazioni cioè l’affidabilità dei dati a cui attinge il 730 precompilato.

 

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 40)

Lavoro part time nei tre anni prima dell’assegno di vecchiaia

ottobre 21, 2015

Il Ddl stabilità prevede la possibilità  per i lavoratori dipendenti del settore privato (…),  assunti a tempo pieno e indeterminato e che maturano entro il 31 dicembre 2018 il requisito per la pensione di vecchiaia,  di effettuare un'uscita morbida dal mondo del lavoro con una riduzione dell'orario di lavoro  (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 43)

Ritorna la perequazione “Letta” se mancano i fondi

ottobre 21, 2015

La legge di Stabilità potrebbe prorogare l’applicazione del meccanismo di rivalutazione automatica delle pensioni introdotta dal governo Letta a fine 2013 che prevedeva l’attribuzione della rivalutazione delle pensioni con un importo secco, sulla base dell’importo complessivo dei trattamenti pensionistici percepiti (...)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 43)

Esodati. Settima salvaguardia

ottobre 21, 2015

Le categorie coinvolte sono gli autorizzati alla contribuzione volontaria, gli esodati veri e propri, i licenziati, chi dopo un contratto a termine non ha più trovato un impiego stabile e i lavoratori in mobilità o beneficiari dello specifico trattamento per il settore edile (...)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 42)

Opzione-contributivo con età e contributi entro il 2015

ottobre 21, 2015

Il disegno di legge Stabilità sembra mettere fine alla questione relativa alle cosiddette donne optanti. Infatti, salvi gli adeguamenti legati alla speranza di vita registrati nel triennio 2013/2015, sono ammesse al regime sperimentale anche coloro che raggiungeranno il requisito anagrafico e contributivo entro il 31 dicembre 2015 (non la decorrenza) e che, a causa dell’applicazione della finestra mobile, potrebbero riscuotere il primo assegno pensionistico oltre tale data (...)

L’articolo prosegue ripercorrendo le principali tappe dell’  “opzione donna”

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 42)

Cantiere pensioni. Interventi limitati per la flessibilità

ottobre 21, 2015

Nessun intervento di ampia portata in ambito previdenziale per aumentare la flessibilità del pensionamento. Per evitare di complicare ulteriormente la situazione e compiere errori, il governo alla fine ha preferito rimandare tutto al (prossimo) futuro (…)

Per quanto riguarda la flessibilità il Ddl introduce comunque la possibilità, per i lavoratori del settore privato (iscritti all’Ago e Fondi sostitutivi),  di ridurre l’orario di lavoro con l’approssimarsi della maturazione dei requisiti minimi di vecchiaia (…)

Ulteriore intervento tampone per i professionisti iscritti in maniera esclusiva alla gestione separata dell’Inps: anche nel 2016 l’aliquota contributiva sarà del 27% invece di crescere come stabilito dalla legge 92/2012 (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 42)

INPS – Boeri sulla “Stabilità” solo interventi parziali

ottobre 21, 2015

Sarebbe stato «importante» con la manovra per il 2016 «fare l’ultima riforma delle pensioni». Invece in legge di Stabilità si annunciano solo «interventi selettivi e parziali, che creano asimmetrie di trattamento». E c’è da temere che «in assenza di correttivi, daranno spinta a ulteriori misure parziali che sono tra l’altro molto costose».
Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, coglie l’occasione della giornata di presentazione del Bilancio sociale Inps per (…)

 

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 4)

Co.co.co-dipendenti per il Fisco

ottobre 20, 2015

Si segnala la tabella “Il confronto” riportata a fianco dell’articolo e che riguarda le caratteristiche, il trattamento contributivo e fiscale delle diverse tipologie di collaborazione. 

 

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi  pag. 43)

 

Precompilata in arrivo 220 mila lettere

ottobre 20, 2015

Alert per regolarizzare la posizione a chi non ha inviato la dichiarazione dei redditi nel 2015.

In arrivo dall’Agenzia delle Entrate circa 220mila lettere destinate ai contribuenti per i quali l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione il 730 precompilato ma che non risultano aver presentato né il modello 730 né il modello Unico.

La selezione dei destinatari è stata eseguita in modo mirato (…).  Per rimediare gli interessati dovranno  (…) presentare la denuncia dei redditi (…) versando  le imposte dovute, le sanzioni che entro il 29 dicembre sono ridotte e gli interessi.

La bozza del Ddl di Stabilità allarga il numero dei dati e mette in cantiere controlli preventivi sui 730 precompilati che saranno modificati direttamente o tramite sostituto d’imposta.

Completa l’articolo il fac-simile della lettera dell’Agenzia delle Entrate

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi  pag. 39)

Leggi l’articolo

Pa. Gli effetti sugli stipendi delle riduzioni previste nella legge di stabilità

ottobre 20, 2015

Fra le notizie in arrivo dai vari testi della manovra quella riguardante i vertici della pubblica amministrazione che prevede una cura con più ingredienti: il più diretto è il taglio secco del 10% ai fondi per le «retribuzioni di risultato» (…)

Le retribuzioni medie dei dirigenti pubblici, per comparto,  sono censite periodicamente dall’Aran.

La tabella che integra l’articolo pone in evidenza gli stipendi medi dei dirigenti pubblici per comparto e i possibili effetti dei tagli 10% delle retribuzioni di risultato annuali e mensili elaborati dal Sole 24 ore in base ai dati Aran.

 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 4)

 

Per il Tfr conta il periodo di lavoro fino alla sentenza

ottobre 19, 2015ottobre 19, 2015

Il coniuge divorziato, oltre a poter godere della pensione di reversibilità maturata dal suo ex o di una sua quota, ha diritto – in base all’articolo 12 bis della legge 898/70 – ad una percentuale dell’indennità di fine rapporto percepita dal consorte all’atto della cessazione del rapporto di lavoro (…)

 

L’articolo riporta i requisiti e la procedura per ottenere la quota del trattamento di fine rapporto da parte dell’ex-coniuge.

 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 35)

 

La reversibilità scatta se il coniuge superstite è stato titolare di un assegno giurisdizionalmente riconosciuto.

ottobre 19, 2015

L’articolo esegue un’analisi riguardante il diritto al trattamento di reversibilità nei casi di: a) divorziato non  risposato; b) divorziato che ha contratto secondo matrimonio.

Lo studio è stato condotto in base all’articolo 9 della legge sul divorzio n. 898/1970, alle sentenze della Corte di Cassazione (in particolare n. 9660/2013, n. 5136/2014, n. 6019/2014), alle pronunce delle Corte costituzionale (sentenza n. 419/1999) e alla recente sentenza del Tribunale di Roma n. 58/2015.

 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 35)

Leggi l’articolo

Più difficile assumere. Turn-over al 40%

ottobre 18, 2015ottobre 18, 2015

Fissata una nuova percentuale del turn-over che questa volta riguarda sia la Pa centrale sia quella locale. Arrivano i tagli alle buste paga dei dirigenti.

 

La ricollocazione degli ex provinciali prova a dribblare i vincoli

Nei vertici degli uffici la cura degli stipendi colpisce per primi i premi di risultato

Il revisore decade se non è certificato il ripetto dei vincoli di finanza pubblica

 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 9)

 

Semplificazione. Anche le spese universitarie verso il 730 precompilato

ottobre 18, 2015

Il Ddl di stabilità prepara la strada all’arrivo di nuovi dati nel 730 precompilato. Anche le spese funebri per i familiari estinti e le spese per l’iscrizione all’università dei figli sono destinate a essere inserite nella dichiarazione dei redditi predisposta dall’agenzia delle Entrate.

Per le spese universitarie (…) la Stabilità interviene sul parametro di riferimento che sarà rappresentato dagli importi definiti per ogni facoltà dal decreto del Miur da emanare ogni anno entro il 31 dicembre, tenendo conto per gli atenei privati «degli importi medi delle tasse e contributi dovuti alle università statali».

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 6)

Pensioni, no tax area estesa dal 2017. Opzione donna

ottobre 17, 2015ottobre 17, 2015

L’estensione della no tax area per i pensionati con reddito fino a 7.500 euro verrà estesa a 8mila euro dal 2017, a meno che non si riescano a trovare spazi per anticiparla (…).

 

La conferma fino a fine anno dell’«opzione donna», ovvero la possibilità di uscita anticipata per le lavoratrici con 58 anni e 35 di contributi, è accompagnata da una clausola di salvaguardia (…) che potrebbe essere utilizzata anche per finanziare «nuove misure di riduzione della pressione fiscale in favore dei pensionati» (…)

 

La bozza di legge di stabilità contiene anche una norma per accompagnare i lavoratori dipendenti privati più anziani al pensionamento in maniera attiva (…)

 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag.5)

INPS – Modalità operative gestione entrate enti pubblici

ottobre 16, 2015ottobre 16, 2015

L’ INPS ha pubblicato la circolare 16.01.2015, n. 171 “Procedure e modalità operative per la gestione delle entrate contributive dei datori di lavoro dipendenti pubblici”

Tramite questa circolare l’INPS rende noto che è stato realizzato un nuovo ECA (Estratto conto amministrazione)  con l’obiettivo di  verificare compiutamente la correttezza degli adempimenti contributivi, procedere alla sistemazione dei versamenti anomali, evidenziare le partite a credito dell’Istituto e di attivare la fase di recupero coattivo dei crediti fino alla trasmissione all’ “Agente della riscossione” (…)

Leggi la circolare

Sanzioni in materia di lavoro e legislazione sociale: le indicazioni operative

ottobre 16, 2015

La circolare del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali n. 26/2015,  riguardante gli illeciti in materia di lavoro nero, di Libro unico del lavoro, di prospetti paga e di assegni per il nucleo familiare  emanata in relazione alle modifiche apportate dal D. Lgs. 151/2015 (D. Lgs. attuativo del Jobs act),  fornisce le prime indicazioni operative necessarie per una corretta applicazione delle nuove disposizioni.

Leggi l’articolo

Leggi la circolare

No tax area pensionati fino a 8mila euro. Opzione donna fino al 31 dicembre

ottobre 16, 2015

No tax area pensionati fino a 8mila euro. Opzione donna fino al 31 dicembre

Gli interventi riguardano: no tax area per i pensionati, opzione donna, settima salvaguardia per gli esodati e, per i soli dipendenti del settore privato il  part-time incentivato per gli over 63

No tax area per i pensionati

Aumenta la “no tax area” per i pensionati  (soglia di reddito entro la quale non si versa l’IRPEF).
Pensionati di età fino a 75 anni:  la no tax area  aumenta da € 7.500,00 a € 7.750,00=
Pensionati di età superiore a 75 anni:  la no tax area  aumenta da € 7.750,00 a € 8.000,00= 

Opzione donna
Emerge la possibilità di ritiro anticipato con 58 anni e 35 di versamenti per lavoratrici che maturino il requisito entro il 2016. Per questo anticipo  scatta il ricalcolo contributivo integrale del trattamento previdenziale.

Part time incentivato ai lavoratori del settore privato

I lavoratori [...]

Gestione del registro giornaliero di protocollo

ottobre 15, 2015ottobre 15, 2015

Disponibili sul sito istituzionale di AgID le Istruzioni per la produzione e conservazione del registro giornaliero di protocollo, che contengono le disposizioni sulla produzione e la trasmissione del registro in conformità alla normativa vigente.

Leggi l’articolo

Lavoro a metà per 3 anni poi la pensione

ottobre 15, 2015

(…) in vista delle norme in fase di definizione sulla flessibilità previdenziale annunciate per i prossimi mesi

(…) sono confermati gli altri interventi previdenziali per ”opzione donna” e per gli esodati.

 

Per il solo settore privato accesso all’orario ridotto in base a un accordo lavoratore-datore di lavoro che verserà in busta paga l’intera contribuzione netta che avrebbe destinato all’Inps in caso di orario pieno con garanzia della copertura figurativa al cento per cento assicurata dalla fiscalità generale.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 3)

Part-time agevolato per gli over 63 solo lavoratori privati

ottobre 15, 2015

Part-time (di almeno 50%) con contribuzione piena negli ultimi 3 anni di contratto per gli over 63.

Per le pensioni flessibili bisognerà aspettare il 2016 ma in stabilità dovrebbe entrare una misura di «invecchiamento attivo» che consente l’accesso al lavoro part-time ai lavoratori con soli tre anni di distanza dai requisiti di pensionamento.

La misura riguarda solo i lavoratori del settore privato.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 3)

Leggi l’articolo

Leggi l’articolo

Leggi l’articolo

Più risorse in Stabilità poi i nuovi comparti

ottobre 14, 2015ottobre 14, 2015

Ieri pomeriggio il primo vertice sindacale in Aran

Oltre alla definizione dei quattro nuovi comparti di contrattazione devono essere definite anche le modalità applicative della riforma Brunetta (Dlgs 150/2009),  che prevede la destinazione di una quota prevalente del trattamento accessorio alle performance individuali di ogni dipendente su tre fasce di merito (…)

Bisogna aspettare la stabilità per capire quali saranno le risorse messe a bilancio.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 5)

Confermata in manovra l’opzione-donna

ottobre 13, 2015

Con la decisione del presidente del Consiglio di rinviare al 2016 le misure per la flessibilità del pensionamento, in legge di Stabilità il capitolo previdenza è sostanzialmente a due voci: l’ultima salvaguardia per i lavoratori esodati non coperti dai sei interventi varati dal 2012 a oggi e la cosiddetta “opzione donna” (...)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag.  8)

Tutte le misure in arrivo. Ultima salvaguardia e opzione-donna

ottobre 13, 2015

Nella manovra non ci sarà la flessibilità in uscita per le pensioni.  I costi non sono compatibili con le risorse disponibili  (…)  il Governo rinvia  l’intervento al 2016. Il capitolo previdenziale sarà limitato alla salvaguardia di altri 26mila esodati e all’opzione donna.

Garantita la copertura strutturale dell’operazione indicizzazione dopo la pronuncia della Consulta.

Riapertura della contrattazione nel pubblico impiego: nel 2016 saranno disponili 300-440 milioni.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 7)

 

Statali, 4 ostacoli sul rinnovo dei contratti

ottobre 12, 2015

Per riavviare le trattative bisogna decidere comparti, risorse, meritocrazia ed effetto 80 euro

Domani pomeriggio prima riunione all’Aran per discutere sulla «riduzione dei comparti».

Questo è Il tema più urgente da affrontare prima di avviare qualsiasi trattativa. (…).  Il 1° ottobre, il ministro della Pa, Marianna Madia, ha scritto all’Aran ricordando che «per rendere possibile la formale riapertura della contrattazione» è necessario «dare tempestiva attuazione» alla nuova geografia dei comparti, anche «valutando la percorribilità di soluzioni innovative» per «giungere presto a un’intesa» con i sindacati.

Un primo comparto dovrebbe riunire tutte le amministrazioni statali, dai ministeri alle agenzie fiscali fino a Inps, Aci e agli altri enti pubblici; un altro per le Regioni e sanità; un terzo nel quale rimarrebbero gli enti locali e un ultimo dedicato [...]

Estratto conto dipendenti pubblici

ottobre 10, 2015ottobre 10, 2015

Messaggio 9.10.2015, n. 6260 “Estratto Conto Dipendenti Pubblici – Invio delle comunicazioni personali al secondo contingente di iscritti alla Cassa Dipendenti Enti Locali a completamento del Lotto1”

L’INPS comunica che sta per inviare l’ Estratto Conto Informativo agli iscritti della Gestione Dipendenti Pubblici non coinvolti nella prima fase.

Leggi il messaggio

 

Leggi l’articolo

Per le Pa obbligo di conservazione del “protocollo”

ottobre 10, 2015

Entro il giorno successivo alla sua formazione il registro deve essere inviato al sistema di conservazione.

Dall’ 11 ottobre scatta l’obbligo di invio in conservazione a norma del registro giornaliero di protocollo: termina infatti il periodo di 18 mesi concesso alle pubbliche amministrazioni per adeguare i propri sistemi di gestione informatica dei documenti alle regole tecniche per il protocollo informatico dettate dal Dpcm del 3 dicembre 2013 (…)

(Fonte “il sole 24 ore  – pag. 16)

Leggi il DPCM

Pensione, perde quota il prestito previdenziale

ottobre 9, 2015ottobre 9, 2015

Previdenza. Boeri: no a interventi parziali - Cresce l’ipotesi di un ddl collegato

Pensioni, perde quota il prestito previdenziale

Le carriere lavorative brevi e incerte delle donne generano assegni pensionistici più leggeri di quelli degli uomini. È la dura legge del sistema contributivo (…)

 (…)  le risoluzioni di maggioranza impegnano il governo … a introdurre in legge di Stabilità forme di flessibilità in uscita per le pensioni che siano più leggere di quelle già in vigore (…). In campo le ipotesi di una flessibilità generalizzata con penalizzazioni dai 63 anni in poi con 35 di contributi oppure forme ampliate di prestito pensionistico con contributi aziendali ai lavoratori in uscita. Ipotesi quest’ultima che ieri il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha indirettamente criticato (…)  è molto probabile che la misura finisca in un disegno di legge collegato alla manovra

(Fonte Il Sole 24 ore pag. 10)

 Leggi l’articolo pubblicato da  Il Sole 24 ore con la risposta di Boeri

Coefficiente di capitalizzazione per rivalutazione montante contributivo 2016

ottobre 8, 2015ottobre 8, 2015

Circolare 07.10.2015, n. 167Modifiche ai criteri di determinazione del coefficiente di capitalizzazione del montante contributivo. Articolo 5 del decreto legge 21 maggio 2015, n. 65”.

Nella circolare l’INPS illustra i nuovi criteri di determinazione del coefficiente di capitalizzazione del montante utile per quantificare le pensioni o le quote di pensione da calcolare con il sistema contributivo.

Leggi la circolare

L’Economia blocca le delibere in ritardo su Imu e addizionali

ottobre 8, 2015

Stop agli atti dopo il 30 luglio

Il ministero dell’Economia sblocca le delibere su tributi e tariffe approvate a partire dal 31 luglio e dà 10 giorni ai tanti Comuni interessati per ripristinare i vecchi parametri: le nuove decisioni potranno entrare in vigore solo dal 2016, quando però sul Fisco immobiliare cambierà tutto un’altra volta (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 52)

Sono legge gli ultimi decreti della delega fiscale

ottobre 8, 2015

Gli ultimi cinque decreti attuativi della delega fiscale sono stati pubblicati sulla G.U. n. 233 del 7.10.2015 – Supplemento ordinario n. 55 ed entreranno in vigore in 22 ottobre 2015.

Interpelli e contenzioso

  1. Lgs. 24 settembre 2015, n. 156  “Misure per la revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario, in attuazione degli articoli 6, comma 6, e 10, comma 1, lettere a) e b), della legge 11 marzo 2014, n. 23”.

Leggi il decreto attuativo

Agenzie fiscali

  1. Lgs. 24 settembre 2015, n. 157  Misure per la revisione della disciplina dell'organizzazione delle agenzie fiscali, in attuazione dell'articolo 9, comma 1, lettera h), della legge 11 marzo 2014, n. 23”.

Leggi il decreto attuativo

Sistema sanzionatorio

  1. Lgs. 24 settembre 2015, n. 158Revisione del sistema sanzionatorio, in attuazione dell'articolo 8, comma 1, [...]

Riforma dei reati tributari in vigore dal 22 ottobre

ottobre 8, 2015

Dal 22 ottobre entra in vigore il D. Lgs. 158/2015 riguardante il nuovo regime penale tributario; prevede soglie più alte per gli omessi versamenti, nuovo delitto di omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta, non punibilità per taluni reati se il debito tributario viene estinto prima dell’apertura del dibattimento (…)

Sono state introdotte due nuove fattispecie penali: l’omessa presentazione della dichiarazione del sostituto di imposta, che comporterà la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni e l’indebita compensazione di crediti inesistenti (reclusione da 18 mesi a 6 anni). Sia l’omissione del 770, sia la compensazione di crediti inesistenti scatteranno qualora l’ammontare rispettivamente delle ritenute non versate e della compensazione effettuata risulti superiore a 50mila euro (...)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag.50)

Pensioni, pressing della maggioranza

ottobre 8, 2015

Flessibilità in manovra, con la risoluzione sul Def i partiti insistono ma il pacchetto del governo è in bilico.

Il pacchetto pensioni sulla flessibilità in uscita resta in bilico. E con il trascorrere delle ore l’inserimento nella manovra soltanto delle misure su esodati, opzione donna e, eventualmente, disoccupati senior sta diventando qualcosa di più di una semplice ipotesi.

(…) la maggioranza chiede che nella manovra vengano previsti «elementi di flessibilità per quanto attiene all’età di accesso al pensionamento, anche attraverso l’introduzione di meccanismi di incentivazione e disincentivazione, che assicurino il riconoscimento di trattamenti pensionistici adeguati e non eccessivamente penalizzanti, in particolare nei casi di disoccupazione involontaria» (…)
(…) salvaguardia dei lavoratori esodati e riconoscimento dell’opzione donna «a tutte le lavoratrici che [...]

Doppio anticipo per la pensione

ottobre 7, 2015

Prestito con contributo aziendale  ai dipendenti e pubblico per i disoccupati senior

Il prestito pensionistico che i tecnici governativi stanno studiando come forma di flessibilità sostenibile per le finanze pubbliche potrebbe avere un doppio utilizzo. Il primo riguarda i lavoratori senior con un contratto in corso e che si trovano a tre o quattro anni dai requisiti di pensionamento di vecchiaia. Il secondo riguarda invece i disoccupati (…). Naturalmente siamo nel campo delle ipotesi, una delle «tante ipotesi» sul tavolo (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 6)

Lavoratori dipendenti residenti in altro Paese Ue – Deduzioni e detrazioni

ottobre 6, 2015ottobre 6, 2015

Sulla G.U. n. 231 del 05.10.2015 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Economia e Finanze  21 settembre 2015  “Attuazione del comma 3-bis dell'articolo 24  del  testo  unico  delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR)”.

Il Decreto interessa i sostituti d’imposta con lavoratori dipendenti e/o assimilati residenti in un altro Paese Ue o in uno degli Stati aderenti all’accordo sullo Spazio economico europeo che abbiano prodotto almeno il 75% del loro reddito complessivo nel nostro Paese.

I lavoratori per fruire degli oneri deducibili e delle detrazioni d’imposta (comprese quelle per carichi di famiglia, così come stabilito per i contribuenti residenti) devono presentare al loro datore di lavoro una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ove sia [...]

Fondo di solidarietà comunale

ottobre 6, 2015

Nella G.U.  n. 231, del 5 ottobre 2015, Suppl. Ordinario n. 54 - è stato pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 10 settembre 2015 riguardante il “Fondo di solidarietà comunale. Definizione e ripartizione delle risorse spettanti per l’anno 2015”. Il Decreto si compone di 9 articoli e due Allegati.

Leggi il decreto (si compone di 9 articoli e due Allegati)

Leggi l'articolo su il “Il Quotidiano della Pa”

Pensioni, rispunta il prestito aziendale

ottobre 6, 2015

Verso il rinvio del pacchetto flessibilità

L’ipotesi di una misura di flessibilità in uscita con penalizzazioni generalizzata per tutti i lavoratori con 63 anni e sette mesi a partire dal 2016 sta perdendo quota…

L’intervento è troppo oneroso  … e quindi si punterebbe su una più leggera forma di prestito pensionistico da garantire con il coinvolgimento delle imprese.  In legge di Stabilità potrebbe anche non entrare un pacchetto previdenziale ma solo nuove tutele per platee ristrette di esodati  e la garanzia per le donne con 58 anni e 35 di contributi di optare per l’uscita anticipata con penalizzazione del 3-3,5% l’anno…

Nel caso in cui il pacchetto flessibilità non entrasse più in manovra, come sembra più probabile in queste ultime ore, l’intervento potrebbe essere confezionato in un disegno di legge con un iter più lungo.

(Fonte Il sole 24 ore – pag. 8)

Province, mobilità in stallo e rischio dissesto

ottobre 5, 2015ottobre 5, 2015

Secondo il calendario ufficiale gli spostamenti si concluderanno in primavera.
Il decreto del Ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, pubblicato in G.U. il 30.09.2015, fissa il seguente calendario:
- 30 giorni alle Città metropolitane e alle province per indicare gli esuberi (dipendenti in eccedenza);
- 60 giorni a Regioni, Comuni e Pa centrali per comunicare le disponibilità;
- durante i 30 giorni successivi il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione verifica tutto il procedimento e comunica i dati e i risultati alle Amministrazioni;
- entro i 30 giorni successivi i dipendenti in via di spostamento esprimono la loro preferenza sulla destinazione
- nei 30 giorni successivi saranno eseguite le assegnazioni
- i dipendenti hanno a disposizione 30 giorni per spostarsi.

Completa l’articolo uno schema ove sono riportati i [...]

I vizi antichi del “cantiere pensioni”

ottobre 5, 2015

In vent’anni dalla Legge Dini ben 30 interventi ancora insufficienti
Gli interventi allo studio non risolvono le carenze che ancora gravano sul meccanismo del ritiro e degli importi.

(Fonte Il Sole 24 ore – Commenti e inchieste - pag. 10)

Nei Comuni assunzioni solo flessibili

ottobre 5, 2015

Poche alternative al blocco sostanziale fino alla ricollocazione degli ex provinciali.
Entro il 10 ottobre va acquisito il consenso dei distaccati ed entro il 15 vanno completate le mobilità volontarie.
Come è possibile gestire le funzioni e i servizi, in questa situazione di sostanziale blocco delle assunzioni che si protrae ormai da dieci mesi.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 32)

Il 730 dà la caccia agli ultimi sconti

ottobre 4, 2015ottobre 4, 2015

Dichiarazione integrativa entro il 26 ottobre per recuperare i bonus fiscali dimenticati a luglio

Entro il 26 ottobre i contribuenti possono presentare il 730 integrativo per inserire degli elementi (di solito oneri deducibili e detraibili) che producono un maggior credito o un minor debito oppure un’imposta pari a quella determinata con il modello originario. La dichiarazione integrativa può essere eseguita soltanto avvalendosi di un CAF o di un Professionista abilitato.
A fianco dell’articolo le indicazioni relative a “Come si possono correggere gli errori o integrare le mancanze del modello 730”. In particolare il 730 integrativo, rettificativo e i casi in cui, per le correzioni, è obbligatorio ricorrere ad Unico.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pagg. 1 e 3)

730 Più dati nella precompilata 2016

ottobre 4, 2015

Si lavora per aggiungere anche altre spese oltre a quelle sanitarie.

Nel 730 precompilato del 2016 potrebbero entrare anche altri sconti fiscali non inseriti quest’anno come rette universitarie, spese funebri, quote versate per la pensione integrativa ma anche spese sostenute per le ristrutturazioni della casa, per l’arredamento e gli elettrodomestici e per il risparmio energetico dal periodo d’imposta in cui è stato sostenuto. Mettere in piedi un’operazione del genere in pochi mesi potrebbe non essere semplice (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 3)

 

Pensioni, come unire i contributi

ottobre 3, 2015ottobre 3, 2015

A disposizione dei lavoratori riscatto, totalizzazione, cumulo e ricongiunzione.

Per contrastare l’incremento dei requisiti di uscita va valutato se e come valorizzare il maggior numero di anni.

Completa l’articolo lo schema intitolato “L’evoluzione dei requisiti per la pensione”.

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag.  7) 

Leggi l’articolo

Riforma fiscale – Gli interpelli

ottobre 2, 2015

Il parere impegna solo l’amministrazione finanziaria. Il contribuente è libero di non conformarsi.
 
I decreti attuativi della L. 23/2014 (delega fiscale) di recente approvati, distinguono 6 tipi di interpello (ordinario, probatorio, antiabuso, disapplicativo, nuovi investimenti e accordi preventivi per le imprese con attività internazionali). I primi 4 sono previsti dal D. Lgs. sul diritto di interpello ai sensi dell’art. 11 della L. 212/2012 (Statuto del contribuente) mentre gli ultimi 2 sono previsti nel D. Lgs. 147/2015.
I sostituti d’imposta che vogliono ottenere risposte dal fisco con effetti sicuri  dovranno inoltrare all’Agenzia delle Entrate un “interpello ordinario”  (…) completo di tutti i requisiti richiesti (…)


(Fonte il Sole 24 ore – Norme e tributi - pagg. 46 e 47)

Bilanci locali, pareggio con rinvio

ottobre 2, 2015

La norma relativa al pareggio di bilancio delle Regioni e degli enti locali a partire dal 1.1.2016  crea allarme per i gravi problemi  che ha sugli investimenti e, quindi, sulla ripresa appena avviata.
La fonte legislativa del pareggio di bilancio relativa alle Regioni e agli enti locali è la legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1 che,  per essere modificata, ha bisogno della maggioranza assoluta (…)
Sono allo studio misure alternative e indirette per raggiungere un risultato simile al rinvio, forse tramite un ulteriore provvedimento attuativo  (…)


(Fonte il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 45)

Pa, riparte la macchina dei rinnovi contrattuali

ottobre 2, 2015

Riparte ufficialmente l’iter che dovrebbe concludersi con  i rinnovi contrattuali del pubblico impiego. Il Ministro della Pa ha dato mandato ad Aran per ridisegnare i comparti pubblici (riduzione da 12 settori  a  4 aree: Stato, Regioni e Sanità,  enti locali e camere di commercio, scuola e università)
(Fonte il Sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 45)

Leggi l'articolo

Partita aperta sulle uscite flessibili

ottobre 2, 2015

Verso la possibilità di ritiro anticipato con penalizzazione.  Soluzione per gli esodati.
L’articolo descrive il piano d’azione del Governo che dovrebbe essere  inserito  nella legge di stabilità:  assegni tagliati per chi lascia con 63 anni e sette mesi di età anagrafica e 35 anni di contributi.
L’articolo si sofferma anche sull’ “opzione donna”.
(Fonte il Sole 24 ore – pag. 2)

PA inserite nel conto economico consolidato

settembre 30, 2015settembre 30, 2015

L’Istituto nazionale di statistica ha pubblicato sulla G.U. n. 227 del 30.09.2015 il seguente comunicato:
“Elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate ai sensi dell'articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196 e ss.mm. (Legge di contabilità e di finanza pubblica).

Leggi il comunicato

DECRETO 14.09.2015 – Mobilità

settembre 30, 2015

Pubblicato sulla G.U n. 227 del 30.09.2015 il Decreto ministeriale sulla mobilità“Criteri per la mobilità del   personale   dipendente   a   tempo indeterminato degli enti di area vasta dichiarato in soprannumero, della Croce rossa italiana, nonchè dei corpi e servizi di polizia provinciale per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale”

 Leggi il Decreto in Gazzetta Ufficiale

 

Certificazione unica: il carico delle sanzioni si fa meno gravoso

settembre 30, 2015

Modifica del sistema sanzionatorio art. 4, c. 6-quinquies del DPR 322/98

Il nuovo D. Lgs. sulle sanzioni introduce due attenuanti ai 100 euro previsti per le C.U. omesse, tardive o errate. Prima attenuante tetto massimo di 50mila euro per ogni sostituto d’imposta; seconda attenuante è l’introduzione della riduzione pari a 2/3 della sanzione con un massimo di € 20mila per sostituto nei casi in cui la certificazione sia inviata entro 60 giorni dal termine (Riduzione della sanzione € 66,66 per ogni certificazione)

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – Pag. 47)

Dipendenti delle Province, mobilità solo fra sei mesi

settembre 30, 2015

Il 29 settembre 2015 la Corte dei Conti ha registrato il decreto del “Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione” riguardante i criteri generali per la mobilità dei dipendenti pubblici che, con la sua pubblicazione in G.U., ha completato il quadro attuativo della riforma delle Province.(…).  

Entro 10 giorni acquisizione del consenso del personale in comando o in distacco a essere inquadrato nell’ente in cui già si trova.

Entro fine ottobre (…)  

(…) la maxi-mobilità collegata alla riforma ha bisogno di almeno altri sei mesi

Anche questo decreto prevede la salvaguardia del trattamento fondamentale e dell’accessorio solo per le voci «con carattere di generalità e natura fissa e continuativa» (…)

Il Sole conclude con la pubblicazione del calendario degli adempimenti attuativi previsto dal Decreto.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme [...]

Nella stabilità soluzione unica per pensioni flessibili ed esodati

settembre 30, 2015

La misura allo studio prevede un’età minima per l’anticipo fissata a 63 anni e qualche mese, ovvero non più di tre anni dall’età di vecchiaia valida dal 2016. Gli anni di contributo minimi restano 35 (… ) Ma c’è anche consapevolezza che con 35 anni di contributi la nuova flessibilità sarebbe soprattutto appannaggio degli uomini (…).

Il confronto è aperto anche sull’ “opzione donna” (...)

L’Inps: balzo dei pensionati trasferitisi all’estero, ora a quota 400mila.

(Fonte Il Sole 24 ore – Pag. 8)

Sull’argomento leggi anche l’articolo “Sono 400.000 le pensioni pagate all’estero” pubblicato su “Il Quotidiano della Pa”

Sanzioni: omessa e infedele dichiarazione

settembre 29, 2015

Il Sole illustra la riforma del sistema sanzionatorio tramite una “Guida pratica”

Dal 2017, se dalla dichiarazione omessa non risultano imposte dovute, la sanzione attualmente in vigore viene ridotta.

Sempre dal 2017, se la dichiarazione viene presentata entro il termine di presentazione    per quella dell’anno successivo (e comunque prima  dell’inizio di un controllo fiscale),  la sanzione base viene ridotta del  50%  (…)

(Fonte Il sole 24 ore – Norme e tributi - pagg. 46 e 47)

 

Opzione donna anche dopo il 2015

settembre 29, 2015

Possibile la richiesta nel 2016 se si matura il diritto entro quest’anno.

I requisiti anagrafici, contributivi e di finestra devono essere perfezionati in maniera tale che la prima decorrenza utile della pensione si collochi entro il 31 dicembre 2015 ma la lavoratrice potrà decidere di lasciare il lavoro  e di optare anche successivamente a tale data.

 (Fonte Il sole 24 ore – Norme e tributi - pag. 49)

 

Il nodo pensioni

settembre 29, 2015

Esodati e opzione donna bis: nella stabilità tutela certa per circa 20mila soggetti. Sulla flessibilità prime misure in manovra  o Ddl collegato

(Fonte Il sole 24 ore – pag. 4)

Pensioni, flessibilità non è a costo zero

settembre 27, 2015settembre 27, 2015

La “flessibilità” comporta dei costi  da coprire. Questo significa che le misure da inserire sulla legge di stabilità saranno valutate con estrema cautela (….)

Il Presidente di INPS ha detto che ci sono le condizioni per fare l’ultima riforma delle pensioni  (…)

Le misure: pensioni e ”esodati” (…)

(Fonte Il Sole 24 ore pag. 6)

Leggi l’articolo

Governo alla ricerca di mezzo miliardo sulla spesa passata

settembre 25, 2015

Martedì nuovo tavolo tecnico.  L’entità delle risorse da reperire per gli esodati non è ancora stata resa nota e sarà definita nei prossimi tavoli tecnici.

Per quanto riguarda la flessibiltà del sistema pensionistico il Presidente INPS si è espresso in questo senso: “Se si vuole introdurre maggiore flessibilità quanto al tempo di percezione della pensione dobbiamo porre requisiti di natura anagrafica e non contributiva: l’età deve essere il fattore che decide non l’anzianità contributiva”……

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag. 8)

 

Pensioni: in manovra esodati e flessibilità

settembre 25, 2015

Padoan in Parlamento: impegno nel rispetto dei saldi. Sarà affrontato anche il nodo donne

Per la salvaguardia degli esodati si procederà alla stesura di una norma che ne autorizzi la spesa.

Soluzioni allo studio anche sui temi dell’opzione donna (ritiro a 58 anni di età e 35 di anzianità) e della flessibità.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 8)

Cumulo pensione e redditi lavoro autonomo

settembre 24, 2015settembre 24, 2015

L’INPS ha pubblicato il messaggio 24.09.2015, n. 5901 per ricordare ai pensionati soggetti all’obbligo della dichiarazione dei  redditi di lavoro autonomo  che il 30 settembre scade il termine.

Il messaggio fornisce  ulteriori utili informazioni in materia.

 

Leggi il messaggio

Pubblicazione in G.U. dei 4 Decreti attuativi Jobs act

settembre 24, 2015

Nella Gazzetta Ufficiale n. 221 del 23 settembre 2015, Supplemento Ordinario n. 53, sono stati pubblicati i quattro Decreti attuativi del Jobs Act approvati dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 4 settembre scorso.

Tutti i Decreti entrano in vigore dal 24 settembre 2015, giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta. L’elenco è il seguente:

Pensioni basse, anticipo con penalità soft

settembre 24, 2015

In Parlamento questa mattina audizione dei Ministri Padoan e Poletti su “esodati” e “opzione-donna”

L’articolo si sofferma sui trattamenti pensionistici anticipati e sulle penalizzazioni. Ipotesi di un possibile annullamento delle penalità per i trattamenti inferiori al doppio del minimo.

Il cantiere è aperto … Martedì prossimo vertice tecnico sulle ultime simulazioni della Previdenza.

(Fonte Il Sole 24 ore –pag. 8)

Pensione anticipata, soglia a 63 anni

settembre 23, 2015

Nella legge di stabilità prime norme mirate ad alcune categorie o il prestito previdenziale
Il Governo sta valutando la possibilità di inserire nella legge di stabilità soltanto gli interventi  relativi ad alcune categorie precise (disoccupati  over 62 senza ammortizzatori sociali, donne con figli, futuri esodati).

Per un intervento organico sulle pensioni  in chiave di flessibilità  il Governo ritiene  opportuno ricorrere a un ddl collegato,  che permetta di valutare e reperire le risorse in tempi più lunghi e con margini più ampi. 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 12)
Vedi la notizia “Pensione anticipata, soglia a 63 anni con almeno 30-35 anni di contributi” anche al seguente link

 

Riduzione degli acconti da 730: da richiedere entro settembre

settembre 22, 2015settembre 22, 2015

Riduzione degli acconti da 730: da richiedere entro settembre

Lavoratori dipendenti e pensionati hanno tempo fino a mercoledì 30 settembre per modificare gli importi dovuti a novembre a titolo di anticipo delle imposte da pagare per il 2015.

Chi si rende conto di avere quest'anno redditi inferiori rispetto a quelli dichiarati per il 2014 oppure oneri deducibili o detraibili di ammontare rilevante, può chiedere di versare meno di quanto riportato nel prospetto di liquidazione (modello 730-3), manifestando in forma scritta la propria volontà al datore di lavoro o all'ente pensionistico entro la data indicata.

Leggi l’articolo

In pensione con taglio del 3-4%

settembre 22, 2015

In pensione con taglio del 3-4%

Anticipi per donne e disoccupati senior

Allo studio un anticipo con un taglio del 3-4% sull’assegni.

La nuova misura, che dovrebbe riguardare soltanto  donne e disoccupati, deve rispettare tre punti-paletto:

  1. l’entità massima dell’intervento non deve superare il miliardo
  2. l’anticipo non deve superare i 3-4 anni rispetto ai requisiti di vecchiaia;
  3. la penalizzazione non deve essere inferiore al 3-4% annuo per ogni anno di anticipo.

Allo studio una nuova opzione-donna con uscita anticipata dal lavoro a 62-63 anni e 35 anni di contributi; la nuova misura prevede  una penalizzazione annua e non più  il calcolo con sistema contributivo.
All’attenzione del Governo anche possibili misure per chi perde il lavoro a pochi anni dalla pensione.

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag. 7)

Dai diritti di rogito alle convenzioni: dal giudice gli stipendi dei segretari

settembre 21, 2015settembre 21, 2015

La deliberazione 21/2015 della Sezione autonomie locali della Corte dei Conti ha sciolto i contrasti interpretativi delle diverse sezioni regionali e ha  chiarito che i compensi per i diritti di rogito spettano soltanto ai Segretari comunali di fascia  C cioè a quelli non equiparati ai dirigenti.

L’articolo pone in rilievo alcuni problemi che scaturiscono dalla predetta deliberazione e pone in rilievo altri aspetti critici riguardanti gli stipendi dei segretari comunali.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 28)

 

Gli incroci con il 730. Anche la precompilata può richiedere la trasmissione di un Unico non previsto

settembre 21, 2015

L’articolo prende in considerazione le possibilità di trasmissione di un modello Unico in conseguenza di  un problema riguardante il Modello 730, precompilato o meno.

Si sofferma sulle possibilità di correzione del 730 che comportano:  A) un maggior credito o un minor debito oppure  un’imposta invariata; B)  un maggior debito o un minor credito; C) la possibilità di correggere un 730 errato  trasmesso dal CAF o da Professionista abilitato su cui è stato apposto  il visto di conformità.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 23)

Anticipo del pensionamento di 2-3 anni rispetto al requisito di vecchiaia …

settembre 20, 2015settembre 20, 2015

Mini intervento da un miliardo, obiettivo copertura senza deficit

I paletti fissati sono tre: anticipo non superiore a 2-3 anni rispetto al requisito anagrafico, penalizzazione non inferiore al  3-4% per ogni anno di anticipo e impatto spesa il più basso possibile.

L’articolo si sofferma con alcune riflessioni economiche sul problema della flessibilità e della sua soluzione contabile.

(Fonte Il Sole 24 ore - pag. 2)

Pensioni, si riapre la partita sulla flessibilità

settembre 20, 2015

Si riprende in considerazione  l’ipotesi dell’uscita anticipata dal lavoro con un assegno più basso. Il provvedimento è legato al problema delle risorse economiche e dei rapporti con l’UE che per il momento rendono improbabili l’intervento sulla legge di stabilità. Il Governo ha presente e rilancia il tema della flessibilità in uscita.

Probabile intervento nella Legge di stabilità sugli esodati.

(Fonte Il Sole 24 ore - pag. 2)

Per Piacenza dichiarazione dello “stato di emergenza”

settembre 18, 2015

Il Presidente del Consiglio afferma che nei prossimi giorni il Governo dichiarerà lo stato di emergenza con deroghe al patto di stabilità per i Comuni maggiormente colpiti e rinvio dei termini per le scadenze fiscali.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 15)

Attenzione quindi al contenuto del futuro provvedimento …

 

DPCM 26 giugno 2015 – Tabelle di equiparazione

settembre 17, 2015settembre 17, 2015

Definizione delle tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi ai diversi comparti di contrattazione del personale non dirigenziale

Sull’argomento vedi anche:

Province, primi passi per la mobilità

Clausola di salvaguardia solo per le  voci “fisse e continuative”.

Arriva in Gazzetta Ufficiale il decreto con le “tabelle di equiparazione” che serve a disciplinare la mobilità dei dipendenti pubblici tra i diversi comparti della Pa ed è quindi essenziale per attuare la riforma delle Province (…)

(Fonte Il Sole 24 ore del 18.09.2015 – Norme e tributi - pag. 45)

 

INPS – Risoluzione rapporto lavoro da parte Pa, liquidazione dopo 12 mesi .

settembre 17, 2015

INPS - Risoluzione rapporto lavoro da parte Pa, liquidazione dopo 12 mesi .

L’INPS con circolare n. 154 del 17.09.2015 ha precisato che,  la liquidazione del trattamento di fine servizio nei casi di risoluzioni unilaterali effettuate dalle Pa entro il 31.12.2017, sarà corrisposta entro 12 mesi dalla cessazione.

La circolare (relativa anche ad altri aspetti), è stata emanata in relazione alla possibilità delle Pa di provvedere al pensionamento dei loro dipendenti anche prima dei 62 anni di età, senza penalizzazioni, a condizione che abbiano perfezionato i requisiti di accesso per il pensionamento anticipato.

Leggi la circolare

Sull’argomento vedi anche:
a. Il Sole 24 ore del 18.09.2015 – Norme e tributi - pag. 45
b. Il Quotidiano della Pa

Leggi l’articolo

Certificazione unica, ultimo appello

settembre 14, 2015settembre 14, 2015

I sostituti devono spedire per il 21 settembre le Cu degli autonomi

La circolare Agenzia delle Entrate 26/E/2015 ha chiarito che il termine per l’invio delle certificazioni per attività di lavoro autonomo corrisposti ai titolari di partita IVA coincide con la scadenza prevista per la presentazione del modello 770 semplificato, quest’ultima prorogata al 21 settembre prossimo dal DPCM  28 luglio 2015 (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 26)

Per i Comuni non basta l’addio al patto di stabilità

settembre 12, 2015settembre 12, 2015

Pareggio di bilancio. Si lavora alla correzione delle nuove regole che scatterebbero da gennaio imponendo il rispetto di otto saldi diversi alle amministrazioni.
Le soluzioni alternative: possibili sanzioni soft per il mancato rispetto dei saldi meno importanti oppure rinvio dei nuovi vincoli (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore pag. 6)

Amministratori Locali ex art. 81 e 86 D.Lgs. 267/2000 iscritti alla Gest. separata INPGI – Adempimenti contributivi.

settembre 10, 2015settembre 10, 2015

L’INPGI ha emanato la circolare 09.09.2015, n. 6 che, per gli enti locali, assume rilievo nella parte dedicata agli adempimenti contributivi a carico degli enti con uno o più Amministratori art. 86 TUEL, iscritti alla Gestione separata INPGI che ricoprono la carica di   Amministratore Locale.
“(…) l'art. 86, secondo comma, TUEL può trovare applicazione solo quando il lavoratore autonomo che ricopre una delle cariche previste dal primo comma si astenga del tutto dall'attività lavorativa; circostanza che il lavoratore autonomo ha l'onere di comprovare rilasciando all'ente locale un'attestazione in cui dichiara la sospensione dell'attività in costanza di espletamento del mandato amministrativo, nonché notificando la medesima dichiarazione all'ente previdenziale.
Quando il giornalista per [...]

Equiparazione fra i livelli di inquadramento: adottato il DPCM che definisce le tabelle per favorire la mobilità

settembre 10, 2015

Il Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione ha pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 26 giugno 2015, riguardante la "Definizione delle tabelle di equiparazione fra i livelli di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi ai diversi comparti di contrattazione del personale non dirigenziale".
La finalità del DPCM è di favorire i processi di mobilità fra i comparti di contrattazione del personale non dirigenziale delle pubbliche amministrazioni e di individuare la corrispondenza fra i livelli economici di inquadramento previsti dai contratti collettivi relativi ai diversi comparti di contrattazione, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.
Il trattamento economico e previdenziale (per i casi di mobilità volontaria e [...]

Accesso alla pensione per esodati e opzione donna

settembre 10, 2015

Non esistono risorse per garantire una settima salvaguardia di lavoratori esodati (…) per permettere il raggiungimento dei nuovi requisiti di pensionamento introdotti dalla riforma del 2011 (…)

L’altro tema di discussione (...)  garantire l’esercizio dell’opzione donna fino alla fine del 2015 (…) anche qui un problema risorse (…)

I sindacati sono stati ascoltati in commissione Lavoro anche su (…) in vista del varo della legge di Stabilità. La richiesta - anche in questo caso pressoché unanime - è che si reperiscano le risorse necessarie per varare misure che permettano forme di pensionamento anticipato.

(Fonte Il Sole 24 ore pag. 6)

 Sull’argomento vedi anche “Il Quotidiano della Pa

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze e il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali stanno seguendo in prima persona le attività di valutazione delle [...]

Province, mobilità per 18mila con rischio blocco. In arrivo il decreto sui criteri generali.

settembre 9, 2015settembre 9, 2015

Enti locali. Dopo il decreto sugli spostamenti tra comparti in arrivo quello sui criteri generali, con l’opposizione dei sindacati.

Dopo il decreto sulla mobilità (…) che  aspetta  solo la pubblicazione in «Gazzetta Ufficiale», (…) è ora la volta del decreto sui criteri generali (…).
Il punto più delicato è stato confermato dalla versione definitiva del decreto di Palazzo Chigi con le «tabelle di equiparazione» … 

 

(Fonte  Il Sole 24 ore – pag. 9)

Infortunio “in itinere” con limiti.

settembre 8, 2015

Corte di Cassazione – Sezioni  unite – Sentenza  17685 depositata il 7/9/2015

Per ottenere il risarcimento deve essere presente un collegamento  con l’ “occasione lavoro” .

Le Sezioni unite civili risolvono un conflitto interno alla Corte che sinora aveva tenuto due diversi comportamenti  (…)

 

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 36)

Province, con la mobilità tagli agli stipendi

settembre 8, 2015

Il dipendente che si sposta in altro comparto mantiene la retribuzione superiore solo per le voci generali di natura fissa e continuativa

(Fonte Il Sole 24 ore pag. 4)

Pensioni, solo mini-interventi

settembre 8, 2015

Previdenza: per le donne possibile lo sblocco dell’opzione contributiva fino a dicembre

Possibili solo interventi a costo zero. Tra le ipotesi un disegno di legge cooelgato alla manovra ma senza misure immediate.

(Fonte Il Sole 24 ore pag. 4)

 

Delega fiscale – Via libera dal CdM ai 5 decreti attuativi della riforma

settembre 5, 2015

I cinque decreti legislativi approvati dal Consiglio dei Ministri, attuativi della delega fiscale  sono:

  1. Semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione (il decreto cerca di creare un sistema che possa favorire la compliance tramite norme che inducano i contribuenti a provvedere in modo spontaneo al pagamento delle imposte, prevedendo anche nuove modalità di rateizzazione temporalmente più estese);
  2. Riordino delle agenzie fiscali (riorganizzazione delle strutture delle agenzie fiscali in maniera funzionale al potenziamento dell'efficienza dell'azione amministrativa e della riduzione della spesa);
  3. Riforma del sistema sanzionatorio penale e amministrativo (il nuovo regime penale si applica dall’entrata in vigore del provvedimento mentre, il nuovo regime delle sanzioni amministrative, si applica dal 1° [...]

Jobs act completato – Varati gli ultimi 4 decreti attuativi

settembre 5, 2015

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva gli ultimi quattro decreti attuativi del Jobs Act:

  1. Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro.

Il decreto rende strutturali la NASpI per 24 mesi ed altre importanti misure di politica sociale come:
• le misure di conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro (tra le quali l’estensione del congedo parentale);
• l’assegno di disoccupazione (ASDI) per chi ha figli minori o per gli ultracinquantacinquenni che non trovano lavoro e hanno un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) inferiore a 5.000 euro all’anno;
• il fondo per le politiche attive del lavoro;

  1. Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di [...]

INPS Gestione separata. Emissione comunicazioni debitorie anno 2014

settembre 4, 2015settembre 4, 2015

INPS comunica di avere eseguito l’elaborazione dei dati dichiarati nel 2014 con UniEmens dalle aziende committenti, relativi ai compensi corrisposti agli iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26 della legge 335/1995 e di avere emesso le relative comunicazioni debitorie che comprendono:

  • l’omesso pagamento del contributo dovuto, sia totale che parziale, relativo ad ogni singolo periodo mensile;
  • le sanzioni civili calcolate sul contributo omesso e/o sul ritardato versamento totale o parziale, ai sensi dell’art. 116, comma 8 lett. a) e/o b), della legge 388/2000.

Leggi il messaggio

INAIL – Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1° luglio 2015. Limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi assicurativi

settembre 4, 2015

[...] Il decreto ministeriale 30 giugno 2015 rivaluta le prestazioni economiche erogate dall'Istituto nel settore industriale con decorrenza 1° luglio 2015 e stabilisce il minimale e il massimale di rendita nelle misure di € 16.195,20 e di € 30.076,80.[...]

Con circolare 03.09.2015, n. 72 l’INAIL  ha comunicato le retribuzioni convenzionali utili per il calcolo del premio assicurativo dei lavoratori ancorati al minimale e/o al massimale di rendita.

 Leggi circolare

Sull’argomento vedi anche
Assicurazione. I nuovi valori 2015. Fissate le retribuzioni convenzionali INAIL
(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 37)

Cantiere-manovra – Statali, ipotesi di rinnovo inferiore al miliardo. Anche per le pensioni flessibili impatto sotto il miliardo.

settembre 4, 2015

La partita sulla flessibilità in uscita delle pensioni dovrebbe valere meno di un miliardo. Le decisioni dell’esecutivo riguardanti le penalizzazioni dell’assegno nei confronti di chi anticiperà l’uscita saranno progressive e terranno conto della carriera contributiva; l’impatto sui conti pubblici dovrà essere contenuto (…)

 (Fonte Il Sole 24 ore - pag. 8)

Pubblico impiego. Inquadramenti contestazioni sprint

settembre 3, 2015settembre 3, 2015

Il Consiglio di Stato con la sentenza 11.08.2015, n. 3912 ha confermato l’orientamento giurisprudenziale sulla natura autoritativa dei provvedimenti di inquadramento. Nel caso in cui detti provvedimenti non vengano impugnati entro i termini, la posizione del dipendente è definitivamente consolidata.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e Tributi - pag. 35)

Leggi la sentenza 

Infortuni sul lavoro: no al caso fortuito se il fatto è prevedibile

settembre 2, 2015settembre 2, 2015

L’incidente in cui rimanga vittima il lavoratore (od anche un terzo, come nel caso di specie) dovuto a fatto imputabile al datore di lavoro perché prevedibile ……  esclude che possa configurarsi il caso fortuito, consistente in quell'avvenimento imprevisto e imprevedibile che si inserisce d'improvviso nell'azione del soggetto …Con la sentenza 10 agosto 2015, n. 34695, la Sezione IV Penale della Corte di Cassazione si sofferma sul tema della qualificazione del “caso fortuito”,  in quanto tale per legge causa di esonero della responsabilità del datore di lavoro, nella materia della prevenzione infortuni (…)

Leggi l'articolo

L'accadimento fortuito, per produrre il suo effetto di escludere la punibilità dell'agente - sul comportamento del quale viene ad incidere – deve  risultare totalmente svincolato sia dalla condotta del soggetto [...]

Lo slalom d’autunno (il pianeta pensioni è in fermento(…)

agosto 31, 2015agosto 31, 2015

Lo slalom d’autunno (il pianeta pensioni è in fermento(…)

Il pianeta pensioni è in fermento e le proposte in cantiere potrebbero tradursi in ulteriori interventi sui meccanismi previdenziali (…)  Tra le questioni sul tappeto la flessibilità in uscita sulle pensioni (tema che dovrebbe, però, essere affrontato da un Ddl ad hoc)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 2)

Riforme in corso: riordino in arrivo per 20mila interpelli

agosto 31, 2015

Riforme in corso: riordino in arrivo per 20mila interpelli

Fra le novità attese dal decreto che dovrà rinnovare la materia fiscale, dando attuazione alla delega di riforma, vi è il nuovo assetto del diritto di interpello con la riduzione delle tipologie a cinque. Resta l’interpello “ordinario” per acquisire, in via preventiva, il parere dell’Agenzia delle Entrate su  fatti o situazioni di interpretazione incerta.

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 5)

La riforma della Pa entra nel vivo, arriva il nuovo silenzio-assenso. La mappa delle riforme.

agosto 29, 2015agosto 29, 2015

La riforma della Pa entra nel vivo, arriva il nuovo silenzio-assenso. La mappa delle riforme. 

La L. 7.8.2015, n. 124 ”Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche” è stata pubblicata in G.U. il 13.08.2015 ed è entrata in vigore il 28.08.2015.

Da ieri sono divenuti applicabili alcuni provvedimenti fra i quali il silenzio-assenso fra le amministrazioni, i nuovi limiti sulla autotutela amministrativa, possibilità di affidare incarichi a pensionati a titolo gratuito e al massimo fino ad un anno. 

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 15)

Il cantiere-manovra. Verso un Ddl ad hoc per le uscite pensionistiche flessibili

agosto 27, 2015agosto 27, 2015

Il cantiere-manovra. Verso un Ddl ad hoc per le uscite pensionistiche flessibili

La partita sulla flessibilità in uscita delle pensioni  è aperta. Le idee sono ancora diverse e contrastanti: c’è chi spinge per una revisione anche marcata della Legge Fornero e chi preferirebbe un intervento di portata limitata che sia quasi a costo zero per le casse dello Stato.   Il restyling partirà dalla proposta consegnata a Palazzo Chigi dal Presidente Tito Boeri…
Con molta probabilità le nuove misure non saranno inserite nella Legge di stabilità ma potrebbero essere inserito in un apposito “collegato”.

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag.  7)

INPGI – Il CdA ha varato la manovra per mettere in sicurezza i conti dell’Istituto

agosto 27, 2015

INPGI – Il CdA ha varato la manovra per mettere in sicurezza i conti dell’Istituto, che dovrà essere approvata dai Ministeri Vigilanti.

Sono previsti interventi in materia di entrate contributive, di prestazioni facoltative, modifiche ai requisiti di accesso della pensione di vecchiaia e di anzianità nonché una precisa forma di flessibilità nell’accesso alla pensione anticipata.
Numerosi gli altri punti varati.
Sul sito anche il nuovo “Regolamento delle prestazioni previdenziali e assistenziali dell’INPGI con le modifiche adottate dal Consiglio di amministrazione del 27 luglio 2015 che saranno inviate ai Ministeri vigilanti per la relativa approvazione di legge”.

Leggi la circolare

Riforma della Pa. La nuova dirigenza, Segretari comunali, Organi di governo e manager

agosto 26, 2015agosto 26, 2015

Riforma della Pa. La nuova dirigenza, Segretari comunali, Organi di governo e manager.

La nuova dirigenza: incarichi a termine e licenziabilità; resta il nodo dei criteri per conferire le funzioni.

Segretari comunali: addio all’albo con regole transitorie per tre anni.

Organi di governo e manager: competenze più nette e responsabilità da riscrivere.

 (Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 36)

Riforma della Pa. Pubblico impiego, scocca l’ora della contrattazione

agosto 25, 2015agosto 25, 2015

Riforma della Pa. Pubblico impiego, scocca l’ora della contrattazione

Il nuovo contratto, il nodo dei quattro comparti, accordi integrativi al bivio, l’Aran cambia faccia: nuovi obiettivi per l’Agenzia

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 38)

Circolare 24.08.2015, n. 153. Limiti retributivi quiescenza, fine servizio e fine rapporto iscritti alla gestione dipendenti pubblici.

agosto 24, 2015agosto 24, 2015

Circolare 24.08.2015, n. 153. Limiti retributivi quiescenza, fine servizio e fine rapporto iscritti alla gestione dipendenti pubblici.

OGGETTO: “Riduzione dei limiti retributivi di cui agli articoli  23 bis e 23 ter del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 operata ai sensi dell’art. 13 del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 convertito con modificazioni dalla legge 23 luglio 2014, n. 89 – effetti sul calcolo dei trattamenti di quiescenza e di fine servizio e fine rapporto degli iscritti alla gestione dipendenti pubblici dell’Inps”.

In base agli articoli 23-bis e 23-ter del D.L. 201/2011 ed al D.P.C.M. 23 marzo 2012, concorrono al raggiungimento del livello remunerativo massimo tutti gli emolumenti corrisposti nell’ambito di [...]

La riforma Madia. L’agenda della Legge di riforma n. 124 del 07.08.2015.

agosto 24, 2015

La riforma Madia. L’agenda della Legge di riforma n. 124 del 07.08.2015.

Nuova Pa al via con il silenzio-assenso e autotutela. Entro 30 giorni obbligo di risposta tra le amministrazioni (…)

(Fonte Il Sole 24 ore – pag. 2)

Riforma della Pa. Nuovi concorsi e selezioni future (…).

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi - pagg. 24 e 26)

Legge stabilità. Pensione in anticipo con penalità e prestito

agosto 23, 2015agosto 23, 2015

Legge stabilità. Pensione in anticipo con penalità e prestito

Piano flessibilità nella manovra: l’ipotesi del mix per integrare la riduzione annua del 3% dell’assegno

Baretta: con la flessibilità vantaggi per lavoratori e imprese

Il colloquio: la legge Fornero non va cambiata, ma va superata la sua rigidità. Le priorità della manovra restano lo stop delle clausole, il taglio delle tasse e la decontribuzione.

 (Fonte Il Sole 24 ore – pag. 5)

INPS – Circolare n. 152 del 18-08-2015 Fruizione del congedo parentale in modalità oraria

agosto 19, 2015agosto 19, 2015

INPS - Circolare n. 152 del 18-08-2015 Fruizione del congedo parentale in modalità oraria

La modalità di fruizione oraria del congedo parentale - in base alle modifiche apportate all'articolo 32 del Testo unico sulla maternità/paternità - si aggiunge alla modalità di fruizione su base giornaliera e mensile. Non cambiano i limiti complessivi ed individuali entro i quali i genitori lavoratori dipendenti possono assentarsi dal lavoro; per altro, con il decreto legislativo n. 80 del 2015, è stato previsto l’ampliamento sia del periodo entro il quale è possibile fruire del congedo parentale (da 8 a 12 anni del bambino) sia del periodo entro il quale il congedo è indennizzabile a prescindere dalle condizioni di reddito (da 3 a 6 anni del bambino).

I genitori lavoratori dipendenti possono quindi fruire del congedo parentale [...]

DECRETO LEGISLATIVO 5 agosto 2015, n. 128 – Certezza del diritto tra fisco e contribuenti

agosto 19, 2015

DECRETO LEGISLATIVO 5 agosto 2015, n. 128  - Certezza del diritto tra fisco e contribuenti

“Disposizioni sulla certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente, in attuazione degli articoli 5, 6 e 8, comma 2, della legge 11 marzo 2014, n. 23."

(GU n.190 del 18-8-2015)

 In attuazione della delega fiscale conferita con la legge 11 marzo 2014, n. 23, tesa alla realizzazione di un “sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita”, il governo ha emanato il decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128, recante, tra l’altro, disposizioni sulla certezza del diritto nei rapporti tra Fisco e Contribuente. Il decreto ha lo scopo di dare maggior certezza giuridica e stabilità al sistema tributario nazionale.

Leggi il decreto

LEGGE 6 agosto 2015, n. 125 – Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali (conversione in Legge D.L. 78/2015)

agosto 14, 2015agosto 14, 2015

LEGGE 6 agosto 2015, n. 125  - Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali (conversione in Legge D.L. 78/2015)

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, recante disposizioni urgenti in materia di enti territoriali.

(GU Serie generale n.188 del 14-8-2015 - Suppl. Ordinario n. 49)

Vedi la legge

 

TESTO COORDINATO DEL DECRETO-LEGGE 19 giugno 2015, n. 78 - Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali (Testo coordinato con la legge di conversione n. 125/2015)

Testo del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78 (in Supplemento ordinario n. 32/L alla Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 140 del 19 giugno 2015 ), coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015 , n. 125

(GU Serie generale n.188 del 14-8-2015 - Suppl. Ordinario n. 49)

Leggi [...]

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124 – Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.

agosto 13, 2015agosto 13, 2015

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124 - Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.

(GU Serie generale n.187 del 13-8-2015)

Vedi la legge

Sull’argomento vedi anche:

“Riforma PA, addio alle piante organiche. Apre il cantiere del Teso unico del pubblico impiego: assunzioni in base a fabbisogni e budget”;

“Più efficienza nel recupero del danno erariale – Spetta ai decreti attuativi definire il confine tra >indirizzo politico< e >attività gestionale<: solo per questa i vertici amministrativi potranno essere chiamati a rispondere davanti alla Corte dei Conti.

(Fonte Il Sole 24 ore del 11.08.2015 – pag. 5)

“La riforma PA taglia cento decreti. Governo pronto a sfoltire i provvedimenti applicativi in lista d’attesa previsti dal 2012 ad oggi”

(Fonte Il Sole 24 ore del [...]

Ministero Lavoro – Comunicato stampa relativo alla fruizione su base oraria del congedo parentale

agosto 13, 2015

Ministero Lavoro - Comunicato stampa relativo alla fruizione su base oraria del congedo parentale

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali conferma quanto aveva già precisato in un comunicato del 23 giugno, e cioè che la disposizione relativa alla possibilità di fruizione del congedo parentale su base oraria, finora prevista per il 2015, sarà resa permanente – come, peraltro, tutte le altre misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro contenute nel Decreto legislativo 81/2015 - con la prossima approvazione, in via definitiva, del Decreto legislativo in materia di ammortizzatori sociali.

Leggi il comunicato

DECRETO 31 luglio 2015 – Trasmissione spese sanitarie all’Agenzia entrate per la dichiarazione precompilata

agosto 11, 2015agosto 11, 2015

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 31 luglio 2015  - Trasmissione spese sanitarie all’Agenzia entrate per la dichiarazione precompilata

Specifiche tecniche e modalità operative relative alla trasmissione telematica delle spese sanitarie al Sistema Tessera Sanitaria, da rendere disponibili all'Agenzia delle entrate per la dichiarazione dei redditi precompilata.

(GU Serie generale n.185 del 11-8-2015)

Leggi il decreto

“Risorse umane. Tra DL enti locali e circolare della Funzione pubblica. Profili infungibili, assunzioni non solo per il personale scolastico”

agosto 10, 2015agosto 10, 2015

“Risorse umane. Tra DL enti locali e circolare della Funzione pubblica. Profili infungibili, assunzioni non solo per il personale scolastico”
(Fonte Il Sole 24 ore del 10.08.2015 – Norme e tributi – pag. 24)
FUNZIONI ESSENZIALI - La possibilità per i Comuni di reclutare professionalità assenti nelle Province va intesa per tutte le categorie indispensabili ai servizi

INAIL – Per il mese di agosto 2015 è possibile l’invio delle denunce di infortunio e malattie professionali tramite PEC

agosto 8, 2015agosto 8, 2015

INAIL – Per il mese di agosto 2015 è possibile l’invio delle denunce di infortunio e malattie professionali tramite PEC
In relazione agli interventi di manutenzione e adeguamento sui sistemi informativi INAIL, l’Istituto comunica che si potrebbe determinare l’indisponibilità del servizio online per l’invio delle denunce d’infortunio e di malattia professionale.
Pertanto, esclusivamente per il mese di agosto 2015, le strutture territoriali Inail possono accettare anche le denunce inviate tramite Pec, utilizzando i modelli 4 bis Prest e 101 Prest, indipendentemente dalla documentazione che attesta l’interruzione del servizio informatico

Leggi l'articolo

Aziende che operano con il sistema Uniemens: denunce mensili “Anomali e Provvisori”.

agosto 6, 2015agosto 6, 2015

Messaggio 6.8.2015, n. 5207

Aziende che operano con il sistema Uniemens: denunce mensili “Anomali e Provvisori”.

Il messaggio riguarda la denuncia Uniemens – sola parte dei contributi versati alla Gestione privata. (Disoccupazione e pensione per gli eventuali e dipendenti iscritti ad IVS)
In sostanza le denunce che riportano una "squadratura" tra la somma dei singoli elementi contributivi individuali e i dati dichiarativi “totale a debito e totale a credito” a livello aziendale sono classificate dall’Istituto previdenziale “anomale e provvisorie”.
Le “denunce squadrate” presentate a decorrere dal 1/10/2015 saranno proceduralmente equiparate a quelle non generabili. Possibili squadrature per Durc online.

Leggi il messaggio
Sull'argomento vedi anche il Sole 24ore – Norme e tributi – pag. 32

Jobs Act: le misure per conciliare vita e lavoro

agosto 5, 2015

Jobs Act: le misure per conciliare vita e lavoro

Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.80 attua la delega prevista dalla Legge n.183/2014.

Le novità introdotte e le modifiche al D. Lgs. 151/2001 della maternità e paternità.

 Leggi l'articolo

Il D.L. sugli enti locali è legge.

agosto 5, 2015

Il D.L. sugli enti locali è legge.

La Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva il disegno di legge, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78.

(Legge in attesa di pubblicazione sulla G.U.)

Leggi l'articolo
Sull’argomento vedi anche Il Sole 24 ore – pag. 4

Corte Costituzionale. Sentenza n. 180/2015 depositata il 23.07.2015

agosto 5, 2015

Corte Costituzionale. Sentenza n. 180/2015 depositata il 23.07.2015

Assegnazione di funzioni dirigenziali a dipendenti a tempo indeterminato di ruolo (…) appartenenti alla categoria D3 del comparto Regioni-Enti locali in possesso dei requisiti per l’accesso alla qualifica dirigenziale.

L’assegnazione temporanea di personale ad altre mansioni, nella specie di rango dirigenziale, viola il Testo Unico sul pubblico impiego.

Non si configura un’ipotesi di legittimo conferimento di mansioni superiori (di cui all’art. 52 del d.lgs. n. 165 del 2001) in quanto, oltre a non soddisfare i requisiti prescritti dal citato decreto legislativo (e dal relativo contratto collettivo), il conferimento di funzioni corrispondenti ad una diversa “carriera” (quella dirigenziale) piuttosto che di mansioni superiori, è sanzionato dall’art. 52, comma 5, del [...]

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata

agosto 4, 2015agosto 4, 2015

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata
Agenzia delle Entrate – Provvedimento n. 103408 del 31.07.2015 e relativo allegato

Il provvedimento dispone le modalità di accesso ai dati e il relativo trattamento, tenendo conto delle misure di tutela approntate dal Garante per la protezione dei dati personali, in accordo con il ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) e con l’Agenzia delle Entrate, per rafforzare la riservatezza dei dati sulla salute utilizzati per elaborare la precompilata.
In particolare il cittadino potrà esercitare il diritto di opposizione, decidendo di non rendere disponibili i propri dati all’Agenzia delle Entrate e di non farli inserire nella dichiarazione dei redditi.

Leggi il provvedimento
Sull’argomento vedi anche Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 29

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 luglio 2015

luglio 31, 2015luglio 31, 2015

Differimento del termine per la presentazione del modello 770/2015

Il termine per la presentazione in via telematica della dichiarazione 770 è stato prorogato ufficialmente al 21 settembre. 

In G.U. n. 175 di ieri il DPCM datato 28 luglio 2015

Leggi il decreto

sull’argomento vedi anche Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 33

Circolare 29.07.2015, n. 142 “Chiarimenti sulla nuova prestazione NASpI”

luglio 30, 2015luglio 30, 2015

L’INPS  fornisce diversi chiarimenti illustrando alcuni aspetti specifici della nuova prestazione di disoccupazione fra i quali:
- Requisito contributivo: almeno 13 settimane di contribuzione contro la disoccupazione nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;
- Meccanismo di neutralizzazione in riferimento all’individuazione del quadriennio per la ricerca del requisito contributivo (Cause e relativa disanima);
- Requisito lavorativo: trenta giornate di lavoro effettivo, a prescindere dal minimale contributivo, nei dodici mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione;
- Effetti sulla NASpI in caso di rifiuto alle proposte di lavoro o di trasferimento del lavoratore;
- Licenziamento con accettazione dell’offerta di conciliazione di cui all’art. 6 del D.Lgs. n. 23 del 2015 e licenziamento disciplinare.

Leggi la circolare
sull’argomento vedi anche Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 41 

 

 

Il 770 slitta al 21 settembre

luglio 29, 2015

Il 770 slitta al 21 settembre

Il Ministro dell’Economia ha firmato il DPCM che ora attende soltanto la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 34)

Inpgi, varata dal CdA la manovra per mettere in sicurezza i conti dell’Istituto

luglio 28, 2015luglio 28, 2015

Inpgi, varata dal CdA la manovra per mettere in sicurezza i conti dell’Istituto, che dovrà essere approvata dai Ministeri Vigilanti

Gli interventi in materia di entrate contributive, di prestazioni e di indennità di disoccupazione. Il regolamento delle prestazioni previdenziali e assistenziali  dopo le modifiche adottate dal CdA del 27.07.2015 per assicurare la sostenibilità della gestione previdenziale dell’ente  

Leggi l'articolo e il regolamento delle prestazioni

Sull’argomento vedi anche Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 35)

Personale. Le conseguenze delle istruzioni della Ragioneria

luglio 27, 2015luglio 27, 2015

Personale. Le conseguenze delle istruzioni della Ragioneria

Per i nuovi fondi decentrati solo la replica dei tagli 2014

Circolare Mef – Ragioneria generale dello Stato - 08.05.2015, n. 20 “Istruzioni applicative circa la decurtazione permanente da applicare, a partire dal 2015, ai fondi della contrattazione integrativa (…)” .

La circolare ha lo scopo di impartire istruzioni operative in materia di fondi per la contrattazione integrativa, alla luce delle disposizioni introdotte con la legge n. 147/2013 ed è rivolta a tutte le amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Leggi la circolare

Amministratori enti locali: il parere sul rimborso spese di viaggio.

luglio 26, 2015

Amministratori enti locali: il parere sul rimborso spese di viaggio.

Corte dei Conti  - Emilia Romagna – Par. 118/2015/Par del 10.07.2015

Parere su art. 84 – comma 3 del TUEL in particolare “ …. se sia consentito … rimborsare ad un Amministratore residente in una frazione del Comune  un importo corrispondente al costo del biglietto del mezzo pubblico  … laddove il mezzo di trasporto pubblico non sia concretamente utilizzabile  per la mancanza o l’estrema disagevolezza dei collegamenti degli orari interessati…”

Leggi l'articolo

Leggi i pareri

L’INPS: rimborsi 730 a partire da agosto

luglio 23, 2015luglio 23, 2015

Il conguaglio 730 è già stato incorporato nel rateo di pensione di agosto per tutti i pensionati il cui modello è pervenuto entro il 30.06.2015. Per le dichiarazioni pervenute da inizio luglio i conguagli saranno eseguiti con tempistiche diverse come segue: a) dichiarazioni A DEBITO pervenute dal 1 luglio in poi  – i conguagli saranno eseguiti a settembre;  b)  Conguagli A CREDITO dichiarazioni pervenute entro il 20.07.2015: i rimborsi saranno eseguiti in agosto 2015; c) Conguagli A CREDITO dichiarazioni pervenute oltre il 20.07.2015: i rimborsi saranno eseguiti in settembre 2015.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 35)

Leggi il comunicato stampa

Fondazione studi consulenti del lavoro

luglio 22, 2015luglio 22, 2015

Circolare 21.07.2015, n. 17 (D. Lgs. 80/2015 in attuazione del “Jobs act”

La circolare esegue una ricognizione del D. Lgs.  15.06.2015, n. 80 “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro (…)”. I capitoli di maggior interesse sono “Il congedo obbligatorio -  Parti fortemente prematuri – Sospensione del congedo in caso di ricovero del neonato – Diritto del padre del congedo in caso di adozione o affidamento anche se la madre è lavoratrice autonoma – I congedi parentali  (…) e altri diritti 

Leggi la circolare

Proroga 730, rimborsi a rischio

luglio 22, 2015

L’articolo commenta i motivi e gli effetti della proroga del 730 al 23 luglio ed è integrato dal calendario con le prossime scadenze riguardanti la medesima dichiarazione.

(Fonte Il Sole 24 ore, pag. 2)

Ritenute omesse, doppie sanzioni

luglio 22, 2015

No al “ne bis in indem”:  sovrapposizione delle conseguenze civili e penali solo apparente
Sentenza Corte di Cassazione – Terza sezione – n. 31738 depositata il 20.07.2015

Il mancato pagamento dei contributi comporta una “sanzione civilistica” che ha solamente l’obiettivo di ristoro verso INPS; al contrario il versante penale tutela il diritto del lavoratore a cui sono sottratte le somme previdenziali a lui riservate.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 36)

L. 17 luglio 2015, n. 109

luglio 21, 2015luglio 21, 2015

L. 17 luglio 2015, n. 109 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65 recante disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR”.

Testo coordinato del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65

I pensionati aventi diritto percepiranno in agosto la rivalutazione delle pensioni e gli arretrati relativi agli anni 2012-2013, in applicazione alla sentenza dalla Corte Costituzionale n. 70/2015.

Leggi la sentenza

Vedi il testo coordinato del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65

 

CORTE DEI CONTI Sezione Lombardia – Parere 191/2015 Incentivi al personale per la realizzazione di opere pubbliche

luglio 21, 2015

Il parere riguarda la corretta interpretazione dell’art. 13-bis della D.L. 24.06.2014, n. 90, introdotto dalla Legge di conversione 11.08.2014, n. 114 ed entrato in vigore a decorrere dal 19.08.2014.
La sezione regionale della Corte dei Conti della Lombardia esprime il seguente parere “(…) l’obbligo di non superare nella corresponsione di incentivi al singolo dipendente, nel corso dell’anno, l’importo del 50% del trattamento economico complessivo annuo lordo, è applicabile al pagamento degli incentivi dovuti per attività tecnico professionali espletate dai dipendenti individuati dalla norma a far data dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90” (…)
Quindi principio di competenza ….

Leggi l'articolo

Preventivo all’esame dei revisori

luglio 20, 2015luglio 20, 2015

Dal 2015 nuove indicazioni per l’accertamento delle entrate e l’impegno delle spese

La lista dei controlli da effettuare per la redazione del documento di bilancio, nel rispetto del D. Lgs. 118/2011 per gli enti locali.

Leggi il decreto

Da completare il quadro tracciato nella Cu 2015

luglio 20, 2015

L’articolo, oltre a descrivere alcuni aspetti generali della dichiarazione 770/2015, riserva un paragrafo alle modalità da seguire nei casi di operazioni straordinarie con o senza estinzione del precedente sostituto d’imposta. Inoltre si sofferma sul 770 ordinario e sulle “dichiarazioni correttive” .

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme tributi – pag. 21

Nel 770 la storia del bonus IRPEF

luglio 20, 2015

I sostituti indicano gli importi erogati e quelli recuperati in sede di conguaglio

L’articolo descrive le modalità per la compilazione del 770/2015 e, in particolare, l’esposizione del “Bonus IRPEF” nei prospetti ST ed SX

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme tributi – pag. 21)

Circolare 17.07.2015, n. 139

luglio 18, 2015luglio 18, 2015

Circolare 17.07.2015, n. 139 “Decreto legislativo n. 80 del 15 giugno 2015 in attuazione dell’art. 1, commi 8 e 9 della legge delega n. 183 del 2014 (Jobs Act).Congedo parentale. Elevazione dei limiti temporali di fruibilità del congedo parentale da 8 a 12 anni ed elevazione dei limiti temporali di indennizzo a prescindere dalle condizioni di reddito da 3 a 6 anni

L’INPS ha emanato la circolare sull’aumento dei limiti temporali, le condizioni di reddito e le varie casistiche riguardanti il congedo parentale.

Leggi la circolare

 

Nel 770 le certificazioni trasmesse dopo la scadenza

luglio 16, 2015luglio 16, 2015

I dubbi dei sostituti d’imposta. L’articolo ricorda che entro il 31 luglio i sostituti d’imposta, qualora non vi abbiano già provveduto, debbono trasmettere le C.U. dei lavoratori autonomi che non sono stati interessati dall’avvio sperimentale del 730 precompilato. Inoltre l’articolo riporta i dubbi operativi riguardanti la compilazione del prospetto/quadro ST del 770 in presenza del credito/bonus Renzi e le problematiche collegate alla trasmissione tardiva o “in sostituzione” delle C.U. successivamente alla scadenza.

(Fonte Il Sole 24 ore – Norme e tributi – pag. 39)

Pensioni, da agosto restituita la rivalutazione

luglio 16, 2015

Pagamenti al via con gli assegni di agosto. Restituita solo una parte dell’indicizzazione.
L’INPS riconoscerà un’una a tantum per il 2012 e il 2013 – Importi ridotti per gli anni successivi.
Approvata la legge di conversione del DL 65/2015 varato dal Governo per recepire gli effetti della sentenza Corte Costituzionale sulla mancata perequazione dei trattamenti pensionistici biennio 2012/2013
Leggi l'articolo

Messaggio 16.7.2015, n. 4805

luglio 16, 2015

Prolungamento del congedo parentale per figli con disabilità in situazione di gravità. Elevazione dei limiti temporali di fruibilità da 8 a 12 anni. Modalità di presentazione della domanda nel periodo transitorio.

Leggi il messaggio

CORTE DEI CONTI – DELIBERA 4 giugno 2015

luglio 14, 2015luglio 14, 2015

Linee guida per la relazione dei collegi sindacali degli enti del Servizio sanitario nazionale sul bilancio di esercizio 2014 ai sensi dell'articolo 1, comma 170, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006), e dell'articolo 1, comma 3 del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre 2012, n. 213. (Delibera n. 20/SEZAUT/2015/INPR). (15A05197)

Leggi l'atto in Gazzetta Ufficiale

 

Responsabilità civile nella P.A. Per le spese legali rimborsi ai dipendenti con vincoli precisi

luglio 14, 2015

Il presupposto per il rimborso da parte dell’ente pubblico delle spese legali sostenute dal dipendente, a seguito dell’apertura nei suoi confronti di un procedimento di responsabilità civile, contabile o penale per fatti inerenti all’espletamento delle sue mansioni, può avere luogo soltanto in assenza di conflitto di interessi tra ente e lavoratore e se la contestazione è sull’esercizio delle funzioni.

Più in particolare si ritiene che il rimborso delle spese legali sia legato alla coesistenza simultanea dei seguenti presupposti:

  • Contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato;
  • Connessione diretta dei fatti all’espletamento del servizio o agli obblighi istituzionali;
  • Assenza di conflitto di interessi;
  • Sentenza/Provvedimento di assoluzione o proscioglimento con formula piena passato in giudicato [...]

Decreto 26 giugno 2015 “Monitoraggio semestrale del patto di stabilità interno (…)”

luglio 13, 2015luglio 13, 2015

G.U. 10.7.2015, n. 158 - Serie generale
Ministero dell’Economia e delle Finanze
Decreto 26 giugno 2015 “Monitoraggio semestrale del patto di stabilità interno (…)”

Le città' metropolitane, le province e i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, in applicazione del comma 19 dell'art. 31 della legge 12 novembre 2011, n. 183, forniscono al Ministero dell'economia e delle finanze, Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, le informazioni per il monitoraggio semestrale del patto di stabilità interno per l'anno 2015 (…)

(…) l'invio delle informazioni relative al primo semestre 2015 (… entro trenta giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del presente decreto ministeriale. Le risultanze del patto di stabilità interno per l'intero anno 2015, invece, devono essere inviate entro il 31 gennaio 2016.

Leggi il decreto

Decreto 26 giugno 2015 “Attuazione del comma 19 dell’art. 31 della L. 183/2011

luglio 13, 2015

G.U. 10.7.2015, n. 158 - Serie generale
Ministero dell’Economia e delle Finanze
Decreto 26 giugno 2015 “Attuazione del comma 19 dell’art. 31 della L. 183/2011

Le province, le città metropolitane ed i comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti trasmettono al Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, le informazioni concernenti gli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno per il quadriennio 2015-2018, ai sensi del comma 19 dell'art. 31 della legge n. 183 del 2011 (…)
I prospetti devono essere trasmessi (…) entro quarantacinque giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale.

Leggi il decreto

ENTI LOCALI SALTA IL BLOCCO PER VIGILI STAGIONALI

luglio 10, 2015luglio 10, 2015

La riforma del Decreto enti locali ora in atto al Parlamento e conseguente alla riforma delle Province prevede il transito della “Polizia provinciale” negli organici dei Comuni. La norma vieta ai Comuni il reclutamento di personale di polizia locale con qualsiasi forma contrattuale fino al completo assorbimento di tutta la polizia provinciale. Il Governo ha promesso di emendare la norma nel senso che i Comuni, quando ricorrono esigenze temporalmente circoscritte e connesse con i flussi stagionali, possono ricorrere a personale stagionale . Per il momento gli enti locali possono valutare autonomamente se adottare soluzioni, in ambiti assolutamente circoscritti, che anticipino l’intervento normativo che consentirà, in particolari casi, il ricorso a personale di polizia stagionale”.
(Fonte Il Sole 24 ore Norme e tributi pag. 39)

PENSIONI SEMPLIFICATE PER CHI LAVORA IN GIAPPONE O ISRAELE

luglio 10, 2015

Pensione più facile per chi ha lavorato in Giappone ed Israele. Possibilità di totalizzare i periodi ai fini pensionistici. In G.U. le convenzioni .

L. 18 giugno 2015, n. 97 “Ratifica ed esecuzione dell’accordo tra la Repubblica Italiana e il Giappone sulla sicurezza sociale, fatto a Roma il 6 febbraio 2009”

Vedi la legge

L. 18 giugno 2015, n. 98 “Ratifica ed esecuzione dell’accordo tra la Repubblica Italiana e lo stato di Israele sulla previdenza sociale, fatto a Gerusalemme il 2 febbraio 2010” 

Vedi la legge

La speranza di vita riduce l’assegno

luglio 8, 2015luglio 8, 2015

Dal 2016 i nuovi coefficienti per calcolare la quota contributiva della pensione
Gli indici di trasformazione incentivano la permanenza al lavoro
La revisione dei coefficienti che trasformano il montante contributivo in quota di pensione ridurrà l’importo dell’assegno a motivo dell’aumento della speranza di vita.

(Fonte il Sole 24 Ore pag.37)

Proroga ampia sul 730 precompilato

luglio 8, 2015

Differimento della scadenza al 23 luglio anche per l’invio “fai-da-te” dal sito delle Entrate.
La correzione diretta di errori sulla dichiarazione già inviata non potrà più essere eseguita. Dal 30 giugno le correzioni devono essere effettuate soltanto con le regole ordinarie e cioè con la presentazione di un 730 integrativo a un Caf o a un Professionista entro il 26 ottobre 2015 (solo nei casi di maggior credito, minor debito o imposta invariata) oppure tramite presentazione di Unico entro il 30 settembre.
alla proroga recata dal DPCM 26 giugno 2015.

(Fonte il Sole 24 Ore pag.34)

Pensioni più leggere dal 2016

luglio 7, 2015luglio 7, 2015

L’adeguamento della speranza di vita riduce l’importo dell’assegno.
Pubblicato il Decreto con l’aggiornamento dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo.

Leggi l'articolo

Diritti di rogito solo per i Segretari di fascia C

luglio 7, 2015

DELIBERAZIONE CORTE DEI CONTI 

Deliberazione n. 21/2015 “Sezione autonomie della Corte dei Conti”Diritti di rogito solo per i Segretari di fascia C. La deliberazione ha fissato il principio di diritto in base al quale i “diritti di rogito” spettano ai soli segretari di fascia C e quando gli stessi possono essere attribuiti.

Leggi la deliberazione

Novità su congedo parentale

luglio 7, 2015

Messaggio 06.07.2015, n. 4576

“Congedo parentale. Elevazione dei limiti temporali di fruibilità del congedo parentale da 8 a 12 anni ed elevazione dei limiti temporali di indennizzo a prescindere dalle condizioni di reddito da 3 a 6 anni. Modalità di presentazione della domanda nel periodo transitorio” (Istruzioni operative per le domande mese luglio 2015)

Le suddette estensioni sono limitate ai periodi di congedo fruiti dal 25 giugno 2015 al 31 dicembre 2015.Il D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 (in vigore dal 15.06.2015), ha modificato gli artt. 32 e 34 del D. Lgs. n. 151/ 2001 in materia di congedo parentale. I genitori possono fruire dei periodi di congedo parentale residui fino a 12 anni di vita del figlio oppure fino ai 12 anni dall’ingresso in famiglia del minore adottato o affidato; i congedi dai 3 a 6 anni di vita del figlio oppure da 3 a 6 anni dall’ingresso in [...]

Il PIL negativo non svaluta la dote dei contributi

luglio 6, 2015luglio 6, 2015

Approvato dalla Camera il DL 65/2015 per il ricalcolo delle pensioni che ora deve essere trasmesso al Senato. Perequazione parziale per gli assegni superiori a tre volte il minimo INPS per gli anni 2012 e 2013 e “capitalizzazione” ridotta per gli anni successivi.
Il 1° agosto INPS pagherà gli arretrati e le pensioni perequate.

Leggi il D.L.

Nessuna proroga per il 770 e rinvio al 23 luglio del 730

luglio 6, 2015

Il 7 luglio scade il termine fissato originariamente per la presentazione del 730 da parte di Caf e Professionisti. Il Governo ha spostato al 23 luglio il termine per l’invio della dichiarazione a condizione che gli intermediari abbiano già inviato all’Agenzia delle Entrate, entro il 7 luglio, almeno l’80% delle dichiarazioni. I dipendenti e i pensionati che entreranno nel regime di proroga percepiranno i rimborsi e subiranno le trattenute in ritardo rispetto agli altri contribuenti (conguagli successivi al mese di luglio).  Scadenza immutata per tutti coloro che hanno scelto il “fai-da-te”. Nessuna proroga per il 770 semplificato ed ordinario la cui scadenza resta fissata al 31 luglio 2015.

Leggi l'articolo

INPS – Messaggio 01.07.2015, n. 4477

luglio 2, 2015luglio 2, 2015

“Introduzione nuovi controlli al flusso mensile UNIEMENS – ListaPosPA - Precisazioni.
Proroga nuovi controlli di tipo “warning” a partire dalle denunce trasmesse dal 6 luglio 2015. Da tale data i suddetti errori saranno bloccanti e, quindi, impediranno l’invio dei flussi.

Leggi il messaggio

I nuovi contratti su Job Acts

luglio 2, 2015

Il Focus del Sole 24 ore esamina l'attuazione del Jobs act in relazione: 
- all'attuazione del Jobs act nella parte riguardante il riordino dei contratti di lavoro; in particolare il rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato come forma contrattuale comune, le collaborazioni, il lavoro a tempo parziale, il lavoro intermittente, il contratto a tempo determinato, la somministrazione, l'apprendistato, il lavoro acessorio; 
- alle misure per tutelare la maternità delle lavoratrici e a favorire le opportunità di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per la generalità dei lavoratori (in particolare congedi di maternità e paternità) 

Leggi l'inserto

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE

luglio 1, 2015

Comunicato di applicazione ai contratti di mutuo ipotecario edilizio a tasso fisso, erogati agli iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, del tasso di interesse fissato nella misura del 2,95%.
(G.U. – Serie generale – n. 149 del 30.06.2015)

Dal 1° luglio 2015, sui contratti di mutuo ipotecario edilizio a tasso fisso – erogati agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali – si attua una riduzione del tasso di interesse. Il nuovo tasso è fissato nella misura del 2,95%.
Il provvedimento si applica, automaticamente, ai contratti a tasso fisso stipulati a partire dal 1° luglio 2015 e a quelli antecedenti la predetta data a condizione che, il relativo iter, non sia ancora perfezionato con il rogito.
Il Presidente dell'Inps ha, inoltre, determinato la modifica dell'articolo 7, comma 2, del Regolamento per [...]