Novità del CCNL 2016-2018, ape social: novità e scadenze

È uscita la newsletter n. 3 di marzo 2018: “Novità del CCNL 2016-2018, ape social: novità e scadenze”

Contratto Comparto Funzioni Locali : novità in arrivo
Il contratto, non ancora entrato in vigore – diventerà efficace a seguito della sottoscrizione definitiva, una volta concluso l’iter di verifica e controllo della sua compatibilità economica.
Presenta alcuni importanti innovazioni in materia di ferie, orario di lavoro, assenze, permessi e congedi. 
Segnaliamo ad esempio l’art 36 del nuovo CCNL che disciplina le assenze per malattia ed in particolare il comma 4 che analizza la procedura di inidoneità alle mansioni.
Nella giornata del 5 aprile 2018 approfondiremo il nuovo CCNL per essere tempestivi nell’applicazione delle nuove regole.
Per iscriversi o ricevere maggiori informazioni contattateci!

Ape social: scadenze e novità

Tutti coloro che possono richiedere l’Ape sociale nel 2018 devono presentare le domande all’INPS nei seguenti termini 

  • 31 marzo 2018 (Risposta dell’Inps entro il 30 giugno 2018) 
  • 15 luglio 2018 (Risposta dell’Inps entro  il 15 ottobre 2018)
  • 30 novembre (Risposta dell’Inps entro il 31 dicembre del 2018) in questo caso le domande sono prese in considerazione esclusivamente se all’esito del monitoraggio dello “scaglione” precedente residuano le necessarie risorse finanziarie.

Le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018 in materia di Ape Sociale sono indicate nella circolare 34 del 23/02/2018, possiamo così riassumerle:

  •  per le donne con figli è stata introdotta una riduzione del requisito contributivo minimo richiesto per l’accesso al beneficio, nella misura di 12 mesi per ciascun figlio, per un massimo di 24 mesi.
  •  E’ stata estesa la platea dei destinatari in merito ai beneficiari di cui alle lettere a), b) e d) dell’articolo 1, comma 179, della legge di Bilancio 2017 ovvero alle categorie dei: disoccupati, dei soggetti che assistono e convivono con disabili affetti da handicap grave, e dei lavoratori addetti a mansioni c.d. “gravose”. Nessuna modifica è stata, invece, introdotta in merito alle condizioni richieste per l’accesso al beneficio per gli invalidi civili in misura pari o superiore al 74% di cui alla lettera c) del citato comma 179.
  • In particolare, per la categoria dei lavoratori addetti a mansioni c.d. “gravose” la legge di Bilancio 2018 ha incluso nuove professioni, il vecchio elenco è stato sostituito dall’allegato A al DM 5 febbraio 2018 nell’elenco delle attività c.d. gravose. Tra le condizioni richieste per l’accesso al beneficio è stata eliminata  l’applicazione da parte del datore di lavoro delle voci di tariffa INAIL con un tasso medio non inferiore al 17 per mille.

Per tutte le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018 consulta le nostre dispense che trovi nella homepage del nostro sito